Roberto Burioni ora bacchetta Boldi: "No, non fa ridere. Deve pesare con attenzione le parole"

Dopo il post contro le mascherine e "i potenti della Terra" di Massimo Boldi, Roberto Burioni ha fatto sentire la sua voce invitando alla prudenza sui messaggi che si lanciano tramite i social

Massimo Boldi è scettico sugli effetti del Covid e pare sia allineato con i cosiddetti no-mask, ossia quelli che rifiutano l'utilizzo delle mascherine come strumento di protezione contro il contagio. In uno dei suoi ultimi post pubblicato sui social, Massimo Boldi invoca il Salvatore ma, soprattutto si fa voce del popolo, di quelli che "non vogliono tapparsi la bocca con mascherine da Pecos Bill". Il post del popolare attore è diventato virale in poche ore, scatenando il solito vespaio di polemiche. Contro Massimo Boldi si è schieranto anche Roberto Burioni, soprattutto per la forza mediatica dei messaggi trasmessi da persone popolari come lui.

Quando è un persona nota a fare certe affermazioni è normale che queste abbiano un'ampia eco e possano influenzare il pensiero comune. Proprio per questa ragione ha deciso di intervenire Roberto Burioni, uno dei virologi più noti del Paese, che ha sconfessato il messaggio lanciato da Massimo Boldi, invitando tutti alla prudenza, anche sui social, soprattutto se si è personaggi con ampio seguito. "No, non fa ridere. Chi è un personaggio famoso e amato dal pubblico deve pesare con attenzione le parole su argomenti così importanti per la salute di tutti", ha scritto il virologo nel tentativo di riportare la questione sul piano della prudenza. Massimo Boldi non è certo l'unico personaggio famoso ad aver espresso opinioni di questo tipo, nonostante la comunità scientifica, a diversi livelli e con punti di vista diversi, inviti tutti alla prudenza e all'utilizzo dei dispositivi di protezione individuale.

Tra gli italiani "disobbendienti" e in qualche misura scettici per quanto sta accadendo, quindi di riflesso bacchettati da Burioni, ci sono anche gli insospettabili, come Andrea Bocelli. Il cantante, che nei mesi precedenti è stato contagiato dal Covid insieme a tutta la sua famiglia, si è detto "umiliato e offeso durante il lockdown per la privazione di uscire di casa senza aver commesso un crimine", prima di correggere il tiro e scusarsi con quanti si sono sentiti offesi. C'è, poi, Eleonora Brigliadori, che considera il Covid come "un complotto americano" del quale ha le prove e poi c'è Daniela Martani, che dopo aver dichiarato che se tutti fossero stati vegani il Covid non avrebbe colpito, ha fatto sapere di aver trascorso le vacanze in Sardegna senza gel disinfettante e utilizzando la mascherina il meno possibile.

Tra i seguaci dell'ideologia no-mask si annovera anche Miguel Bosè, che ad aprile ha perso sua madre per il Covid. Ci sono poi personaggi noti che hanno lanciato messaggi fuorvianti, come Madonna che ha dichiarato che il vaccino è già pronto ma non lo vogliono dire oppure Kanye West, che invece si è detto contrario al vaccino perché sarebbe un modo per iniettare un chip.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

lorenzovan

Dom, 23/08/2020 - 14:07

a dir la verita' a me fa piangere ..e sopratutto se penso a quelli che ritengono questa macchietta da varieta'di quarta classe .. un comico ...i comici erano altr cosa...ma forse sono troppo anziano ..e sono stato abituato male..can i Toto'..i Fabrizi..e via doscorrendo

agosvac

Dom, 23/08/2020 - 14:20

Sarà che Boldi non fa ridere, ma che bisogno ce n'è visto che fa ridere lui? Vorrei tanto che qualche organismo sanitario presentasse prove certe sull'efficacia della mascherine. Purtroppo questa efficacia è dimostrata per i batteri ma mai per il virus. I più audaci parlano di un'efficacia al 50% il che vorrebbe dire che portandole e non portandole ci sono le stesse identiche probabilità di contrarre il virus oppure farsela franca. Forse ai più sfugge la differenza tra virus e batteri. I batteri sono belli grossi, i virus sono infinitesimali. Nessuna mascherina sigilla il tessuto con la pelle, tutt'altro, restano sempre delle increspature attraverso le quali il virus si può intrufolare anche se la mascherina è correttamente indossata. Tra l'altro nessun tessuto può filtrare il virus, non nelle mascherine in vendita. In pratica l'unica funzione vera che hanno è come simbolo di schiavitù verso Conte.

