"Siamo arrivati al plateau", ma salgono ancora i morti

Stabili i nuovi contagi (37mila) nel bollettino di venerdì 20 novembre. Risale il rapporto positivi/tamponi. La Lombardia torna sopra i 9mila

Sono 37.242 i nuovi contagi di coronavirus venerdì 20 novembre (ieri erano 36.176) a fronte 238.077 tamponi effettuati. Aumentano i morti: 699 contro i 653 morti di ieri. Sale a 15,6% il rapporto positivi/tamponi (ieri era a 14,4%,). Sono 347 in più i ricoveri in ospedale, 36 dei quali in terapia intensiva. “Negli ultimi giorni il numero dei casi comincia ad appiattirsi e questo indica il rallentamento dell’incidenza”, ha detto il presidente dell’Istituto superiore di sanità Silvio Brusaferro durante la conferenza sull’analisi dei dati del monitoraggio regionale della cabina di regia. L’obiettivo non è “una crescita lenta ma è una decrescita rapida perseguibile solo con l’rt sotto l'1, una soglia dove il tracciamento sistematico sia possibile”, spiega Brusaferro.

LOMBARDIA

Oggi in Lombardia si sono registrati 9.221 casi di coronavirus e 175 morti. Dall'inizio dell'epidemia i decessi in regione sono stati 20.190. I tamponi effettuati sono stati 42.248, per un totale di 3.724.757. Ieri, su 37.595 tamponi, i contagi erano stati 7.453 e i morti 165.

FRIULI VENEZIA GIULIA

In riferimento alle odierne 1.018 nuove positività al Covid-19 in Friuli Venezia Giulia, si specifica che, secondo i dati della direzione centrale Salute, 85 casi afferiscono a esami eseguiti da laboratori privati dal 29 ottobre al 14 novembre e altri 62 casi a test eseguiti dal 15 e al 19 novembre e successivamente registrati a sistema, per un totale di 147 casi.

EMILIA ROMAGNA

Dall'inizio dell'epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 100.344 casi di positività, 2.533 in più rispetto a ieri, su un totale di 22.307 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti è oggi dell'11,3%, stabile rispetto a ieri (1,4%). Sono 47 i nuovi decessi. Secondo la rilevazione settimanale della cabina di regia nazionale, l'indice di trasmissione del contagio (Rt), in Emilia-Romagna scende a 1,14. E' il quarto calo consecutivo, dopo quelli delle tre settimane precedenti (rispettivamente: 1,63, 1,57, 1,4). Prosegue l'attività di controllo e prevenzione: dei nuovi contagiati, 1.036 sono asintomatici individuati nell'ambito delle attività di contact tracing e screening regionali. Complessivamente, tra i nuovi positivi 259 erano già in isolamento al momento dell'esecuzione del tampone e 431 sono stati individuati all'interno di focolai già noti. L'età media dei nuovi positivi di oggi è 45,8 anni.

ABRUZZO

Sono complessivamente 22547 i casi positivi al Covid 19 registrati in Abruzzo dall'inizio dell'emergenza. Rispetto a ieri si registrano 705 nuovi casi (di età compresa tra 5 mesi e 97 anni).

PUGLIA

Sono 1.456 i nuovi casi di positività registrati oggi in Puglia su un totale di 10.102 test eseguiti. Sono invece 16 i decessi. Lo comunica il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, sulla base delle informazioni inviate dal direttore del dipartimento promozione della Salute, Vito Montanaro.

TOSCANA

In Toscana sono 90.884 i casi di positività al Coronavirus, 2.207 in più rispetto a ieri (1.471 identificati in corso di tracciamento e 736 da attività di screening). I nuovi casi sono il 2,5% in più rispetto al totale del giorno precedente. I guariti crescono del 7,4% e raggiungono quota 34.894 (38,4% dei casi totali). I tamponi eseguiti hanno raggiunto quota 1.421.783, 18.442 in più rispetto a ieri, di cui il 12% positivo. Sono invece 8.340 i soggetti testati oggi (escludendo i tamponi di controllo), di cui il 26,5% è risultato positivo. A questi si aggiungono i 3.687 tamponi antigenici rapidi eseguiti oggi. Gli attualmente positivi sono oggi 53.869, -0,5% rispetto a ieri. I ricoverati sono 2.087 (14 in meno rispetto a ieri), di cui 295 in terapia intensiva (8 in più). Oggi si registrano 48 nuovi decessi: 31 uomini e 17 donne, con un'età media di 79,4 anni. Questi i dati - accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste della Protezione civile nazionale - relativi all'andamento dell'epidemia in regione.

UMBRIA

Sono 394 i nuovi positivi rilevati oggi in Umbria, erano 556 l'ultimo giorno. In lieve discesa il numero degli attualmente positivi, 11.373, contro gli 11.390 di ieri. Sono invece 21 i nuovi decessi registrati per un totale di 314. Lo rende noto la Regione nell'aggiornamento quotidiano dei dati pubblicato sul sito.

