Sprangato da uno straniero al falò di Ferragosto: è in fin di vita

L'aggressore, un 20enne romeno, è stato arrestato oggi a Nettuno (Roma). Il 17enne colpito da una mazza da baseball invece combatte tra la vita e la morte

Sprangato da uno straniero al falò di Ferragosto: è in fin di vita

Lo ha colpito con una mazza da baseball in risposta ad una lite scoppiata per chissà quale motivo durante il falò di Ferragosto. Una sprangata col bastone di legno che potrebbe costare la vita a Christian, un giovane di 17 anni.

Un romeno di 20 anni è stato arrestato oggi a Nettuno (Roma) con l'accusa di aggressione e tentato omicidio. Sarebbe stato lui, la sera del 14 agosto, a colpire con violenza inaudita Christian. E lo avrebbe fatto per un motivo alquanto sciocco. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, infatti, il 17enne stava giocando a calcio sulla spiaggia con alcuni familiari ed amici. Era quasi buio e per questo il romeno, passando lì vicino, avrebbe contestato la scelta di giocare ad un ora così tarda e con così poca luce.

A quanto pare, però, Christian ci vedeva benissimo. Ed ha risposto a tono al romeno. Battibecco ha fatto poi scatattare la rabbia del romeno, che ha pestato Christian a colpi di mazza da baseball. A quel punto lo straniero non è poi tornato a casa, ed infatti sono subito scattate le ricerche. I familiari e gli amici del 17enne aggredito avevano segnalato agli agenti del commissariato di Anzio e Nettuno il particolare di un tatuaggio che il romeno ha al collo. Il fermato era già noto alle forze dell'ordine per un'altra aggressione che si era conclusa con una sutura e 15 giorni di prognosi per la vittima.

Molti meno di quanti dovrà farne Christian, nella speranza che riesca a superare il trauma. Il giovane infatti è stato trasportato al reparto di rianimazione dell'opedale San Camillo ed è tutt'ora in prognosi riservata.

Intanto si cercano altri conoscenti e amici dell'aggressore che forse hanno partecipato alla follia di Ferragosto.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti