Sciacalli da cacciare e leggi da incapaci

Quattordicimila euro al mese, più varie prebende, senza lavorare in generale e certamente durante il periodo di lockdown non bastavano a cinque deputati che, si scopre, hanno fatto domanda di accedere ai sussidi

Quattordicimila euro al mese, più varie prebende, senza lavorare in generale e certamente durante il periodo di lockdown non bastavano a cinque deputati che, si scopre, hanno fatto domanda di accedere ai sussidi - poche centinaia di euro al mese - previsti dai decreti emergenza Covid per chi era rimasto senza lavoro e stipendio. Lo rivela l'Inps, che getta il sasso ma ritira la mano. I furbetti del Covid sono infatti per ora senza nome, anche se non credo che rimarranno anonimi a lungo. Probabilmente i cinque non hanno commesso alcun reato - magari nella vita privata sono professionisti che in quei mesi non hanno fatturato - e questo già la dice lunga su come siano pensate e scritte le leggi di questi incapaci, perché permettere che agli aiuti possa accedere gente che comunque guadagna dieci volte lo stipendio medio di un italiano è scandaloso oltre che immorale.

Accattoni è la giusta definizione di questi signori o signore che siano. Tra i tanti modi di fare soldi attraverso la politica, questo mi sembra il più meschino. Per prendere una tangente ci vuole coraggio e talento, un talento criminale ma pur sempre talento. Sottrarre risorse ai bisognosi quando si è con il sedere ben al caldo è semplicemente stupido e vigliacco. Sarà a norma di legge, ma mi ricorda tanto quell'infermiere di un reparto di rianimazione Covid che sottrasse il bancomat a un ricoverato e prelevò tremila euro.

Attenzione, l'Inps non è uno spettatore neutro della partita politica. È un attore al servizio del governo, che per di più nel film Covid ha recitato una pessima parte, dando prova di non essere all'altezza del ruolo, per esempio nell'erogazione della cassa integrazione. Possibile quindi che la decisione di rendere noto il misfatto faccia parte di un regolamento di conti che poco ha a che fare con la morale, e il fatto che Di Maio sia stato il più lesto a saltare sullo scandalo è un indizio in tal senso.

Ciò nulla toglie alla gravità di ciò che è successo. Consiglio agli interessati di uscire allo scoperto, non sperino di cavarsela con semplici e patetiche scuse o arzigogolate spiegazioni. Gente così, chiunque sia, non può stare in Parlamento un giorno in più.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

necken

Lun, 10/08/2020 - 17:40

vediamo con il referendum pv se gli Italliani vogliono o meno risparmiare sui parlanentari confermando o meno il taglio del numero degli onorevoli?

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Lun, 10/08/2020 - 17:46

è giusto che sia cosi, ma per favore, i babbei comunisti grulli non vengano a dirci che la lega è la sola a sbagliare, perchè ci stanno loro al governo, e quando dico loro, intendo proprio il PD e il M5S! :-) non fate finta di niente, le colpe principali di questo schifo le avete voi babbei comunisti grulli !!!! poi, in subordine, gli altri, ma i primi devono essere per forza il PD-M5S!!!!!!!!!!!

Giorgio1952

Lun, 10/08/2020 - 17:56

Sallusti verissimo "sciacalli da cacciare", Garavglia ha detto che per un parlamentare con lo stipendio e un reddito da partita Iva è grave aver chiesto il contributo di 600 euro; da Via Bellerio è arrivato questo messaggio «A seguito della notizia emersa in queste ore in merito al bonus di 600 euro percepito da 5 deputati vi richiediamo di verificare se per un disguido i vostri commercialisti ne hanno fatto richiesta.». Fatemi capire un commercialista richiede un bonus all’Inps per sbaglio? La “legge fatta da incapaci” secondo l’eurodeputato 5stelle Giarrusso, diceva che avevano diritto al bonus solo chi aveva redditi come Partita Iva, non chi aveva stipendi da parlamentare di migliaia di euro o come il consigliere comunale PD di Milano, che poteva arrivare a 2mila euro netti al mese dal Comune oltre ad esercitare la professione di psicologa, giustificandosi “ho un mutuo, faccio la spesa, mantengo la figlia: non vivo di politica, non potrei”!

rosalba cioli

Lun, 10/08/2020 - 18:14

non è morale ciò che hanno fatto, ma meno morale ancora resta una Legge senza "regole", molti purtroppo sono coloro che hanno fatto richiesta e percepito il bonus, tra questi pure i signori Notai che certamente avrebbero potuto mangiare anche senza i 600 euro dello Stato!

