L'ultima follia dell'Arcigay: una "patente" per i sindaci

In occasione delle elezioni amministrative in Sicilia tornano i questionari arcobaleno. Ma questa volta si va più a fondo, fino a temi più delicati come i test per l'Hiv: "I candidati sono disposti a farli gesire alle Onlus?"

Foto tratta da Wikipedia

Un questionario arcobaleno da sottoporre ai candidati alle elezioni amministrative a Catania, Siracusa e Ragusa. È questa l'iniziativa promossa dal consigliere nazionale di Arcigay Catania Giovanni Calogero. Anzi, per essere precisi - e friendly - la neolngua che caraterizza il formulario usa la parola candidat*.

L'obiettivo della campagna, di cui ha parlato La Verità, sarebbe proprio quello di "fornire un' informazione più ampia possibile alla comunità Lgbt su chi si stia candidando e su come la pensi su dei temi", come per esempio unioni civili e Gay pride. Forza Nuova ha subito contestato l'iniziativa attraverso un post su Facebook. "Arcigay fa prove di discriminazione verso chi non si piega alla lobby Lgbt - si legge nel post - Un questionario sulle tematiche LGBT al quale dovranno rispondere i candidati ai consigli comunali, così come coloro che ambiranno al ruolo di primo cittadino nei vari Comuni".

Ma le domande riguardano anche temi ancora più delicati, come il proposito di coinvolgere le associazioni gay nelle campagne di prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili. Sempre come riporta il quotidiano, nel questionario si legge: "Sarebbe favorevole a fare tutto quanto è in proprio potere affinché si delineino, sostengano e finanzino strategie innovative di offerta del test Hiv, in particolare servizi "community based" dove il test e il counseling sono gestiti direttamente dalle associazioni al fine di raggiungere più efficacemente le popolazioni più vulnerabili all' esposizione all' Hiv?".

Non è la prima volta che iniziative simili vengono intraprese. Anche in occasione delle Regionali siciliane e delle politiche di marzo 2018 era stato creata la piattaforma "voto arcobaleno". L'obiettivo? Ancora una volta far emergere in modo chiaro le posizioni dei candidati "in modo da poter scegliere in maniera autonoma gli esponenti più vicini «alle istanze e alle battaglie della comunità Lgbt". Insomma, queste iniziative non sembrano lasciare ombra di dubbio: o sei gayfrendly o meriti l'ostracismo.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

daniel66

Dom, 13/05/2018 - 13:10

Se ci sono di mezzo le onlus non è mai una cosa buona.

Ritratto di bracco

bracco

Dom, 13/05/2018 - 13:16

Per questi il cxxo viene prima di tutto

Divoll

Dom, 13/05/2018 - 15:25

Fossi io il premier, metterei l'Arcigay fuorilegge.

titina

Dom, 13/05/2018 - 16:30

la casta arcigay

Popi46

Dom, 13/05/2018 - 16:38

Un tempo arrivavano i carrozzoni del circo che regalavano ore di meraviglie a piccoli e grandi, oggi arrivano i carri carnascialeschi dell’arcigay.... È il progresso, bellezze!

cir

Dom, 13/05/2018 - 17:03

tutti i sindaci dovranno sostenere un esame: prima gli scritti.. poi gli orali..

Ritratto di tomari

tomari

Dom, 13/05/2018 - 17:13

Inviterei tutti i gay a cucirsi la bandiera arcobaleno sulla giacca, altrettanto per le lesbiche. Così gli etero sanno con chi hanno a che fare....

killkoms

Dom, 13/05/2018 - 17:30

questi signori vorrebbero tutti come loro..!

Anonimo (non verificato)