Si rifiuta di portare il velo, il marito la picchia davanti al bambino

Una donna siriana, residente a Vicenza, per cinque anni, ha subito varie violenze dal marito che la costringeva anche a indossare sempre il velo

Si rifiuta di portare il velo, il marito la picchia davanti al bambino

Una donna siriana, residente a Vicenza, per cinque anni, è stata costretta dal marito a indossare il velo. Era arrivata in Italia nel 2010 quando sposa, con un matrimonio combinato per telefono, un connazionale di 18 anni più grande di lei che viveva nel nostro Paese già da vari anni.

Da allora, racconta il Gazzettino, la sua vita è diventata un inferno. Non solo era obbligata a portare il velo ma non poteva uscire di casa, neppure per fare la spesa o portare suo figlio di 5 anni, nato a Vicenza, dal pediatra per le normali visite di routine. Anzi, molto spesso il piccolo era testimone delle violenze che la madre subiva e che sono durate fino alla fine di questa estate quando, dopo l'ennesimo pestaggio, la donna ha deciso di chiamare il Centro antiviolenza di Vicenza. La donna è stata quindi convinta dai responsabili di questo centro a sporgere denuncia contro il marito, un 52enne musulmano fondamentalista almeno per quanto riguarda la vita privata. Ora che si sono concluse le indagini all'uomo è stato vietato di avvicinarsi alla donna e il figlioletto è entrato nel programma di misura cautelare, con lo stesso provvedimento.

Commenti