La Regione Basilicata spende 130mila euro per mamma Rai

Tanto è costata alla Regione Basilicata l'ospitalità del personale Rai nelle strutture alberghiere di Matera per il programma L'anno che verrà

Fine anno salatissimo per mamma Rai. La tanto discussa trasmissione "L'anno che verrà" continua ad essere al centro delle polemiche non solo per le gaffes di tecnici e conduttori, ma anche per gli alti costi organizzativi. Come rivela Il Corriere della Sera le quasi 300 persone che sono approdate a Matera sono costate alla Regione Basilicata 130mila euro per l'alloggio in hotel da tre o quattro stelle.

La Regione governata da Marcello Pittella ha infatti stipulato una convenzione con la tivù di Stato per mandare in onda un programma televisivo che sarà trasmesso in prima serata in diretta su Raiuno ogni 31 dicembre fino all'anno in cui Matera sarà Capitale europea della cultura (il 2019). Nello specifico il 15 dicembre scorso è stato sottoscritto l’impegno contabile dell’esercizio 2015 per 460.000 euro, al netto di Iva, "per favorire un’azione informativa ed educativa finalizzata alla promozione e allo sviluppo del patrimonio paesaggistico, storico e culturale della città di Matera quale Capitale europea della cultura nel 2019". L'accordo tra la Regione e la Rai è stato ufficializzato solo il 20 novembre e oltre a questi 460mila euro netti prevede, appunto, anche l’ospitalità alberghiera. Per quanto riguarda il vitto, invece, i tecnici e la redazione del progranno hanno risolto facendo ricorso alla diaria della Rai, un compenso forfettario quotidiano prossimo ai 60 euro per colazioni, pranzi e cene ma per fortuna i prezzi dei ristoranti non solo lievitati.

I tecnici Rai sono arrivati da Milano mentre da Roma si sono mossi i conduttori, gli autori e tutta la squadra editoriale del programma. La macchina organizzativa della Rai che è servita per il montaggio del palco su piazza Vittorio Veneto ha invaso Matera e ha procurato danni al settore turistico anche l'hotel Hilton è riuscito a garantire decine di stanze e la sala ricevimenti dell'hotel San Domenico si è trasformata in sala dei camerini per gli artisti. È stata così evitata la trasferta verso gli hotel di Altamura che avrebbe fatto crescere ancora di più i già elevati costi di organizzazione. La Mediateca di Matera, ha ospitato il quartier generale Rai: la redazione, il trucco e altri camerini.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di mbferno

mbferno

Dom, 03/01/2016 - 12:45

Tutta questa gentaglia,le cui capacità sono sotto gli occhi di tutti,dovrebbero alloggiare in un ostello della gioventù, altro che hotel 3/4 stelle.E noi contribuenti,costretti ad ascoltare brani triti e ritriti( tipo finché la barca va) anni 60/70 essere risarciti dalla Rai stessa per danni morali e fisici,altro che canone.

Ritratto di mbferno

mbferno

Dom, 03/01/2016 - 12:50

Personalmente,vista la qualità complessiva (di programmi e tecnici) il massimo che avrei riconosciuto loro al posto della diaria da 60 euro,sarebbe stato un ristorante con menù a prezzo fisso di 8 euro o,al più, un self-service.

luigi.muzzi

Dom, 03/01/2016 - 14:26

spendono e spandono... ma cheje frega... i soldi son mica i loro !

Ritratto di Jaspar44

Jaspar44

Dom, 03/01/2016 - 14:40

La Regione Basilicata BUTTA 130mila euro per mamma Rai.

ghorio

Dom, 03/01/2016 - 14:49

Una lezione per il futuro: basta con i concertoni. Infatti sarebbe stato meglio trasmettere qualche bel vecchio film. La regola vale anche per la tv commerciale. Ne guadagneremmo tutti.

vince50

Dom, 03/01/2016 - 14:51

Salta chi può disse il grillo alla formica.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Dom, 03/01/2016 - 14:54

tanto poi se li faranno dare dallo Stato, come in Sicilia. Vanno in Parlamento solo per piangere, non per il bene del Paese intero. Domani si inventeranno un incentivo al sud e specialmodo Matera per sottrarre soldoni dalle casse dello Stato.

