"Sgomberate il tribunale". Scatta l'allarme a Udine

Stamattina è arrivata una telefonata al 115 nella quale una donna parlava di moschee, farfugliando frasi poco chiare, facendo riferimento al Tribunale di Udine

La polizia di Stato di Udine sta facendo da questa mattina un'attività di bonifica nel tribunale di Udine, dopo una telefonata di minacce anonima che ha fatto scattare i protocolli antisabotaggio. Erano circa le 7 del mattino quando la chiamata, di una voce femminile, è arrivata al centralino dei vigili del fuoco. "Sgomberate subito l'edificio" avrebbe detto la donna, con generiche minacce. In quel momento il palazzo di Giustizia era ancora vuoto e sono scattate subito tutte le misure di sicurezza previste in questi casi.

L'edificio è stato chiuso e ne verrà consentito l'accesso solo a verifiche ultimate. Le indagini sono in corso anche per verificare da dove sia partita la telefonata, che al momento gli inquirenti ritengono comunque poco attendibile, e se ci sia qualche collegamento con precedenti episodi di finti allarmi bomba segnalati negli anni passati in città, uno proprio in Tribunale.

Nella telefonata la donna parlava di moschee, farfugliando frasi poco chiare, facendo riferimento al Tribunale di Udine.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di bandog

bandog

Ven, 03/06/2016 - 10:07

Perché questa mattina c'era qualcuno nel tribunale di Udine ,oltre alla eventuale sicurezza e portierato??