Quei due homus grillino a "Porta a Porta"

Potremmo essere governati (Dio ci scampi) da scimmioni che ragionano politicamente per "razze" e ritengono la nostra inferiore

Quei due homus grillino a "Porta a Porta"

Nel Porta a Porta salotto di Bruno Vespa negli anni si è visto e sentito di tutto, ma lo strano duo tipo Gianni e Pinotto che ha tenuto banco l'altra sera davvero ha superato ogni aspettativa. Sorprendente e irrituale il parterre, che invece di contrapporre parti avverse ha visto affiancati due esponenti dello stesso partito, i capigruppo grillini di Camera e Senato Giulia Grillo e Danilo Toninelli (mai visti, che ne so, Brunetta e Romani nella stessa puntata). Non sappiamo se ciò è dovuto al fatto che i due si dovevano commissionare a vicenda o se più probabilmente è come nelle barzellette sui carabinieri che viaggiano sempre in due perché uno sa scrivere e l'altro sa leggere. Ma oltre alla forma, imbarazzante è stata la sostanza dei loro sgrammaticati interventi (tale leader, tale figli). Danilo Toninelli è arrivato a dire che non c'è nessuna possibilità di allearsi con Forza Italia perché «siamo geneticamente diversi, abbiamo altri geni rispetto a Berlusconi e i suoi».

Se per geni intendiamo i talenti, non c'è dubbio che l'impiegato (questo faceva nella vita) Toninelli non abbia quelli del Cavaliere. E a ben guardarlo, Toninelli appare in effetti geneticamente diverso. Nell'aspetto e nella postura ricorda, più che l'homo sapiens, un pan troglodytes, nota razza di scimpanzè che in natura, a differenza sua, non porta gli occhiali. Ma capirete bene che il problema è un altro. E cioè che potremmo essere governati (Dio ci scampi) da scimmioni che ragionano politicamente per «razze» e ritengono la nostra inferiore, non degna di sedersi allo stesso tavolo. Scusate la franchezza, ma viene spontaneo chiedersi: ma che «razza» di cretino è questo Toninelli che si crede «geneticamente superiore» a Silvio Berlusconi e a tutti noi? Quante ne dobbiamo ancora sentire prima che il Paese si renda conto in che «razza» di mani potrebbe finire? Non invidio Salvini, «razza» padana, costretto dalla sorte a trattare con persone simili, dovendo per di più fare finta di ritenerle serie nonostante in un recente passato gli abbiano dato del ladro, del razzista e dell'imbroglione.

La trattativa per il nuovo governo sarà ancora lunga. Siamo pronti a tutto, meno che ai Toninelli. Sono troppo per noi, troppo mediocri, troppo ignoranti, troppo invidiosi.

Commenti