Renzi e i popcorn a casa dei Mullah

Popcorn sull'Himalaya. Potrebbe essere il titolo di un improbabile cinepanettone posticipato a febbraio. In realtà stiamo parlando di politica. Ricapitoliamo: sono i giorni più concitati del governo Conte Bis, con l'ombra del Ter che si allunga sul Parlamento, il premier che cerca di inventarsi qualunque cosa pure di rimanere incollato alla poltrona e sale persino al Colle per scongiurare una crisi; i Cinque Stelle in mille pezzi che manifestano contro se stessi, il Pd e tutti gli alleati; il caos sulla prescrizione, Bonafede in odore di sfiducia, Italia Viva vicina all'uscita dalla maggioranza e il mistero dei responsabili pronti a fare da stampella ai giallorossi. Dietro a tutte queste fibrillazioni c'è una regia, un nome, una firma: Matteo Renzi. Colui che in una torrida giornata di luglio ha dato vita a questo governo ircocervo e che, da quel giorno - forte della sua minuscola ma fondamentale pattuglia di parlamentari -, non ha più smesso di tormentarlo. Sino al culmine della scorsa settimana.

Ma mentre i ministri si arrovellano, i deputati della maggioranza si disperano e Conte passa notti insonni su e giù per il suo appartamento di Palazzo Chigi con l'incubo di tornare a fare l'avvocato di provincia, quello che ha combinato tutto questo gran casino dov'è? A sciare in Pakistan. Certo, meglio correre il rischio di un incontro ravvicinato con lo yeti che restare a Roma in balìa di grillini e piddini furiosi. Così, nel fine settimana, è volato a Islamabad. Il senatore ed ex premier, come è noto, affianca all'attività parlamentare quella, generosamente pagata, di conferenziere. Così il leader di Italia Viva, dopo aver messo a soqquadro l'esecutivo, se ne è andato in Asia per discutere di «buone pratiche internazionali» (non è dato sapere se abbia dato consigli anche su «come tenere in scacco i governi», materia nella quale ha senza dubbi esperienza a livello globale) insieme a José Maria Aznar, la principessa Beatrice di York, l'investitore Zia Chishti, il manager di Tim Federico Rigoni e, ovviamente, il primo ministro pakistano. Finite le conferenze tutti a sciare sull'Himalaya. E noi ce lo immaginiamo lì, col sorriso sornione, sulle vette innevate delle montagne pakistane, che legge sullo smartphone le reazioni terrorizzate dei suo colleghi di maggioranza. Ed è la massima espressione del Renzi-pensiero, l'apoteosi dell'«ora tocca a loro, popcorn per tutti», celeberrima frase proferita al battesimo dell'esecutivo gialloverde. È il piacere, tutto renziano e irresponsabile, di fare un gran caos e poi godersi lo spettacolo da lontano. Probabilmente, tra una pista e l'altra, dopo uno spiedino di agnello e un kebab di montone, con il suo fluente inglese deve aver chiesto a un inserviente: «Do you have popcorn?».

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

utherpendragon

Lun, 17/02/2020 - 18:51

ma almeno sa sciare ?

edo2969

Lun, 17/02/2020 - 20:43

Forza, perdoniamo tutto a tutti. Siate più forti di quello che vi dà solo fastidio, altrimenti sarà l’apoteosi, la faida, l’escalascion. Combattete per il bene, anche dopo aver fatto il male, se vi abbandonate totalmente a perdòno e amore allora Dio vi amerà e vi perdonerà. Come Padre Cristoforo. Perdono e amore sono i pilastri dell’universo del buon Dio.

ulio1974

Mar, 18/02/2020 - 13:04

be', c'è da dire che, cmq., il senso dell'avventura - in ogni senso - non gli manca. chi avrebbe mai pensato di andare in Pakistan a sciare?!?!

utherpendragon

Mar, 18/02/2020 - 16:48

@ ulio1974 : ma che senso dell'avventura! Spedizioni da miliardari , con eliski, guide e maestri del posto che ti stanno davanti e dietro , basta pagare e le fai in tutto il mondo.

Effe

Mer, 19/02/2020 - 10:12

Questo viaggio segue quello in Arabia Saudita, dove il capo di "Italia viva" auspicò la reciproca collaborazione culturale fra i rispettivi Paesi: in cosa consista quest'invito, non si sa dal momento che quel Paese è quasi tutto deserto! La domanda è un'altra: come mai Renzi ha rapporti coi Governi mediorientali?

dakuan

Mer, 19/02/2020 - 14:11

oh, non conoscevo il termine ircocervo, grazie.

sparviero51

Mer, 19/02/2020 - 18:59

NON SONO D’ACCORDO CON LA SUA TEORIA DI CHI SIA IL REGISTA DI QUESTO BORDELLO IDEOLOGICO . SECONDO ME È SERGIO MATTARELLA . È LUI L’ARTEFICE DI QUESTA SITUAZIONE DRAMMATICA PER L’ECONOMIA E IL DECORO DELL’ITALIA !!!!!!!!!!