Sgominato traffico illegale di cuccioli dalla Slovacchia

Controlli e arresti in tutta Italia. Oltre 100 i cani sequestrati

Sgominato traffico illegale di cuccioli dalla Slovacchia

È stato sgominato un importante traffico illegale di cani dalla Slovacchia all’Italia. La banda di criminali aveva base fissa in Slovacchia e da là raggiungeva tutto il nostro paese. Migliaia i cani trasportati illegalmente, con vaccinazioni non veritiere e libretti sanitari falsificati. L’operazione è stata portata a termine dalla Polizia di Frontiera di Rimini, grazie alla collaborazione con il Servizio di Cooperazione Internazionale di Polizia e delle Squadre Mobili di Milano, Alessandria, Bergamo, Savona e Napoli. Molti gli arresti avvenuti nelle varie regioni e almeno cento i cani sequestrati dagli agenti. Le menti dell’organizzazione riuscivano a gestire il lavoro direttamente dalla Slovacchia, Paese dove nascevano e partivano i cani.

La polizia Italiana, circa cinquanta uomini, ha stretto una fitta collaborazione con la polizia della repubblica Slovacca, coinvolgendo almeno 30 agenti oltreconfine, e le guardie eco zoofile di “Fare Ambiente”. L’intera operazione è stata condotta dalla Procura della Repubblica di Rimini. La polizia ha eseguito sette misure cautelari, e tre di queste sarebbero mandati di arresto europeo. Sarebbe stato arrestato anche un 64enne di Loano. Il giro d’affari avrebbe fruttato ai criminali almeno un milione di euro. I colpevoli verranno anche denunciati per maltrattamento. Molti cuccioli infatti giungono nel nostro Paese privi di vita, sia per il viaggio che devono sopportare, sia per le condizioni igieniche praticamente inesistenti.

Commenti