Selvaggia Lucarelli ancora contro Matteo Bassetti: "Non venire a Milano, a sciagure siamo a posto"

Selvaggia Lucarelli non molla il colpo ma, anzi, azzanna ancora Matteo Bassetti nel momento di massima difficoltà della sanità nazionale

Selvaggia Lucarelli ancora contro Matteo Bassetti: "Non venire a Milano, a sciagure siamo a posto"

Matteo Bassetti non molla, continua a lavorare in prima linea contro il coronavirus in qualità di direttore della Clinica malattie infettive dell'ospedale San Martino di Genova e al tempo stesso tiene fede al suo impegno come ricercatore, portando avanti gli studi casistici e la divulgazione. È un ruolo ingrato il suo, in un Paese in cui si è scelto di politicizzare anche la pandemia. Bassetti da marzo riceve tanti attestati di stima, tanta solidarietà e gratitudine ma nel mezzo ci sono anche gli attacchi, gli insulti e spesso anche le minacce, che nei giorni scorsi l'hanno portato a sfogarsi e a pensare di lasciare Genova e l'Italia al termine di questo periodo così impegnativo. Le proposte prestigiose di certo non mancano a uno dei virologi più apprezzati del Paese e questo diffuso sentimento di irriconosenza potrebbe preto portarlo a fare le valige per fornire la sua opera altrove.

Tra chi non si è tirato indietro nelle sue invettive contro Matteo Bassetti c'è anche Selvaggia Lucarelli, firma de Il fatto quotidiano. Alla giornalista, l'approccio di Matteo Bassetti al coronavirus non piace, l'ha detto e ridetto tantissime volte. Il virologo di Genova è sempre stato cauto nel lanciare gli allarmi, pur senza mai mettere da parte la prudenza. Da marzo in poi ha raccontato la sua esperienza diretta nella clinica che dirige, senza nascondere le paure delle prime settimane quando la situazione sembrava essere fuori controllo. Ha esposto in modo chiaro, con dati e fatti i risultati dei suoi studi e, alla luce di questi, in più di una occasione ha mosso critiche verso il governo e contro le sue decisioni. Ed ecco che Selvaggia Lucarelli solo qualche settimana fa è arrivata a definirlo la Lady Gaga dei virologi, un appellativo dispregiativo e poco consono a uno dei più rispettabili virologi del Paese.

Alla luce dele ultime esternazioni di Matteo Bassetti, Selvaggia Lucarelli ha affondato il colpo: "Non bastavano la malattia, la sanità in crisi, l’economia paralizzata, ora il professor Matteo Bassetti minaccia di andar via da Genova perché è offeso, i genovesi lo trattano male. Quanta irriconoscenza". Il sarcasmo di certo non è velato nelle sue affermazioni, e appare con ancora più chiarezza in quelle successive: "Non so perché questi genovesi non siano grati al talento ai confini del divinatorio del grande Professor Bassetti. Nel dubbio durante una pandemia meglio tacere che dire minchiate". A quel punto, nel suo lungo pezzzo su Il fatto quotidiano, Selvaggia Lucarelli critica la nomina di Matteo Bassetti a coordinatore della gestione dei pazienti Covid da parte del ministero della Salute. Infine, la giornalista gli rivolge un appello: "Se solo mi facesse la cortesia di non venire a Milano, ecco, gli sarei grata. Mica per altro. Abbiamo già Gallera, Fontana, Zangrillo e la zona rossa. Direi che a sciagure siamo già a posto così, grazie". In una frase, Selvaggia Lucarelli è riuscita a offendere l'assessore alla Sanità e il governatore della Lombardia, nonché uno dei primari del San Raffaele, uno degli ospedali più importanti della Lombardia e d'Italia.