Scomparso un bambino di tre anni a Matera. Disperate le ricerche con droni ed elicotteri

Si chiama Diego e ha tre anni il bambino scomparso da questa mattina senza lasciare tracce da una contrada di Matera. Disperati i genitori, due imprenditori agricoli del posto che hanno dato subito l'allarme. A cercarlo elicotteri della Polizia e droni. Domani mattina si ricominciano le ricerche anche con le unità cinofile

Vigili del fuoco, Carabinieri, Polizia e volontari sono impegnati da questo pomeriggio nella ricerca di Diego un bambino di tre anni scomparso da questa mattina alle 11,00 da Metaponto (Matera) nella contrada Marinella. Il piccolo, figlio di due imprenditori agricoli del posto, si sarebbe allontanato da casa uscendo dalla porta dell’abitazione per andare a giocare insieme ai cani di famiglia.

E’ bastato questo momento di distrazione per farlo sparire nel nulla, e quando la mamma è uscita per vedere dov'era non lo ha più trovato. Allarmata, soprattutto vista l’età del piccolo, ha chiamato immediatamente i Carabinieri che hanno iniziato le ricerche. A questi si sono uniti anche i Vigili del Fuoco e i sommozzatori che hanno scandagliando per tutta la giornata il fiume Bradano e alcuni canali di bonifica non distanti dall’abitazione del bambino. Attualmente sono coinvolti nelle ricerche anche molti volontari, droni ed elicotteri della Polizia che stanno sorvolando la zona.

Al momento della scomparsa il piccolo che ha capelli biondi, indossava una felpa color arancio e pantaloni neri. Disperati i genitori che pregano affinché il bambino stia bene e venga presto ritrovato, ma nonostante gli sforzi di tutti, Diego sembra essere scomparso nel nulla. Le ricerche riprenderanno domani anche con il supporto di alcune unità cinofile. La speranza è che il bambino si sia allontanato inoltrandosi nei campi per poi smarrire la strada.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.