La strana storia sul vaccino, il ddl Zan e il Papa: quindi, oggi...

Quindi, oggi...: la calma del pilota del Boeing, Francesco al Gemelli e la lite Conte-Grillo

La strana storia sul vaccino, il ddl Zan e il Papa: quindi, oggi...

- Maxi rave party a Pisa con migliaia di giovani da tutta Europa. Praticamente è come se il Covid facesse l'Erasmus

- Italia Viva propone modifiche al ddl Zan, che Pd e M5S non vorrebbero. Nel mezzo ci sono decine di parlamentari, pure di sinistra, che dopo l’uscita del Vaticano la legge così com’è non la voterebbero. Mi sbaglierò, ma pare che per ora il ddl sia su un binario morto

- pare ci sia stata una cena della distensione tra Conte e Grillo, con in mezzo Di Maio. No, ma voglio dire: davvero dopo che ci ha detto che Giuseppi è un “incapace” senza spirito manageriale e tutto il resto, adesso pensa di potercelo propinare ancora? Suvvia. Va bene che è Grillo, però c’è un limite a tutto… o no?

- il Papa al Gemelli per un intervento. Auguri di pronta guarigione

- la calma con cui il pilota del Boeing 737 comunica con la torre di controllo è disarmante. Questo non ha il sangue freddo. Ce l’ha gelido

- vi racconto una storiella. In un paesino lombardo, in un quartiere dove tutti conoscono tutti, circola questa strana storia sulla campagna vaccinale. Per ora non è verificabile, tuttavia il racconto corre di bocca in bocca. Ed è per questo che merita un po' di domenicale attenzione. I residenti narrano che un signore ultra ottantenne sia andato a farsi il vaccino e tra gli effetti (in)desiderati abbia avuto gli stessi prodotti di quella magica pillola blu, chiamata Viagra. “È tornato dalla moglie e le ha detto: se anche la seconda dose va così, tieniti pronta”.
Che meraviglia la vita in periferia: le storie che raccontano, anche se inventate, sono sempre più belle

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti