Sconfitto il lockdown, il redivivo Santoro e il ranocchio: quindi, oggi...

Quindi, oggi...: le elezioni in Spagna, la Rai contro Fedez e Vito Crimi

Sconfitto il lockdown, il redivivo Santoro e il ranocchio: quindi, oggi...

- il vero nodo del voto di Madrid mi pare sia questo: a vincere è stata la "libertà" (motto della candidata Ayuso) contro il lockdown. Giusto o sbagliato che sia, il popolo ha voluto così

- intanto Pablo Iglesias in Spagna lascia la politica. Noi invece siamo indietro: Grillo è ancora politicamente tra noi

- vista la polemica di ieri su Biancaneve, giustamente alcuni sui social si chiedono: ma il ranocchio era consenziente nel ricevere il bacio della principessa? Perché qui ci sono gli estremi per l'abuso sessuale

- Vito Crimi fa quasi tenerezza. Dopo aver portato il M5S nell’oblio, dopo aver prima detto “no Draghi” poi “sì Draghi”, dopo aver digerito la pillola del “ministero della Transizione Ecologica”, ora ha perso pure un ricorso in Tribunale. Tecnicismi interni, su cui sorvoliamo. Ma il punto politico è chiaro: Vito ha perso contro Casaleggio

- il professore di Storia dell'Arte Tomaso Montesano paragona il consenso di Hitler a quello di cui oggi gode Salvini. Niente, è più forte di loro. Che il popolo possa votare contro l'immigrazione clandestina, per il blocco delle navi dei migranti e contro il ddl Zan proprio non gli sta bene. Nelle Università dovrebbero insegnare più educazione civica. E meno cultura di sinistra

- un giudice "grazia" un rapper pizzicato con mezzo chilo di erba. Il motivo? "In certi contesti e ambienti artistici vi è un uso piuttosto disinvolto delle sostanze stupefacenti", soprattutto l'hashish "ritenuto idonee a favorire la creatività artistica". E poi ci stupiamo dello scandalo al Csm?

- la Rai Di Mare in peggio, ma si difende a spada tratta. Accusa Fedez di aver cercato like, negando ogni censura. Parla addirittura di “manipolazione”, “imbroglio”, “macchinazione”, “menzogna”, “crocifissione” e “diffamazione”. Finirà a carte bollate. E ci sarà da divertirsi

- da giorni si susseguono online foto di piatti stracolmi di vermi o locuste, nuovo cibo dell'Ue. Non vi fanno senso?

- tutti a spellarsi le mani per le due bombole di ossigeno inviate in India dagli Stati europei e dagli Usa, poi però sono gli stessi Paesi che si oppongono a liberare i brevetti per i vaccini e farmaci. Quanto ci piace la coerenza

- in frigorifero ci sono 2 milioni di dosi di AsrtrAzeneca che gli italiani non intendono farsi iniettare. E vi stupite? L’avete “suggerito" prima per i giovani, poi per i meno giovani, poi solo per gli anziani, infine un po’ per tutti. Già di grazia che qualcuno ancora si fida

- bellissimo l’invito di mr Bce a prenotare le vacanze in Italia. Ma se qui c’è ancora il coprifuoco, e in maggioranza si litiga su quando e se toglierlo, pensate che i turisti siano convinti di spendere denari per un hotel di Riccione col rischio di non poter uscire la sera?

- il redivivo Santoro torna a parlare, e al solito lascia di stucco. Per lui il ddl Zan va “approvato con urgenza”, tuttavia c'è la “necessità di approfondire aspetti che suscitano perplessità". Ora, ma se ci sono aspetti controversi e da approfondire, perché evidentemente scritto coi piedi, per quale motivo bisognerebbe approvarlo “con urgenza”?

- i tg hanno aperto con il cambio delle regole per le visite nelle Rsa. Tradotto: giornata moscissima