Sci e slittini dei paesi tuoi

Uno si chiede: ma perché in Svizzera si scia e si potrà sciare, mentre in Italia è e sarà vietato?

Uno si chiede: ma perché in Svizzera si scia e si potrà sciare, mentre in Italia è e sarà vietato, nonostante molte località invernali dei due paesi siano solo sul versante opposto della stessa catena alpina, cioè distanti in linea d'aria tra di loro solo pochi chilometri? Tutto ciò è davvero strano, anche perché Ranieri Guerra, direttore vicario dell'Organizzazione mondiale della sanità, ieri l'altro ha dichiarato che «il cantone di Ginevra è di fatto l'epicentro europeo dell'epidemia di Covid, ha circa 3 volte la casistica italiana in questo momento, con una saturazione già raggiunta di tutte le terapie intensive».

In Svizzera, quindi, si scia non perché la situazione è sotto controllo, anzi, da quelle parti si respira Covid a pieni polmoni. Semplicemente si scia perché gli svizzeri sono svizzeri, e mi fermo qui per evitare querele internazionali.

Non è la prima volta che la Svizzera si mette a lucrare sulle disgrazie altrui, offrendo paradisi a volte bancari, altre fiscali. «Vieni a fare da noi ciò che non puoi fare a casa tua» è un motto, non moto, perpetuo di quel paese solo apparentemente liberale.

Chi vuole, e può permetterselo la libertà, soprattutto per chi viene da fuori, da quelle parti ha un prezzo non alla portata di tutte le tasche -, varchi pure il confine e inforchi gli sci come se nulla fosse. Ma non pensi di essere per questo né furbo né saggio, al massimo dimostra di essere ricco.

Dico tutto questo non in odio agli svizzeri, ma per amore dei nostri imprenditori e lavoratori del settore turistico invernale. I quali già si trovano cornuti (per la stagione che salta) e immagino non vorrebbero essere anche mazziati da una concorrenza sleale che si avvantaggerebbe per il futuro con gli incassi di una eventuale stagione da record. In casi come questi un po' di sano sovranismo non costituisce peccato grave neppure per dei liberali quali siamo.

Se sacrificio dovrà essere, almeno diamogli un senso: spostiamo le settimane bianche a tempi migliori, a quando la stagione non finisce l'Epifania - sarà possibile farle in sicurezza sulle nostre montagne e mettiamo i nostri soldi tanti o pochi che siano - nelle tasche degli imprenditori italiani. Che quelli svizzeri ne hanno a sufficienza già di loro.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Savoiardo

Sab, 28/11/2020 - 17:11

Perche' il Governo italiano e' in forte situazione comatosa

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Sab, 28/11/2020 - 17:36

Direttore, il perché si scia in Svizzera non lo so , ma la soluzione è semplice ed è alla portata anche di un Di Maio. Dal momento che la Svizzera non è nella UE basta mettere 3 settimane di quarantena obbligatoria per chi vi ha soggiornato per più di 4 ore a meno che non sia per motivi di lavoro, vedi frontalieri.

ohibò44

Sab, 28/11/2020 - 17:37

La lotta al coronavirus è una guerra. Punto. Vi sembra possibile che in tempo di guerra ci si preoccupi dei passatempi della gente?

Ritratto di nestore55

nestore55

Sab, 28/11/2020 - 17:50

ohibò44 Sab, 28/11/2020 - 17:37...A giudicare dai lavori in aula non si direbbe: sono interessati a regolarizzare i clandestini, dando loro casa, paghetta, sostegno legale...Punto, punto e virgola, due punti, aperte virgolette, parentesi rotonda, parentesi quadrata e parentesi grafa. E.A.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Sab, 28/11/2020 - 18:09

ha ragione sallusti! come sempre :-)

ohibò44

Dom, 29/11/2020 - 12:46

nestore55 grazie di avermi dato ragione, infatti distraendoci con gli sci possono continuare a fare ciò che è dannoso per il Paese. O forse lei non l'aveva capito?

Ritratto di pipporm

pipporm

Dom, 29/11/2020 - 17:48

Quindi Sallusti sarebbe per il tana libera tutti, visto che la Svizzera non chiude gli impianti. E se invece l'Italia e gli altri paesi europei, chiudessero i confini e gli spazi arei con Svizzera ed Austria?

epc

Lun, 30/11/2020 - 17:57

Caro Sallusti, la Svizzera apre le piste da sci perchè è evidente che non è certo sulle piste nè sulle funivie che ci si contagia di COVID! Basta utilizzare un minimo di precauzione, e sono sicuro che in questo gli Svizzeri metteranno regole adeguate e le rispetteranno. Contrariamente a noi, gli Svizzeri non hanno un governo rabberciato e composto di incompetenti o di ideologizzati che cercano di cavalcare l'emergenza COVID per coprire le proprie mancanze.

lupobiamnco

Lun, 30/11/2020 - 19:04

Il nostro governo ci tratta come dei bambini, se uno persona vuole andare al ristorante o a sciare vada, è consapevole del pericolo che va incontro ,non capisco tutte queste chiusure. E' come la sigaretta tutti sanno che fa male, eppure fumano, ogni essere umano deve scegliere come poter vivere o morire