Dentro la sala operativa della Questura: "Così abbiamo evitato i disordini"

In tutto quindicimila manifestanti hanno sfilato per le vie della Capitale nel giorno del sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma. Tensioni e disordini evitati grazie alle attività di prevenzione

A pagare è stata la “prevenzione”. Lo ha detto ieri il questore di Roma, Guido Marino. L'azione preventiva delle forze dell'ordine è stata “risolutiva", ed ha evitato che si verificassero tensioni e disordini in una giornata che si preannunciava di fuoco (guarda il video). Quattro cortei, due manifestazioni statiche e ventisette delegazioni di capi di Stato e di governo arrivate da tutta Europa per il sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma. Tutto, a pochi giorni dall’attentato a Westminster Bridge.

Per questo nella sala operativa della Questura di Roma l’allerta era massima. È qui che arrivavano le immagini provenienti dalle 2.100 telecamere, palesi e nascoste, attive già dal 23 marzo e posizionate in ogni angolo della città per monitorare ogni passo dei manifestanti. Quindicimila, in tutto, quelli che hanno sfilato sabato per le vie della Capitale. In tremila, secondo i dati della Questura, hanno partecipato al corteo “Eurostop”, la manifestazione considerata più a rischio, per la possibile infiltrazione di frange violente. Infiltrazione evitata, proprio grazie al lavoro di prevenzione effettuato dalle forze dell’ordine.

Sono state duemila in totale, infatti, le persone controllate dagli agenti. Centoventidue manifestanti arrivati a bordo di pullman provenienti da Venezia e Torino sono stati intercettati alle porte della Capitale e circa 30 di loro, tutti giovani appartenenti all’area antagonista, sono stati rimpatriati con foglio di via obbligatorio. Oltre ai pullman sono state bloccate anche diverse auto ed un furgone. Tra venerdì e sabato sono stati sequestrati, inoltre, dagli agenti di polizia, maschere antigas, spranghe, bastoni, coltelli e stupefacenti e ci sono diverse posizioni al vaglio degli inquirenti.

Per tutta la giornata le immagini delle manifestazioni, riprese dagli agenti posizionati sui tetti degli edifici, dagli elicotteri e dai droni, sono state sotto gli occhi dei dirigenti di Polizia, Carabinieri, Guardia di Finanza, Esercito, Vigili del Fuoco, Polizia Locale di Roma Capitale, Atac, Aeronautica e 118, nella sala operativa della Questura. È da qui, infatti, che si coordinano le operazioni e gli eventuali interventi. Ed è da qui che, in coordinamento con i funzionari sul campo, si prendono le decisioni. Come quella di “mettere in sicurezza” il gruppo di manifestanti di "Eurostop" che arrivati a piazza della Bocca della Verità si sono staccati dal corteo, facendo registrare qualche momento di tensione. Un’azione di contenimento, spiegano dalla Questura, che si è resa necessaria per tutelare il blocco principale della manifestazione. Una volta ricondotti all’interno del percorso concordato dagli organizzatori, i manifestanti hanno potuto proseguire il corteo fino a piazza della Bocca della Verità e la sfilata anti-europeista si è potuta concludere senza incidenti.

Sui monitor della sala operativa si sono susseguite anche le immagini del corteo del fronte sovranista di Azione Nazionale, a cui hanno partecipato Francesco Storace, Gianni Alemanno e Noi Con Salvini, partito alle 15 da piazzale Esquilino. Anche in questo caso, come per “Eurostop”, numeri di molto inferiori alle aspettative: circa mille secondo la Questura i partecipanti, quando era stata annunciata dagli organizzatori la presenza di cinquemila persone.

Dei famosi black bloc stranieri, infine, neanche l’ombra. Si sarebbe rivelata falsa, infatti, la notizia del fermo di 170 anarchici francesi diffusa nella giornata di venerdì. Il questore, che dalla sala operativa ha seguito per tutta la giornata gli eventi che si sono svolti nella Capitale, a proposito delle notizie del presunto arrivo di anarchici e black bloc stranieri, ha parlato con i giornalisti di un “eccessivo allarmismo”. La giornata però si è conclusa con un bilancio sostanzialmente positivo. Nessun fermo, nessun incidente e un’attività preventiva capillare che ha permesso di bloccare i facinorosi. Come quelli che avevano nascosto spranghe e bastoni a via Galvani, nel quartiere Testaccio, proprio lungo il percorso del corteo degli antagonisti e che, per fortuna, alla fine non sono riusciti a fare danni.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Ludovicus

Ludovicus

Dom, 26/03/2017 - 09:29

Vorrei fare una domanda non retorica: ma perche' polizia e carabinieri sempre ce la menano con la storia "abbiamo evitato gli scontri"? Anche a Milano avevano "evitato gli scontri" con il risultato che questi pidocchi umani dei centri sociali hanno devastato mezza citta'. Non vedo perche' se ne facciano un titolo di vanto. Se spaccano qualche cranio vuoto di questa gente inutile, non solo non fanno niente di illegale, ma anzi dovrebbe essere loro preciso dovere. Basta con il buonismo "siamo bravi, abbiamo evitato gli scontri" e fate il vostro dovere, chi cerca lo scontro abbia pane per i suoi denti, grazie.

pilandi

Dom, 26/03/2017 - 11:59

@Ludovicus lo so che ti piacerebbe vedere del sangue... fai una cosa allora, tagliati le vene, ixxxxxxxe.

duball

Dom, 26/03/2017 - 12:23

"questo messaggio non puo' essere duplicato", questo dice la redazione automatica quando dopo 2 ore tenti di rimandare il tuo post che, naturalmente, non e' mai stato pubblicato. E tengo a precisare che non c'erano espressioni scurrili ne troppo forti. Mi sembra che ultimamente, al pari delle reti mediaset, questo quotidiano si stia sempre piu' omologando al mainstream dominante e cio' mi spiace molto. Credo che dopo tanti anni tornero' a votare lega.

Ritratto di makko55

makko55

Dom, 26/03/2017 - 13:00

@Ludovicus, concordo !

Ritratto di Ludovicus

Ludovicus

Dom, 26/03/2017 - 13:50

@pirlandi, non ho scritto da nessuna parte che voglio vedere il sangue, solo che la domanda che ho fatto nasce dal fatto che spesso "abbiamo evitato gli scontri" nasconde il fatto che le forze dell'ordine si lasciano menare e prendere a sassate con teste rotte e sangue che ci sono eccome, solo da parte di polizia e carabinieri che per "evitare gli scontri" si lasciano menare senza alzare un dito, come e' successo con Salvini a Napoli, dove parecchi poliziotti hanno dovuto farsi medicare in ospedale. Riguardo all'invito, che la qualifica moralmente, io invece non ho bisogno di farle un augurio tanto losco. I quaqquaraqqua' come lei generalmente nelle vene hanno acqua fresca.