Sconfitti dal virus e pure irresponsabili

Non ce lo vogliono dire ma il nuovo lockdown è a un passo, se parziale o totale lo vedremo nelle prossime ore.

Non ce lo vogliono dire ma il nuovo lockdown è a un passo, se parziale o totale lo vedremo nelle prossime ore. Non lo dicono chiaramente, e prendono tempo per farlo, perché richiudere l'Italia non solo è un suicidio economico, ma è la prova provata che il governo ha fallito, che le misure fin qui prese si sono dimostrate sbagliate o inadeguate. Poco importa che Francia e Germania si stiano avviando sulla stessa strada, ognuno giudicherà i propri governanti. «Così fan tutti» non è una risposta politica ma una scusa, un paravento dietro il quale nascondersi per non affrontare la realtà.

Con il senno di poi la storia poteva andare diversamente o forse no, è possibile che questo virus al momento sia davvero più forte del miglior scienziato e del politico più esperto. Ma ciò non toglie che la serie di errori, corbellerie e indecisioni inanellate una dopo l'altra da gennaio a oggi non possa o debba restare impunita e senza responsabili. C'è modo e modo di perdere una guerra, e noi la stiamo perdendo davvero male. Non lo diciamo solo noi, è un giudizio che sta prendendo corpo e voce anche dentro la maggioranza stessa, oggi più che mai tenuta insieme solo ed esclusivamente dal collante del potere fine a se stesso.

Nel 2011 il governo Berlusconi non riuscì a fermare il virus dello spread, rispetto al quale non aveva particolari colpe, e prima il presidente della Repubblica e poi Berlusconi stesso ne presero atto e il governo si dimise con un atto di grande senso di responsabilità e dignità. Conte oggi è nella stessa situazione e, per quanto cerchi di resistere, il suo destino è segnato: passerà alla storia, giustamente o ingiustamente non importa, come il premier che ha affondato il Paese per non prendere atto che la salvezza passava, non solo ma anche, da un cambio di guida dell'Italia. Mi sembra di capire che abbia nei fatti respinto anche l'ultimo generoso appello delle opposizioni e in particolare di Berlusconi, a cambiare strada e condividere davvero la gestione dell'emergenza.

Se neppure nella maggioranza credono a ciò che decidono e approvano perché mai dovremmo crederci noi, che quei provvedimenti li abbiamo accolti con scetticismo. Ma soprattutto, perché mai gli italiani dovrebbero avere fiducia e obbedire agli ordini manco fossero soldatini stupidi.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di dlux

dlux

Sab, 31/10/2020 - 17:26

E' una vergogna generalizzata. Il governo utilizza il virus per scopi elettoralistici piuttosto che pensare ad un argine vero ed efficace contro il dilagare dei contagi. Non solo. Altra vergogna è lo scontro tra pseudo-scienziati sulle valutazioni dell'epidemia, sulle eventuali previsioni, sulle cure, sulla situazione degli ospedali...giocando sulla pelle dei cittadini. Ricordo che ci si avvicina ai 40.000 morti...Il tutto nel silenzio più totale del Colle, complice e corresponsabile di tanto disastro.

Zecca

Sab, 31/10/2020 - 17:34

“Poco importa che Francia o Germania si siano incamminate sulla stessa strada...” In realtà hanno già chiuso, è così Inghilterra, Belgio, Austria....Sallusti, ma stai scherzando, vero?

Ritratto di nestore55

nestore55

Sab, 31/10/2020 - 17:53

Zecca Sab, 31/10/2020 - 17:34...Quindi, secondo il suo illuminato parere, se il suo vicino di casa si lancia da un ponte, lei lo deve imitare...Fantastico! E.A.