Inizia la settimana più calda dell’anno: ecco cosa ci aspetta

Sarà la settimana più calda del 2022: valori fino a 41°C da oggi e fino a domenica prossima (almeno). Potrebbero cadere alcuni record, ecco le zone più colpite

Inizia la settimana più calda dell’anno: ecco cosa ci aspetta

È iniziata una settimana bollente dal punto di vista climatico: l'anticiclone africano Apocalisse4800 si rafforzerà ulteriormente su tutta l'area mediterranea con le temperature massime che raggiungeranno punte fino a 41°C soprattutto al Centro-Nord. Gli esperti de IlMeteo.it l'hanno già definita come la settimana più calda del 2022: valori e soprattutto durata saranno da record, almeno fino a domenica 24 luglio la situazione rimarrà "bloccata" e sembrerà di vivere giornate fotocopia.

Super caldo al Nord

Il nome all'anticiclone è stato dato perché, come abbiamo visto sul Giornale.it, lo zero termico raggiungerà quota 4.800 metri, in pratica la vetta del Monte Bianco. Al di sotto, i valori saranno ovunque sopra lo zero. Oltre alla tenuta dei ghiacciai ormai ai minimi storici, le ripercussioni in pianura e sulle coste saranno evidenti: valori massimi fino a 39-41°C si toccheranno ogni giorno sulle grandi città come Milano, Bologna e Firenze ma anche a Pavia, Ferrara, Padova tanto per fare alcuni esempi. Massime di 35-38°C anche su tutte le altre città del Centro-Nord mentre al Sud farà caldo ma non si toccheranno valori storici. Saranno soprattutto le zone interne di Sicilia e Sardegna ad avvicinarsi ai 40 gradi mentre sulle zone costiere si avrà un clima meno bollente e valori fino a 34-35°C in base alle aree.

La settimana più calda si farà notare anche durante la notte: i meteorologi spiegano che un vero calo termico si avrà soltanto dalla mezzanotte in poi perché, spesso e volentieri, temperature vicine ai 30 gradi si protrarranno fino alle 23. Insomma, una settimana di passione in piena regola, con una sofferenza ulteriore per le coltivazioni e l'aggravarsi della siccità su gran parte d'Italia. Non saranno degni di nota gli isolati acquazzoni o temporali sui confini alpini e raramente sulle aree appenniniche.

Quando si avrà un cambiamento

Lo sconforto deriva dalle mappe di queste ultime ore: questo blocco africano potrebbe durare anche fino alla fine di luglio, continuare quindi anche durante la settimana del 25 luglio. Non si vede nessuna perturbazione o fronte atlantico in grado di sbloccare questa situazione ormai insostenibile. Alla fine del mese, forse, si potrebbe fare strada un peggioramento da ovest seguito da aria più fresca ma per adesso si tratta di "fantameteo". Andrà peggio, nelle prossime ore, in Paesi non abituati a ondate di caldo del genere come il Regno Unito dove tra poche ore si potrebbero registrare temperature mai avute in passato con 40 gradi di massima anche a Londra e più a nord.

QUI TUTTE LE PREVISIONI

Commenti