Siamo davvero in fase calante? Cosa ci dicono i dati sul virus

Il virus tiene in scacco l'Italia. Ecco lo studio sui rapporti incrementali dei contagi nel breve e nel brevissimo periodo

C’è una domanda che molti si stanno ponendo: a che punto siamo nella nostra battaglia contro il coronavirus? Governo, Protezione Civile e Istituto Superiore di Sanità sembrano mostrare cauto ottimismo, basandosi ovviamente sui dati che ogni giorno vengono diffusi in conferenza stampa. Il rischio, però, è di trovarsi di fronte ad un numero poco indicativo. E che potrebbe farci cadere in errore.

I motivi sono molteplici. Innanzitutto i tamponi sono stati fatti secondo criteri che sono cambiati di giorno in giorno. Poi le Regioni hanno proceduto singolarmente, realizzando i test in maniera differente. E infine c'è un intero mondo di asintomatici che non è stato rilevato, ma che incide sulla diffusione del virus. Per questo la società Perfexia, in collaborazione con la Fondazione Ebris, ha deciso di non focalizzare l'attenzione sul numero quotidiano assoluto di infezioni, come fa la maggior parte dei media, ma di studiare i rapporti incrementali delle curve dei positivi in un dato periodo di tempo. "La curva dei contagi ha un certo andamento, una inclinazione - spiega Antonio Giorgi, direttore tecnico di Perfexia - E noi punto per punto, giorno per giorno, andiamo a monitorare quanto crescono l'ascissa e l'ordinata. Se il dato è molto alto, vuol dire che il focolaio è attivo. Quando invece questo comincia a diminuire o diventa negativo, vuol dire che l'infezione si sta spegnendo".

Per capire se una Regione si è avviata o meno verso la fine dell’emergenza, gli analisti si sono quindi concentrati sui rapporti incrementali nel breve (sette giorni) e nel brevissimo periodo (48 ore). Misurato sugli ultimi due giorni, il rapporto dà una indicazione sui cambiamenti repentini dell'andamento delle infezioni, che se confermato anche nel breve periodo (7 giorni) può dare un'indicazione su un peggioramento o un miglioramento della situazione. "A rapporto incrementale più alto - spiega Giorgi - corrisponde un incremento dell'attività di un focolaio del virus. Un rapporto incrementale molto basso o addirittura negativo nel brevissimo (48 ore), se confermato anche nel breve (7 giorni) può indicare l'avvio di una fase calante dell'infezione in una regione o provincia italiana”.

Vediamo allora come sta andando, tenendo però a mente una breve precisazione: "Per sua natura - spiega Danilo Lucangeli, Ceo di Perfexia - questo calcolo può subire variazioni piuttosto marcate soprattutto per regioni dove i numeri sono esigui". Dunque in questi casi l'analisi potrebbe apparire poco precisa. Ci si può però concentrare su regioni particolarmente colpite, come Emilia Romagna, Piemonte, Lombardia e Veneto (qui) oppure sulle singole provincie (qui). Di tutti territori, cambiando la data sulla colonna di destra, è possibile anche verificare l'andamento del rapporto incrementale nel tempo, partendo dall'esplosione dell'epidemia italiana a febbraio fino ad oggi. In questo momento a spiccare in questa particolare classifica c'è il Piemonte, che mostra un rapporto incrementale più elevato delle altre regioni sia nel breve che nel brevissimo periodo. Sintomo che l'attività di questo focolaio sembra più lontano di altri dallo spegnersi. "Anche la Liguria sta salendo - dice Giorgi - forse proprio a causa della vicinanza con il Piemonte". A seguire ci sono Toscana, Abruzzo ed Emilia Romagna. Interessante il dato sulla Lombardia: fino al 21 marzo era in cima a questa particolare classifica, poi ha iniziato a scendere fino al 10 aprile, quando sembra essere ricominciato un incremento. Forse spinto dall'aumento dei contagi a Milano. La città che più di altre ora è sotto la lente delle autorità in vista del ritorno alla tanto attesa normalità.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

maurizio-macold

Gio, 16/04/2020 - 13:39

Perche' nell'elenco delle regioni colpite dal covid-19 l'Emilia e' stata riportata in GRASSETTO mentre le altre no? Questo giornale ha completamente perso l'etica e la professionalita'.

Ritratto di Quintus_Sertorius

Quintus_Sertorius

Gio, 16/04/2020 - 13:46

Non il virus, ma il regime tiene in scacco l'Italia. In combutta con i media, che massaggiano i numeri per il massimo effetto sulla mente dei poveretti che credono che televisione e giornali esistano per informarli.