Cheyenne

Lun, 10/08/2020 - 19:11

IL DEGRADO ITALIANO E' ORMAI INARRESTABILE. NON ME LA PIGLIEREI CON QUESTI CINQUE CIALTRONI, MA CON CHI HA PERMESSO E LUCRATO SULLO SCEMPIO DELL'ITALIA

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Lun, 10/08/2020 - 19:26

i babbei comunisti grulli dovrebbero capire che tutto lo schifo che stanno vedendo, non lo fanno nè salvini, nè berlusconi, e neppure meloni, ma sono i loro compagni, quelli del PD e del M5S, oltre che i partitini minori come italia viva, leu, e altri insignificanti minoranze! ma se vengono qui per odiare soltanto berlusconi o salvini, o meloni o tutto il centrodestra, significa solo che non hanno affatto capito come stare al mondo.... :-)

Giorgio1952

Lun, 10/08/2020 - 19:32

Sallusti verissimo "sciacalli da cacciare", Garavglia ha detto che per un parlamentare con lo stipendio e un reddito da partita Iva è grave aver chiesto il contributo di 600 euro; da Via Bellerio è arrivato questo messaggio «A seguito della notizia emersa in queste ore in merito al bonus di 600 euro percepito da 5 deputati vi richiediamo di verificare se per un disguido i vostri commercialisti ne hanno fatto richiesta.». Fatemi capire un commercialista richiede un bonus all’Inps per sbaglio? La “legge fatta da incapaci” secondo l’eurodeputato 5stelle Giarrusso, diceva che avevano diritto al bonus solo chi aveva redditi come Partita Iva, non chi aveva stipendi da parlamentare di migliaia di euro o come il consigliere comunale PD di Milano, che poteva arrivare a 2mila euro netti al mese dal Comune oltre ad esercitare la professione di psicologa, giustificandosi “ho un mutuo, faccio la spesa, mantengo la figlia: non vivo di politica, non potrei”!

Giorgio1952

Lun, 10/08/2020 - 19:55

rosalba cioli non solo i signori notai, ma i signori architetti, ingegneri e altri professionisti che dovrebbero vergognarsi io lo scorso anno stavo trattando l'acquisto di una piccola mansarda, quando dopo aver versato la caparra ed avuto i documenti del venditore, li ho portati ad un notaio che dopo aver fatto le visure mi ha detto esserci ancora una ipoteca sull’immobile che non era ancora stata cancellata, stando così la banca alla quale avevo chiesto il mutuo non me lo avrebbe concesso, ho quindi disdetto il contratto di acquisto ma il notaio mi ha mandato una parcella guarda caso di 600 euro solo per le visure!

Giorgio1952

Mar, 11/08/2020 - 11:00

mortimer il babbeo che dovrebbe capire che tutto lo schifo che stiamo vedendo arriva in primis dalla Lega vedi la Fontana family in Lombardia, che si è sostituita alla Bossi family, vedi i parlamentari leghisti “furbetti del bonus” ma certo “a norma di legge” per finire con la squallida speculazione sui migranti che “sputacchiano e infettano”, quando ieri il Corriere della sera ha mostrato la mappa dei venti focolai in Italia di cui tre riconducibili a immigrati, l’ex caserma di Treviso e due centri di accoglienza uno a Pergusa in Sicilia (20 cingalesi) e l’altro a Carrara in Toscana (22 nigeriani). La Meloni invece ha un atteggiamento più prudente che le consente di aumentare consenso, Berlusconi dopo essersi fatto il lockdown nel suo buen retiro in Francia appoggia il governo sul Recovery Fund e vuole anche il Mes. Questo per spiegarti come va il mondo, perché il Governo sta faticosamente preparando il piano per investire i fondi europei.