Ragazzo morto a Napoli, dilaga l'odio: "La camorra protegge, lo Stato uccide"

Dopo l'episodio avvenuto a Napoli gli utenti di Facebook e Twitter postano insulti contro le forze dell'ordine

Dilaga l'odio contro le forze di polizia sui social network in seguito all'episodio avvenuto a Napoli. Questa mattina Davide Bifolco, un 17enne napoletano, ha perso la vita dopo essere stato colpito da un carabiniere. I militari avevano intimato al ragazzo, a bordo di uno scooter con altri due amici, di fermarsi, ma lo scooter guidato da un amico del giovane ha proseguito la corsa. Al termine dell'inseguimento Davide è stato colpito da un colpo partito accidentalmente dalla pistola d'ordinanza di uno dei carabinieri.

Fin da subito gli amici del ragazzo hanno accusato le forze dell'ordine di aver ucciso il ragazzo. "La camorra ci protegge, lo Stato ci uccide" ha affermato un vicino di casa di Davide. Il giovane abitava nel Rione Traiano, una delle zone di Napoli dove la presenza della criminialità organizzata è molto forte. Un altro uomo, presente sul luogo dell'accaduto, urla: "Mi vergogno di essere italiano. Questo carabiniere è stato arrestato? La prende la condanna?". Non solo. Lo slogan "ACAB", letteralmente "All Cops Are Bastards cioè "Tutti gli sbirri sono bastardi", è immediatamente apparso sulle bachece di molti utenti dei social network. E sono proprio gli utenti di facebook i più critici nei confronti delle forze dell'ordine. L'insulto più usato è "m***e". C'è anche chi si chiede: "A quando un altro Raciti?", in riferimento al poliziotto ucciso durante gli scontri del derby Catania-Palermo di qualche anno fa. "Bisogna reagire, chiedere il disarmo di questi co***i in divisa prima che diventino "accidentalmente" assassini, che si sentono autorizzati a sparare", dice un altro utente. Su Twitter, invece, a causa della scarsa quantità di caratteri disponibili per un post, si scrive anche in rima rispolverando un motto degli anni '70: "Oggi più di ieri odio polizia e carabinieri".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Boxster65

Ven, 05/09/2014 - 15:10

Bifolco. Il giusto cognome per un Napoletano!!

sbrigati

Ven, 05/09/2014 - 15:50

Un consiglio al ministro degli interni: considerato che preferiscono la camorra allo stato, perchè non ritirare tutte le forze dell'ordine dalla campania?

killkoms

Ven, 05/09/2014 - 17:32

massa di cialtroni buoni solo a leccare il kulo ai criminali!se si trattava di un delitto di mafia,anche accidentale come ne sono accaduti tanti nel napoletani,si facevano i katz loro!nessuno aveva visto nulla!bisognerebbe dotare il centralino del 113 di un software che "discrimini" le chiamate che arrivano da quel fottuto quartiere,facendole cadere!se la camorra li difende,si rivolgano alla stessa,invece che allo stato!

bfesta

Sab, 06/09/2014 - 06:58

se il fatto si fosse verificato nel senso inverso il RIONE TRAIANO a quest'ora sarebbe in festa ,ma purtroppo le cose stanno così.

RawPower75

Sab, 06/09/2014 - 14:46

E c'è ancora qualcuno che è contrario alla secessione??!!??

puponzolo

Sab, 06/09/2014 - 15:43

Bah! Che la camorra protegga non mi sembra proprio. Quando a Napoli i giovani cadevano vittime di esecuzioni sommarie, colpiti da spari o raffiche di mitraglietta sparati da ignoti in moto, non ricordo che la gente si sia mai mobilitata contro i camorristi. Forse che erano esecuzioni giuste? A questo punto si facciano amministrare dalla camorra, ma non vengano a scocciare se poi capita che sotto casa si ritrovano tutta la mondezza d'Europa, l'acqua inquinata e un omicidio al primo incrocio.

mila

Sab, 06/09/2014 - 17:12

"La camorra protegge, lo Stato uccide". Non capisco perché a Napoli e dintorni non stiano organizzando un bel referendum per uscire da questo Stato.

Marcolux

Sab, 06/09/2014 - 18:36

Certo, alla Camorra danno i soldi, dallo Stato rubano le pensioni d'invalidità e i posti di lavorio fittizi. Anche Napoli è un grande problema italiano irrisolto, aggravato da decenni di amministrazione comunista. Solo Mussolini riuscì a riportatre la legalità in tutto il sud. I delinquenti dovettero scappare tutti, e nacque la mafia americana. In Romania è successa la stessa cosa: i delinquenti sono venuti tutti in Italia, perchè qui, come i Napoletani a Napoli, non rischiano niente.

paspas

Dom, 07/09/2014 - 06:19

Se preferiscono la camorra BENE, ritiriamo le forze dell'ordine e lasciamo che si ammazzino tra loro. 12 mesi e napoli non esistera' piu'. Vivremo in pace.

Ritratto di sitten

sitten

Lun, 08/09/2014 - 08:42

@Boxster 65, purtroppo di imbecilli dal nord al sud alle isole, ci sono e ci saranno sempre. Un Italiano di Napoli.