Yossi0

Dom, 23/08/2020 - 15:30

concorrenza fra comici, manca solo l'elevato poi stamo freschi

Ritratto di venividi

venividi

Dom, 23/08/2020 - 15:45

Sono d'accordo con Agosvac alle 14:20. La funzione delle mascherine è essere simbolo di schiavitù verso Conte, sono delle MUSERUOLE e mi duole vedere tanta gente con la museruola per strada che affermano che con la mascherina si sentono più sicuri. Sicuri di che? ma per piacere, andate a pettinare le bambole

ruggerobarretti

Dom, 23/08/2020 - 16:21

lorenzovan: puo' anche far piangere, puo' ed anzi e' sicuramente varie spanne sotto i personaggi che tu citi, ma nello specifico mi sembra che abbia centrato piuttosto bene il bersaglio. Leggiti le ultime del Prof. Palu'.

Una-mattina-mi-...

Dom, 23/08/2020 - 16:48

BURIONI NON SOLO NON FA RIDERE, FA PIANGERE...

i-taglianibravagente

Lun, 24/08/2020 - 10:05

quello che ha scritto Boldi, non doveva far ridere perche' e' la pura e triste verita'. Ma quello fa ancora meno ridere, e che purtroppo fa parte del gioco, e' che noti e acclarati MASSONI come Burioni, facciano OPINIONE tutti i giorni in TV, accolti a braccia aperte, in questo povero paese colonizzato dalla testa ai piedi.

i-taglianibravagente

Lun, 24/08/2020 - 10:10

Guai a non essere d'accordo con la versione "pipistrello-seconda_ondata-vaccino_di_Bill_Gates"....Guaaaaaiiii!!! scatta immediatamente la "reduction ad Hitlerum" e si diventa automaticamente, negazionisti della Shoah, neo-nazisti, complottisti, e tutte le parole del dizionario della lingua italiana che finisco in -ISTI. Provo pena per i poveretti che ragionano cosi e per le loro famiglie.

Andrea Balzarotti

Lun, 24/08/2020 - 11:39

Le mascherine ? (sinonimo di carnevalate) e perchè mai un virus non dovrebbe entrare negli occhi, o appiccicarsi al sudore della fronte, o impigliarsi nei capelli o nelle gambe pelose e schifose che 'uomini'(?) di ogni età esibiscono orgogliosamente in ogni stagione uscendo in mutande e ciabatte). Chissà perchè all'inizio parlarono pure di lasciare le scarpe fuori di casa perchè contagiate, ma nessuno ha imposto delle cuffiette monouso per i capelli o comunque abbondanti e accurati shampoo prima di andare a letto (i virus restano sul cuscine e appena uno si gira di lato, se li respira.... o no ?

Ritratto di lettore57

lettore57

Lun, 24/08/2020 - 12:35

@lorenzovam Vede, che piaccia o meno, Boldi fa il comico di professione (anche se quello che ha detto è una terribile verità) mentre quell'altro è lo stesso che a febbraio aveva detto (anche se poi pueribilmente e creduto solo dagli sprovveduti ha tentato di giustificarsi) che in Italia non ci sarebbero stati contagi. Lei rimpiange i vecchi comici io rimpiango, anche perche ne va della mia salute, i vecchi medici che prima di aprire bocca contavano sino a 100 e, non avrebbero mai fatto passerella (ovviamente ben retribuita) in ogni trasmissione o talk show. A mio avviso questo è lo schifo non Boldi

lorenzovan

Lun, 24/08/2020 - 13:31

,lettiore 57...sui medici da passerella..apre una porta sfondata..riassumaneo siamo inun mondo di mexxxa..dove sembra stupido osannare una parte o l'altra...solo discutere su chi puzza meno

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Lun, 24/08/2020 - 14:36

C'è qualcuno che ha mai sanificato i soldi che riceve di resto o dà in pagamento? Chi li ha toccati? Dove sono stati messi? Cosa hanno toccato? E pensare che noi li smanazziamo tutti i santi giorni, senza mai chiedere niente e senza mai sanificarci...ma noi siamo furbi, perché portiamo la mascherina. Casso, che furboni!