Cronache

"Quando la ventenne ti guarda...": Receptionist d’albergo nei guai per un tweet

Un receptionist d’albergo è finito nei guai per un tweet. L’uomo, 45 anni, era solito commentare in una chat di gruppo, con parole volgari, l’aspetto fisico e l’età delle ospiti della struttura ricettiva

"Quando la ventenne ti guarda...": Receptionist d’albergo nei guai per un tweet

Un receptionist d’albergo è finito nei guai per un tweet. L’uomo, 45 anni, era infatti solito commentare in una chat di gruppo, con parole volgari e allusioni sessuali, l’aspetto fisico e l’età delle ospiti della struttura ricettiva. Il titolare del noto hotel 4 stelle di Milazzo, Il Principe, in cui lavora appunto il receptionist, ha chiesto che la struttura non venga messa di mezzo, asserendo che sono già stati presi provvedimenti. Infatti, moltissimi utenti, dopo aver visto i video del 45enne su Tik Tok, sono subito corsi a mettere recensioni negative all’hotel, costringendo Tripadvisor a bloccare la possibilità di lasciare commenti sul sito.

La denuncia su Twitter

Stefano, questo il nome con cui l’uomo si presenta sul social, scrive sulla chat di gruppo commenti riguardanti le varie donne ospiti dell’albergo, ancora meglio se giovanissime, in cui vengono anche rivelati dati personali e nomi senza il consenso delle dirette interessate. Moltissimi utenti hanno quindi chiesto alla piattaforma di bloccare il profilo in questione. Tra coloro che lo hanno criticato, una in particolare, A girl is a gun, si è data parecchio da fare per incriminare il 45enne pubblicando su Twitter alcuni screen dei suoi commenti accompagnati da un suggerimento: “Se volete potete telefonare o mandare una mail alla struttura per denunciare lo schifo, dal momento che il responsabile ha ben deciso di rendere privati tutti i video su Tik Tok”.

Commenti sulle ospiti più giovani

Naturalmente, in poco tempo sono arrivati insulti e attacchi vari al 45enne. Per fare un esempio, questo è uno dei commenti scritti da Stefano sulla chat:“Quando la 2002 fighissima ti guarda e sorride ogni volta che passa, ma è in camera con i genitori”. Per i suoi gusti poi, ragazze di 27 o 29 anni sono già troppo grandi. Tra i commentatori c’è chi, fortunatamente pochi, cerca di difenderlo: “Scusate ma di cosa lo state accusando precisamente? Sì, è un cog*** ma oltre ad esserlo quale sarebbe il reato così grave da farlo licenziare? Sarete persone più felici se sarà un disoccupato?”.

Preso d'assalto il sito di Tripadvisor

Il titolare dell’albergo ha fatto sapere di aver visionato tutti i post e di aver verificato che non è stata toccata la privacy di nessuno. Oltre al fatto di aver preso già un provvedimento nei confronti del dipendente, ammettendo che la vicenda è sgradevole. Certo non è stata una bella pubblicità per l'albergo. Sul sito di Tripadvisor compare la scritta: "A causa di un evento recente che ha attirato l'attenzione dei media e causato un afflusso di recensioni che non descrivono un'esperienza in prima persona, abbiamo temporaneamente sospeso la pubblicazione di nuove recensioni per questo profilo".

Commenti