Seregno, accoltella la moglie e la lascia morire accanto al figlio

A Seregno un marocchino ha aggredito la moglie in macchina. Poi l'ha lasciata agonizzante accanto al figlio. L'uomo si è costituito

Seregno, accoltella la moglie e la lascia morire accanto al figlio

Ennesimo caso di femminicidio registrato nel nostro Paese. È accaduto ieri pomeriggio a Seregno, comune della bassa Brianza, dove un giovane marocchino di 35 anni ha accoltellato la moglie dentro la loro auto. Il tutto in presenza del figlioletto della coppia, un bimbo di appena cinque anni.

Dopo la brutale aggressione, l'uomo è sceso dalla macchina e si allontanato a piedi, lasciando la donna agonizzante insieme al figlio. In pochi minuti avrebbe poi deciso di andare spontaneamente a costituirsi, presentandosi dinanzi ad una caserma dei carabinieri. Ai militari l'uomo ha raccontato del suo folle gesto, facendo partire così immediatamente i soccorsi nel tentativo di salvare la donna. Per lui invece, sono immediatamente scattate le manette ai polsi.

La vittima della brutale aggressione, soccorsa dal personale medico, è stata trovata già priva di sensi in condizioni estremamente critiche: portata all'ospedale San Gerardo di Monza, è deceduta poco dopo. Il piccolo invece, in evidente stato di choc, è stato trasferito all'ospedale di Desio. Dopo averlo tranquillizzato è stato affidato ad una zia.

Secondo le prime ricostruzioni degli inquirenti, questa coppia aveva già avuto in passato screzi violenti: da alcuni mesi non vivevano più sotto lo stesso tetto e lei aveva manifestato l'intenzione di volersi separare definitivamente dal marito.

Commenti