Ritratto di Zvallid

Zvallid

Gio, 16/04/2020 - 13:56

Te lo dico io dove è la fase calante: nel mio portafoglio. Riaprite le fabbriche e piantatela con i giochini. maurizio-macold: la hanno scritta in grassetto per far scrivere quelli come te

Calmapiatta

Gio, 16/04/2020 - 14:04

Con il virus si dovrà convivere. Questo bisogna ficcarselo in testa. Non si può bloccare il paese per un anno, o due, si deve trovare il modo di andare avanti. COVID, però, come tutte le crisi, è anche un'occasione. E' la possibilità di cambiare le cose, l'opportunità di muoversi verso il futuro, elaborare nuovi schemi sociali, politici e industriali. Però, non vedo questo approccio nè nel governo nè nell'opposizione. Vedo solo il tentativo di riproporre ostinatamente uno schema politico che COVID ha bollato come fallimentare.

hectorre

Gio, 16/04/2020 - 14:08

a parte il solito patetico commento(chissà di chi!!)....i contagi diminuiscono perché siamo blindati in casa!!!...sarebbe impensabile il contrario..........e pensate un po...sono diminuiti, se non del tutto scomparsi, i morti per incidenti stradali!!!!!....chissà perché!!!!!

hectorre

Gio, 16/04/2020 - 14:10

p.s. anche Lombardia in grassetto!!!....maurizio-macold cosa facciamo adesso!!!...panico!!!!!!...patetico

DRAGONI

Gio, 16/04/2020 - 14:16

CI DICONO CHE FINCHE' NON DEFUNGERANNO TUTTI I VECCHI LE MORTI NON CESSERANNO....SE NEL FRATTEMPO NON VERRANNO VACCINATI!!

ulio1974

Gio, 16/04/2020 - 14:39

sono oramai due settimane che "Governo, Protezione Civile e Istituto Superiore di Sanità sembrano mostrare cauto ottimismo". Il fatto è che non sanno come uscirne: siamo guidati da incapaci e consigliati da incompetenti. Siamo finiti.

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Gio, 16/04/2020 - 14:43

maurizio-macold: Etica e professionalità qui a Il Giornale? Ma stai babbiando?

Ritratto di Opera13

Opera13

Gio, 16/04/2020 - 14:46

Una truffa ben orchestrata dai mondialisti sinistroidi ben inseriti in organizzazioni criminaliin con tanto di facciata "politicaly correct". Su 8 miliardi di persone, qualcuno crede davvero che la sinistra comunista si preoccupi del numero di morti oppure interessi personali ?

oracolodidelfo

Gio, 16/04/2020 - 14:47

maurizio-macold 13,39 - l'Emilia e Romagna e la Lombardia un po' più sotto. Se questo Giornale è così negativo, perchè lo frequenta. Verrà il giorno che se sputate nel piatto dove mangiate.....dovrete raccogliere lo sputo. Chiedo scusa per i termini ma non c'è altro modo di rendere l'idea.

IronHandIronHead

Gio, 16/04/2020 - 15:00

Gli esperti di un fenomeno non conosciuto non esistono: è una contraddizione in termini. Prendiamo alcuni dati: la Cina ha sicuramente barato sui numeri e la sua curva piatta e un tasso pari all'0,0006% è una bufala o peggio un atto ostile. I morti ieri in Italia erano 21645, dopo 2 mesi di crisi. Normalmente, in Italia, muoiono 65000 persone al mese. Eppure non fermiamo la guida, non blocchiamo le città alla ricerca di spacciatori...La banale verità è che qualcuno sta generando volutamente ansia per scopi osceni quali la deprivazione della Libertà e l'impoverimento coatto. Tra 2 mesi degli anziani morti nelle RSA non ne parlemo più: ci saranno i suicidi della classe media alla fame. Viva l'Italia e viva la Libertà

ilguastafeste

Gio, 16/04/2020 - 15:05

"Quando invece questo comincia a diminuire o diventa negativo, vuol dire che l'infezione si sta spegnendo"... Geniale, e dovrei affidarmi a questi banali analisti? Tra l'altro i grafici mostrano che non "sembra essere" ma "è" ricominciato un'incremento, che in verità non ha mai smesso. Il virus è ancora molto attivo e il picco non è ancora stato raggiunto.

Ritratto di Quintus_Sertorius

Quintus_Sertorius

Gio, 16/04/2020 - 15:12

@Opera13 Non vedo i "destroidi" di regime come Trump o Salvini impegnati a smentire dati alla mano le menzogne delle ultime settimane. In Italia il problema non è solo smettere di votare i liberali del PD, ma anche evitare di cadere nella rete degli alri liberali, si chiamino LeU, M5S, FI, FdI o Lega.

