I vigili del fuoco morirono nello scoppio doloso, il giudice: "Furono imprudenti"

Tanta la rabbia delle famiglie: "A me sembra uno sfregio inutile", dice la moglie di uno dei vigili del fuoco caduti

Stanno facendo discutere alcune dichiarazioni del gup di Alessandria Paolo Bargero, che esprimendosi sul caso di Quargnento, tragedia in cui morirono 3 vigili del fuoco, ha parlato di "imprudenza" degli stessi operatori. Tanta l'amarezza dei parenti delle vittime dopo la lettura delle motivazioni presentate dal giudice in seguito alla condanna per i reati minori di truffa, calunnia, crollo e lesioni emessa nei confronti dei coniugi Gianni Vincenti e Antonella Patrucco.

Nella notte fra 4 e il 5 novembre 2019 la squadra di pompieri capitanata da Giuliano Dodero intervenne subito dopo la segnalazione di un incendio scoppiato all'interno di una cascina abbandonata. Proprio nel corso dell'intervento si verificò un'esplosione (secondo l'accusa causata da 5 bombole di gas piazzate da Vincenti che ambiva ad ottenere il premio dell'assicurazione), in seguito alla quale perirono Matteo Gastaldo, Marco Triches e Antonino Candido. Il processo che vede la coppia imputata per omicidio volontario è previsto per il prossimo 14 dicembre, mentre lo scorso 23 luglio è arrivata la condanna per i reati minori: 4 anni ad entrambi.

Nelle sue motivazioni, il gup Bargero si sofferma su quella che sarebbe stata una "imprudenza" dei soccorritori. In particolare il caposquadra Dodero, rimasto ferito a causa dell'esplosione,"nonostante avesse constatato che l’edificio già interessato dalla prima esplosione aveva le grate tagliate, esattamente come l’edificio ancora non esploso, e nonostante fosse stato informato dai carabinieri del fatto che gli immobili erano disabitati, ha dato disposizione ai membri della sua squadra di avvicinarsi e di farvi ingresso", scrive il gup, come riportato da "Il Secolo XIX", "in tale modo contribuendo in maniera imprudente al verificarsi dell’evento lesivo".

Affermazioni che hanno scatenato la rabbia delle famiglie. "A me sembra uno sfregio inutile", ha commentato la signora Elisa Gastaldo, moglie di uno dei vigili del fuoco deceduto in seguito all'esplosione, come riferito da "Tgcom24"."L'ho trovata una sentenza altezzosa, che a priori rifiuta di capire il mestiere di mio marito e dei suoi colleghi. È tutto molto illogico. E per tutti noi, molto doloroso". Sconcertato anche il procuratore Enrico Cieri:"Rispettiamo l’ottimo lavoro fatto dal giudice ma su alcuni punti non siamo d’accordo, per questo impugneremo la sentenza. Parole incomprensibili, i pompieri fecero un lavoro encomiabile". Anche la dott.ssa Anna Maria Chiama, legale di Giuliano Dodero, ha espresso le sue perplessità in merito a quanto scritto sulla sentenza."Chi fa della salvezza di persone animali e cose il proprio mestiere è abituato a fare un rapidissimo, istantaneo, bilanciamento del rischio-beneficio, e nel rischio è ovviamente inclusa l’incolumità personale", ha spigato l'avvocato, come riportato da "Il Secolo XIX"."La sentenza non tiene conto del fatto che, se è vero che l’immobile risultava disabitato, non vi era però assolutamente la certezza che all’interno non vi fosse qualcuno".

"Entrare in edifici con fughe di gas, pur senza persone da soccorrere, è il pane quotidiano dei vigili del fuoco e non un’imprudenza. Altrimenti si arriverebbe all’assurdo paradosso che tutti gli edifici in cui non ci sono persone all’interno, non intervenendo i vigili del fuoco a ripristinare le condizioni di sicurezza, esploderebbero", ha dichiarato il rappresentante del sindacato autonomo dei vigili del fuoco (Conapo) Marco Piergallini. "Non passi il messaggio che vi siano colpe dei vigili del fuoco in questa assurda vicenda", ha aggiunto.

Per protestare contro la sentenza, alcuni colleghi delle vittime hanno organizzato una manifestazione pacifica di fronte al tribunale di Alessandria.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

killkoms

Ven, 13/11/2020 - 14:44

I magistrati dovrebbero attenersi ai fatti ma in Italia non rischiano nulla!

ROUTE66

Ven, 13/11/2020 - 14:45

Polizia schedata,Pompieri negligenti, gente che va al lavoro utilizzando i BUS UNTORI, si potrebbe continuare a lungo. Ma una domanda bisogna pur farsela, che ci alziamo a fare al mattino per cercare di lavorare. Risposta per mantenere TANTI di questi CAMPIONI

cgf

Ven, 13/11/2020 - 15:08

Ora anche VVFF, dopo poliziotti e carabinieri, dovranno passare prima da magistrato se debbono intervenire. Presto ancor prima di entrar in un pronto soccorso/ambulanza, ma anche semplice esame, sarà più che necessario firmare la manleva e l'assunzione preventiva di responsabilità. Ovviamente chi non è cosciente…

Antonio43

Ven, 13/11/2020 - 15:32

Un burocrate, è la mentalità di un burocrate, incapace di capire che certe professioni richiedono capacità di decisione pronta e immediata. Che ne sapevano le tre vittime se là dentro ci fosse ancora qualcuno, se non ci fosse rimasto bloccato l'esecutore stesso dell'incendio? Ma questo qui come fa a fare il giudice? Il turpiloquio mi assale, meglio che chiuda.

Giorgio Colomba

Ven, 13/11/2020 - 15:46

Metastasi giudiziarie in piena espansione. Per salvare questo defedato Paese non basterebbe una rivoluzione.

Giorgio5819

Ven, 13/11/2020 - 18:28

C'é della spocchia in questo sfregio a persone cadute nell'esercizio delle loro funzioni...

Ritratto di filospinato

filospinato

Ven, 13/11/2020 - 19:08

Nessun bambino crederebbe mai che un martellino di legno può fare molto più male di uno d'acciaio. Sospesi tra le Leggi della Fisica e la fisica delle leggi. Dopo il vuoto spinto il vuoto spento.

necken

Ven, 13/11/2020 - 19:40

sta a vedere che sono morti per colpa loro?! Filospianto19,08 ben detto!