Svolta nazionale della Lega, Salvini: "Basta Nord, da ora prima gli italiani"

Con la rielezione di Matteo Salvini a segretario si è consumata la svolta nazionale della Lega: "D'ora in poi la parola d'ordine non è più prima il Nord ma prima gli italiani". Bossi contestato

Svolta nazionale della Lega, Salvini: "Basta Nord, da ora prima gli italiani"

Orizzonte nazionale, non solo "nordista", e cori "Fuori, fuori" contro Umberto Bossi: al congresso federale, la Lega Nord sancisce la svolta "sovranista" e contesta il suo fondatore.

Inimmaginabile solo fino a qualche anno fa, il senatur paga le critiche feroci contro Matteo Salvini, che l'assise riacclama segretario, ratificando il voto delle primarie di domenica scorsa che lo ha visto vittorioso con l'82,7 per cento contro il 17,3 per cento andato allo sfidante Gianni Fava.

L'anziano fondatore del Carroccio viene contestato mentre, dal palco, critica la bassa affluenza registrata alle primarie, 57 per cento, e sostiene che "l'80 per cento del 50 per cento" non è proprio un trionfo ma occorre indagare i motivi dell'assenteismo tra i militanti. In platea si leva il coro che ne chiede la "cacciata" dal partito, deve intervenire il presidente dell'assise, Giancarlo Giorgetti, a sedare gli animi.

Mentre l'ala a sinistra del palco leva le bandiere indipendentiste in difesa del senatur, la protesta contro di lui prosegue silenziosa con centinaia di cartelli blu con scritto "Salvini premier". Dopo, nel lungo intervento, in cui chiarisce che l'obiettivo della Lega è di "raddoppiare il 13 per cento" che i sondaggi gli assegnano e andare a Palazzo Chigi, è lo stesso Salvini a difendere Bossi: "Questa è la tua famiglia, questa è la tua casa", dice, rivolto all'anziano fondatore.

Salvini ricorda quando, da giovane segretario milanese di notte riceveva le telefonate di Bossi che lo rimproverava. "Diceva che non capivo nulla, lo dice ancora: prendo atto, metto in saccoccia e tiro dritto. Metabolizzo il vaffanculo di Umberto Bossi perché ha fatto quello che ha fatto ma per quelli che cercano di imitarlo la porta è aperta", mette in chiaro.

Bossi non si riconosce con la svolta nazionale impressa dal "capitano" che guiderà la "sua" Lega per altri tre anni. Lo critica da mesi, ha sostenuto Fava alle primarie, e il giorno della consultazione ha minacciato di lasciare il Movimento in caso di vittoria di Salvini. C'è da premettere che, arrivando al congresso, il senatur si era mostrato conciliante come mai, forse. E aveva assicurato che non lascerà il partito perché aveva ancora la "speranza" di poter cambiare qualcosa. Ma, salito sul palco, la doccia fredda: la contestazione di alcuni degli oltre 500 delegati del partito che lui stesso ha fondato 25 anni fa.

Per il resto al congresso tutto fila secondo le previsioni e la regia del leader. Nessun cambio allo statuto e in particolare all'articolo 1 che sancisce l'indipendenza della Padania come "finalità" del Movimento. Eletto il nuovo consiglio federale collegato alla candidatura di Salvini. Nel suo intervento, il "capitano" leghista ribadisce il cambio di linea: la parola d'ordine non è più prima il Nord ma "prima gli italiani", perché la battaglia politica è nazionale, anzi internazionale, contro i vincoli soffocanti dell'Unione europea.

"Sovranismo e federalismo", sostiene, "vanno di pari passo" perché "se non ci riprendiamo moneta e confini" è inutile qualsiasi battaglia per l'autonomia. Quest'ultima è al centro degli interventi dei due governatori leghisti, Roberto Maroni e Luca Zaia, entrambi concentrati sui referendum consultivi in calendario il 22 ottobre nelle due regioni. Salvini ribadisce poi che "chi vota la Lega" deve sapere che al Movimento "non interessa, a livello politico, ragionare col partito democratico né adesso né mai" e invita Silvio Berlusconi a chiarirsi le idee e scegliere.

Il leader leghista giura di "lavorare per la costruzione di una coalizione di centrodestra più ampia possibile" e questo lo dimostra la sua preferenza per un sistema elettorale maggioritario (mentre chi, come FI, sostiene il proporzionale è perché ha intenzione di fare 'grandi coalizioni" dopo il voto). La Lega è un partito che mette al centro la battaglia per il lavoro, in sostegno a tutti gli italiani, mentre, con le marce di ieri, a Milano e Assisi, il Pd "ha scelto di essere il partito degli immigrati", mentre "i 5 stelle strizzano l'occhio al Vaticano e scelgono immigrati e asssitenzialismo".

C'è tempo anche un video messaggio di auguri di Marine le Pen e per attaccare il decreto del governo sull'obbligatorietà dei vaccini. "Io i miei figli li ho vaccinati, ma in un Paese libero non puoi togliere la patria potestà a genitori che, per motivi medici e scientifici, pensano di fare scelte diverse. Andassero nei campi Rom a togliere la patria potestà a chi sfrutta i bambini, invece di entrare nelle case degli italiani - sostiene Salvini - Mi fa schifo un governo che discrimina tra ricchi e poveri neanche a Cuba e in Unione sovietica avevano un approccio statalista e classista così volgare".

Commenti