Ritratto di Opera13

Opera13

Gio, 16/04/2020 - 16:06

@uintus_Sertorius - Come gia detto, sono "politically agnostic" quindi per me destra sinistra sono facciate della stessa medaglia. Detto questo, me la prendo con i sinistroidi perche sono maggiormente inseriti in organismi criminali odierni. Tutti uguali da Obama, Trump, Clinton, Bush, etc.. Lascio a lei la lista Italiana.

Ritratto di Opera13

Opera13

Gio, 16/04/2020 - 16:26

@Quintus_Sertorius - La globalizzazione doveva aumentare il commercio internazionale e sopratutto migliorare la qualità di vita locale e globale. Si e' realizzato l'esatto contrario. Sfruttamento, manipolazione e controllo dei popoli. Adesso si passa alla fase piu' critica, Police State, Society of Control, Mass Media Manipulation,.. Tutto questo venduto sotto forma di "liberalism, democracy, green deal" con l'intenzione di eliminare la cultura nazionale.

Ritratto di Opera13

Opera13

Gio, 16/04/2020 - 16:40

@Quintus_Sertorius - Ecco un ulteriore motivo. Mi dica perche il Nazionalismo, cioè il diritto di difendere ed essere orgoglioso della propria cultura e identità ( amare la sua patria, gente, isole, storia, diversità regionale ) e' fonte di razzismo, detto dai Sinistroidi, qualora la si vuole difendere ?

IronHandIronHead

Gio, 16/04/2020 - 16:48

La globalizzazione è sinonimo di schiavitù. L'Impero Inglese l'aveva attuata in Cina tramite la guerra dell'oppio. Adesso i mondialisti ci stanno propinando il Lockdown e il massacro delle libertà civili. Non si è mai visto nella storia dell'Umanità rischiare la vita di Milioni di Persone per la potenziale (supposta e indimostrata e indimostrabile) salvezza di alcune Migliaia. Senza Libertà non c'e' Democrazia, senza Libertà non c'e' richezza, ma povertà e malattia. Se non ce la faranno con la balla del Covid, vedrete, ci proveranno con la Guerra. Cinesi e comunisti: i 5 Stelle ne sono l'avanguardia!

Ritratto di Civis

Civis

Gio, 16/04/2020 - 16:56

Anche Perfexia si inventa qualcosa per avere un po' di visibilità. Resta il netto andamento a saliscendi settimanale che nessuno ancora spiega se sia dovuto ad eccesso di nuovi infetti nei giorni feriali, quindi per lavoro, o invece nei festivi. Comunque, i prossimi 3 o 4 giorni saranno di aumento dei nuovi infetti giornalieri, visto che ieri eravamo in uno dei 3 minimi delle ultime settimane.

Ritratto di Civis

Civis

Gio, 16/04/2020 - 18:21

Per oggi, la mia previsione è risultata azzeccata, ma non ci voleva molto. Il minimo di ieri, nel saliscendi settimanale, era al valore di 2700 nuovi infetti, mentre oggi siamo a 3800. Vedremo se la salita continuerà ancora nei prossimi 3 o 4 giorni.

rodolfoc

Gio, 16/04/2020 - 18:31

Il falso democratico, falso come una banconota da 3 euro, se la prende sempre e solo con i leghisti, con la Lombardia e col Giornale, ma stavolta l'ha fatta fuori del vasino. Coda di paglia, l'Emilia è in grassetto in un punto, altrove ci trovi Lombardia, coronavirus e Perfexia in grassetto, e altri nomi. Di chi parlo? Ma del maLcold, è evidente!

Frankdav

Gio, 16/04/2020 - 18:49

Beh certo che se il lockdown e l’isolamento non funzionano o richiedono anni per dare qualche risultato allora non resta che uscire riappropriandoci della nostra vita, il tentativo è stato fatto.

Reip

Gio, 16/04/2020 - 19:14

E con più di 500 morti al giorno, voi parlate di fase calante?

Una-mattina-mi-...

Gio, 16/04/2020 - 19:17

QUELLO CHE TIENE IN SCACCO IL PAESE non è il modestissimo Virus, ma una manica di incapaci psicotici

Ritratto di Civis

Civis

Gio, 16/04/2020 - 19:28

Il virus si può controllare, nelle regioni dove non è molto diffuso, lasciando lavorare quasi tutti, senza distruggere l'economia e avendo anche un successo politico. La Corea del Sud insegna.

Ilsabbatico

Gio, 16/04/2020 - 19:40

Ma c'è qualcuno qui , aldilà della fazione politica, che si fida sia in bene che in male dei numeri che vengono comunicati??? E che crede che non siano dati alla "carlona italiana"???? ...positivi o negativi che siano... Attendo risposte!