Speculazioni sull'accoglienza: ora ad ospitare gli immigrati arrivano anche i tour operator

In Trentino enti religiosi ed alberghi vengono contattati da un tour operator che propone loro di partecipare al bando di gara indetto dalla provincia per ospitare i migranti: ma chi paga la commissione?

L'Italia è presa d'assalto da un'ondata migratoria senza precedenti e la provincia autonoma di Trento, previdente, si prepara.

Il 29 aprile la provincia pubblica un bando di gara per "l'affidamento dei servizi di vitto e alloggio rivolto ai migranti", per un periodo di tre anni a partire dal primo gennaio 2016. Qualche giorno fa il quotidiano locale "Il Trentino" segnala il caso di un ente religioso trentino contattato da un tour operator privato che invita alla partecipazione al bando: "Richiesta per la vostra disponibilità a partire dal 1° gennaio 2016 per il periodo che vorrete mettermi a disposizione la struttura, il bando è per 3 anni. Si tratta di utenti particolari in quanto parliamo di emigranti che il Ministero dell'interno ha destinato per la vostra regione".

Insospettiti, decidiamo di chiamare il tour operator, fingendoci albergatori trentini interessati all'opportunità. Chiediamo se si occupano dell'accoglienza dei migranti "per conto della provincia": rispondono di sì.

Quindi proseguono specificando che l'accoglienza dovrà essere conforme alle esigenze religiose degli ospiti e che in loco "sarà presente un nostro referente".

Andiamo al dunque, chiediamo quanto sarà la diaria. La risposta è stupefacente: "Puoi fare tu il prezzo. Alla fine di ogni mese tu mi darai un resoconto insieme al nostro responsabile. Io faccio la fattura e immediatamente mi viene saldata e io ti saldo. Al termine di ogni mese ci sono i soldi. È molto importante, non è che va alle calende greche".

Basiti, chiamiamo il direttore generale del dipartimento salute della Provincia, Silvio Fedrigotti, per chiedere spiegazioni. Dal dipartimento ci confermano che la provincia non ha mai dato incarico ad alcun mediatore, come peraltro aveva già dichiarato pubblicamente l'assessore Borgonovo Re: "Noi non abbiamo dato nessun incarico: il ministero stabilisce un fisso e poi noi apriamo la gara al ribasso, con base d'asta a 25 euro".

A questo punto chiediamo il conto al tour operator, tornando a domandare se agiscano per conto della provincia: questa volta la risposta è più ambigua, "lo facciamo per la provincia perché il bando è della provincia".

"Noi partecipiamo ad un bando di gara come ne partecipiamo a tantissimi - abbozzano - Noi faremo il nostro prezzo. Facciamo un’ipotesi: tu mi dai 20, io lo vendo a 22 e partecipo al bando di gara come possono partecipare tanti altri."

La partecipazione al bando potrà anche essere regolare. Ma l'intenzione di speculare sulla pelle degli immigrati è chiara.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Raoul Pontalti

Sab, 13/06/2015 - 10:38

Gli affari sono affari...C'è chi specula sui migranti e chi specula sugli speculatori raccogliendoli in cordata per partecipare al bando. Tutto ciò è molto imprenditoriale: nei tempi di crisi per i viaggi e i soggiorni turistici si ripiega sui viaggi e i soggiorni dei migranti...E quel baluba di Salvini volle denunciare un albergatore trentino che in bassa stagione cedeva l'albergo a 40 migranti per 35 euro/die cadauno quando ora i migranti si battono a 25 euro/die ciascuno e anche meno purché siano centinaia alla volta...

NON RASSEGNATO

Sab, 13/06/2015 - 10:42

Non ci vedo nulla di strano, non è detto che a pappare siano solo coop rosse e caritas. Magari, se si secca la mangiatoia per queste, non ha più motivo di funzionare il servizio Tritontour

Ritratto di illuso

Anonimo (non verificato)

VittorioMar

Sab, 13/06/2015 - 11:31

E' questione di sopravvivenza!!Se mancano i turisti ogniuno si arrangia come può!!

rossini

Sab, 13/06/2015 - 11:41

Ma ci vogliamo mettere in testa che questo degli immigrati è il più grosso business che ci sia. Vale più del traffico di droga e di armi ed in aggiunta è meno pericoloso. Quelli che ci sguazzano e ci guadagnano sopra fanno pure la figura dei filantropi e degli altruisti. Non a caso la Chiesa Cattolica, le cooperative e i cattocomunisti, oltre alla mafia, camorra e 'ndrangheta, ci si sono buttati a pesce.

Anonimo (non verificato)

Ritratto di Jaspar44

Jaspar44

Sab, 13/06/2015 - 12:33

Come il solito: prima i soldi poi le conseguenze dell'idiozia! A loro i soldi a noi le conseguenze. Anche questo è un atto criminale.

kayak65

Sab, 13/06/2015 - 13:29

boicottare anche per ragione di salute chiunque ospiti clandestini sulle ns tasche

Ritratto di stenos

stenos

Sab, 13/06/2015 - 13:34

Ovvio che è solo un fatto di soldi. Se si destinassero zero euro per tutta la feccia che arriva non gli fregherebbe nulla a nessuno a cominciare dal pd.

luigi.muzzi

Sab, 13/06/2015 - 14:29

Al dio soldo ci si prostra sempre !

eternoamore

Sab, 13/06/2015 - 14:45

MA VHI PAGA? SE SE LI ACCOLLANO I TOUR OPERAYOR TUTTO BENE

Giorgio5819

Sab, 13/06/2015 - 15:12

Programma specifico del progetto comunista di devastare l'Italia e ridurla a una latrina dove far razzolare i loro futuri elettori. Questa sinistra, prima o poi, pagherà caro il delinquenziale progetto che sta realizzando, la storia presenta sempre il conto.

pastello

Sab, 13/06/2015 - 15:37

Vi sentite soli? Soffrite di malinconia? Venite in ferie da noi in trentino. La compagnia è assicurata, gratis.