VALLE D'AOSTA

Sette nuovi decessi che complessivamente salgono a 278, 2080 casi positivi attuali, + 45 rispetto a ieri, di cui 148 ricoverati, 10 in terapia intensiva, e 1922 in isolamento domiciliare. Sono i dati dell'emergenza coronavirus in Valle d'Aosta resi noti oggi dal bollettino di aggiornamento sanitario della Regione. I casi positivi totali da inizio epidemia sono 5832(+155), i guariti 3474 (+103), i tamponi fino ad oggi effettuati 53347 (+711).

SICILIA

Sono 43 i nuovi decessi da coronavirus in Sicilia. Lo riferisce al Protezione Civile. I nuovo contagi sono 1.634, per un totale di 34.756 attuali positivi. I guariti/dimessi sono 416, per un totale di 14.179. I tamponi sono stati 10.020. I ricoverati in terapia intensiva sono in tutto 242.

SARDEGNA

Sono 17.578 i casi di positività al Covid-19 complessivamente accertati in Sardegna dall'inizio dell'emergenza. Nell'ultimo aggiornamento dell'Unità di crisi regionale si registrano 581 nuovi casi, 226 rilevati attraverso attività di screening e 355 da sospetto diagnostico. Sono 5 i decessi nelle ultime 24 ore (367 in tutto): quattro uomini e una donna, in età compresa fra 63 e 93 anni. Le vittime: 3 residenti nel nord Sardegna e 2 nella Città metropolitana di Cagliari. In totale sono stati eseguiti 339.997 tamponi con un incremento di 4.354 test. Sono, invece, 526 i pazienti attualmente ricoverati in ospedale in reparti non intensivi (+9 rispetto al dato di ieri), mentre è di 69 (+2) il numero dei pazienti in terapia intensiva. Le persone in isolamento domiciliare sono 11.049. Il dato progressivo dei casi positivi comprende 5.517 (+324) pazienti guariti, più altri 50 guariti clinicamente.

MARCHE

Il Servizio Sanità della Regione Marche ha comunicato che nelle ultime 24 ore sono stati testati 3367 tamponi: 1725 nel percorso nuove diagnosi e 1642 nel percorso guariti. I positivi sono 512 nel percorso nuove diagnosi (158 in provincia di Macerata, 145 in provincia di Ancona, 113 in provincia di Pesaro-Urbino, 46 in provincia di Fermo, 47 in provincia di Ascoli Piceno e 3 da fuori regione). Questi casi comprendono soggetti sintomatici (77 casi rilevati), contatti in setting domestico (117 casi rilevati), contatti stretti di casi positivi (148 casi rilevati), contatti in setting lavorativo (29 casi rilevati), contatti in ambienti di vita/socialità (31 casi rilevati), contatti in setting assistenziale (4 casi rilevati), contatti con coinvolgimento di studenti di ogni grado di formazione (16 casi rilevati), screening percorso sanitario (6 casi rilevati) e 2 rientri dall'estero. Per altri 82 casi si stanno ancora effettuando le indagini epidemiologiche.

LAZIO

Diminuiscono i nuovi positivi al coronavirus nel Lazio. "Oggi, su quasi 27mila tamponi, si registrano 2.667 casi", rende noto l'assessore alla Sanità regionale, Alessio D'Amato. Ieri i nuovi positivi erano stati 2.697 su oltre 27mila tamponi eseguiti. Si riduce anche il numero dei morti: oggi sono 41 a fronte dei 61 di ieri. I guariti nelle ultime 24 ore sono stati 421.

ALTO ADIGE

Sono 736 i nuovi casi di coronavirus in Alto Adige. A livello provinciale ad oggi sono stati effettuati in totale 288.707 tamponi su 142.658 persone, 3.286 nelle ultime 24 ore. I decessi sono 466, 8 in più. I pazienti Covid-19 ricoverati nei normali reparti ospedalieri sono 329 e 38 quelli in terapia intensiva. Sono i dati dell'Azienda sanitaria resi noti dalla Provincia di Bolzano.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

jaguar

Ven, 20/11/2020 - 18:07

E intanto in Lombardia ci sogniamo la zona arancione, di questo passo la vedremo in primavera.

baio57

Ven, 20/11/2020 - 18:21

Tucidide 430 a.c. : " Più che la peste, a distruggere Atene fu la paura della peste."

Junger

Ven, 20/11/2020 - 18:46

Il livellamento delle curve epidemiche è una delle tante mitologie della statistica medica. Purtroppo siamo all' inizio della stagione invernale e le scuole dell' obbligo sono regolarmente aperte: ovviamente rimane la speranza escatologica nei miracolosi vaccini; ma il presidente di pfizer prima annuncia i risultati portentosi poi vende milioni di azioni...

manson

Ven, 20/11/2020 - 19:15

Tranquilli il 3 riapre tutto veglioni e cenoni e il 20 gennaio nuovo lockdown. Ovviamente tutto aperto tranne la scuola perché li vogliamo ubriachi strafatti e ignoranti

king90

Ven, 20/11/2020 - 19:40

Ma tutti morti covid di altro non si muore

Ritratto di PeccatoOriginale

PeccatoOriginale

Ven, 20/11/2020 - 19:46

baio57 - Fake news. Quella e` la libera interpretazione di Bechi in un articolo su Libero. Tucidicde non ha MAI scritto quella frase che lei cita: (" Più che la peste, a distruggere Atene fu la paura della peste.")