Ritratto di hernando45

hernando45

Dom, 03/01/2016 - 15:10

Come ho gia scritto ieri, mamma RAI ha inviato la Esterna 1 di Milano fino a Matera, mentre le esterne di Napoli e Roma che erano piu vicine e quindi costavano meno, le ha tenute a casa. Tanto con l'aumento delle entrate del canone "offerto" da FROTTOLO CHI SE NE FREGA!!!! Pax vobiscum.

Ritratto di elkid

elkid

Dom, 03/01/2016 - 15:12

data la vittoria schiacciante in termini di auditel credo che abbiano speso anche poco -salut

exbiondo

Dom, 03/01/2016 - 15:14

vince50, a saltare sono sempre i parassiti che lo fanno con i soldi degli altri, come i nostri dipendenti statali ben descritti da Zalone. PS. Auguro a tutti i falsi invalidi di realizzare il loro sogno

polonio210

Dom, 03/01/2016 - 18:27

Invece di massacrare gli zebedei con il canone in bolletta elettrica,il Duce Supremo(Renzi il magnifico)provveda a mettere in riga quei parassiti che "lavorano"(eufemisticamente parlando) in RAI.Tagliare le spese,tagliare le prebende,tagliare le teste(sempre eufemisticamente parlando):non servono 5 troupe e 10 inviati per lo stesso servizio dallo stesso posto,trasformare la RAI in una pay-tv così paga chi vuole vederla e si finanzierebbe con la pubblicità:sarebbe vera democrazia così.

polonio210

Dom, 03/01/2016 - 18:42

Scriviamo ai nostri politici di fermare il canone di possesso per un televisore nella bolletta elettrica.Non è costituzionale dare per scontato che chiunque abbia una utenza elettrica abbia anche un televisore.Solo una tirannia applica simili sistemi perché considera il proprio popolo alla stregua di servi delle gleba da sottomettere impunemente.ATTENZIONE se passa questo sistema presuntivo domani si potrebbero inquisire i cittadini,solo presumendo che essi abbiano un determinato bene o abbiano commesso un determinato reato,obbligandoli a dimostrare la loro innocenza con una aberrazione giuridica che risponde al nome di "inversione dell'onere della prova" grazie alla quale chiunque è,a prescindere,colpevole a meno che non riesca a dimostrare di essere innocente.

tiromancino

Dom, 03/01/2016 - 18:42

E certo,il segnale di rai 1 lo si vede anche in miniera,anche i morti guardano . Naturalmente il contratto è una cifra che non cambierà ma tutto il resto sarà variabile,tutti vorranno magnà e beve alle spalle della rai

Ritratto di randagio41

randagio41

Dom, 03/01/2016 - 19:04

F A. T. E. R. I. B. R. E. Z. O

Fjr

Dom, 03/01/2016 - 20:40

E qui' si ci starebbe bene un bel porcone

istituto

Dom, 03/01/2016 - 21:15

Tanto paghiamo noi il conto ...alla fine

mariolino50

Lun, 04/01/2016 - 08:26

polonio210 In ambito fiscale è così da tempo, se ti controllano sei te che devi dimostrare da dove vengono i soldi che spendi, altrimenti sei evasore a prescindere. In Francia mi risulta che è sulla bolletta da molti anni.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Lun, 04/01/2016 - 10:22

@polonio210, primo è da anni che dico che ci fanno 100 inviati per un servizio, ne basta uno e dall'ascolto della registrazione ognuno ne ricava il proprio servizio.Poi tu dici che si paga anche per cose che non si usa, io l'ho già detto, o un auto che è sempre nel box e pago un superbollo per inquinamento.