Cronache

Renato Zero contro Giorgia Meloni: la furia del cantante

“Ma questo è un regime, stronzi!” Sono le parole di Renato Zero urlate ai giornalisti fuori dall’Hotel Parco dei Princi, a Roma

Renato Zero contro Giorgia Meloni: la furia del cantante

“Ma questo è un regime, stronzi!” Sono le parole di Renato Zero urlate ai giornalisti fuori dall’Hotel Parco dei Princi, a Roma, dove ha sede il comitato elettorale di Giorgia Meloni. I colleghi, esausti da questi giorni di campagna elettorale, aspettavano con ansia l’arrivo della leader di Fratelli d’Italia e, invece, è arrivato lui, il Renatone nazionale che, stanco, forse, dopo il concerto al Circo Massimo ha sbottato: “Votate la merda che siete. È un regime, neanche più in hotel si può andare. È un regime.” Ha detto urlando il cantante romano scendendo da una grossa Jeep Mercedes nera dai vetri oscurati e avvolto da un enorme piumino nero. I maliziosi hanno subito drizzato le orecchie. Sarà forse un messaggio riferito alla vittoria di Giorgia Meloni? Chissà. Ma l’antipatia nei confronti della leader del primo partito italiano non l’ha mai nascosta.


E così lo sfogo sembra più un mal di pancia. Non avrà forse digerito il risultato elettorale? Anche lui si aggiungerà alla lunga schiera di artisti contro la destra? Al momento non è dato sapere ma lo sfogo è bastato per capirlo. Un po’ di caos non giustifica l’affermazione dura di Zero. Come lui, ma molto più espliciti, altri artisti. L’ultima in ordine di tempo Skin, leader e frontwoman degli Skunk Anansie che, su Instagram, spara ad alzo zero contro la leader di fratelli d’Italia: “Mi rattrista vedere la mia amata Italia sprofondare verso il fascismo per la prima volta dalla seconda guerra mondiale. Questa è Georgia Meloni, che potrebbe diventare il prossimo presidente del Consiglio italiano, il suo partito discende da Benito Mussolini e demonizza profughi e clandestini. Stessa vecchia m..., stessa vecchia agenda di destra fascista e razzista -scrive la cantante, che pubblica il commento pubblica a corredo di una foto della Meloni- I neri e i mulatti non hanno alcun potere in Italia, ma vengono incolpati per tutto quello che l’élite italiana rovina continuamente.” Canta che ti passa direbbe qualcuno. Ed è quello che dicono i militanti euforici per il risultato storico di Fratelli d’Italia.


Commenti