Covid-19, Milano preoccupa: i contagi salgono ancora

A Milano e provincia casi di Covid-19 aumentano più che nel resto della Lombardia. Dal 21 aprile al via i test sierologici in alcune città lombarde

Covid-19, Milano preoccupa: i contagi salgono ancora

Il nuovo coronavirus sembra rallentare la sua corsa, ma non si ferma. Soprattutto a Milano, dove i numeri sui contagi continuano ad oscillare. In questi giorni, il capoluogo lombardo è in testa alla classifica dei rialzi di contagi nella Regione. A preoccupare è anche la provincia di Milano, dove il Sars-CoV-2 non sembra voler rallentare.

I dati forniti ieri dall'assessore al Welfar Giulio Gallera non rassicurano: in provincia, infatti, si contano 14.161 casi, con un aumento di 481 contagi nelle 24 ore precedenti, mentre la sola città ne ha 5.857 (+296). "Il dato è stabile- ha precisato Gallera- ma non scende con quella determinazione con cui dovrebbe soprattutto a Milano città. Bisogna essere ancora più incisivi anche per rispetto di chi la quarantena la rispetta".

Una crescita che, secondo i calcoli del Corriere della Sera, si aggira sul 3,5% in tutta l'area metropolitana e sul 5,3% nella sola Milano, contro un +2% del resto della Lombardia. Bisogna considerare che il numero di positivi del capoluogo lombardo (ad oggi, 14.161 in totale e 5.857 nella sola città) va riferito a una popolazione di 3,2 milioni di abitanti. Intorno al 20 marzo, le percentuali arrivavano quasi al 20% giornaliero, poi il flusso è sceso al 10%, fino ad arrivare al 5%: un rallentamento, quindi, c'è stato, ma non pari a quello dell'intera Regione, arrivata al 2%. Il motivo di questo comportamento della curva milanese non è ancora chiaro.

Si tratta di un panorama fatto da una curva che "un giorno scende, e un giorno sale" e, secondo Giulio Gallera, "non siamo ancora davanti ad una decisa riduzione contagi". Per questo, è fondamentale "rimanere in casa. Non è finita, dobbiamo ancora resistere anche in vista dei ponti che ci separano dal 3 maggio: li passeremo a casa". L'aumento dei casi positivi, in realtà, potrebbe essere legato anche ai maggiori tamponi effettuati, ma in ogni caso la situazione fa riflettere. "A Milano c’è troppa gente che si muove- ha detto ancora l'assessore al Welfare- i controlli li fanno forze dell’ordine e polizia locale. Noi interloquiamo costantemente con gli amministratori locali e le prefetture. Bisogna essere più incisivi". Stamattina, il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, ha risposto: "Più del 95% delle persone fermate a Milano è in regola, questa è la realtà, per cui io mi dissocio da questa retorica del milanese indisciplinato che si fa gli affari suoi. Non è così". E incalza: "Se qualcuno pensa che c'è troppa gente in giro, è semplice, faccia una nuova ordinanza e tenga più gente a casa, è tutto qui".

La fotografia di Milano, come di tutta l'Italia, non è comunque completamente attendibile, dato che è possibile che i dati siano pari a 5-6 volte più di quelli registrati, come ha precisato l'infettivologo del Sacco, Massimo Galli. Intanto, la Regione Lombardia ha annunciato che dal 21 aprile partiranno i test sierologici. Saranno 20mila al giorno, a cominciare dagli operatori sanitari e socio sanitari e dai cittadini che devono tornare al lavoro. In particolare saranno interessate le "province di Bergamo, Brescia, Cremona e Lodi". I test, ha spiegato la Regione, "certificheranno l'immunità al virus e permetteranno di gestire in modo consapevole la cosiddetta fase 2". Infine, la Regione ha cambiato anche la strategia sulla quanantena, non più da 14 ma da 28 giorni

Commenti

Grazie per il tuo commento