"Questo taglio non mi piace". Il marocchino torna e accoltella il barbiere

Dopo il taglio, lo straniero ventottenne è uscito a per acquistare una lama. Poi l'orrore

Una volante della polizia a Firenze
Una volante della polizia a Firenze

Ha litigato con il proprio barbiere, con tutta probabilità a causa del servizio offerto da lui non reputato all'altezza. E, dopo essere uscito per procurarsi una lama, è tornato da lui e lo ha accoltellato. È successo pochissimi giorni fa a Firenze e il protagonista del gesto è un ventottenne originario del Marocco, poi identificato dalla polizia del capoluogo toscano.

Gli inquirenti stanno ancora ricostruendo nei particolari l'accaduto, ma la dinamica sembra ormai chiara. In base alla ricostruzione, l'uomo si è recato in negozio nel pomeriggio, per un taglio. Una persona che il trentatreenne titolare dell'attività evidentemente conosceva da tempo. Tra i due sarebbe però sorta una discussione sempre più animata, nata probabilmente dall'operato del parrucchiere, che ha forse fatto riemergere anche vecchi screzi.

Ad un certo punto il cliente è uscito dal locale, apparentemente per porre fine al dialogo e metterci una pietra sopra. Invece si era semplicemente recato in un negozio di ferramenta che si trovava poco distante dal luogo dei fatti, per acquistare un taglierino. E dopo aver nascosto lo strumento nella tasca del giubbotto, una volta rientrato nell'edificio avrebbe continuato minacciato il barbiere, proseguendo la lite. E dalle parole, i due sono passati direttamente alle mani, sin quando il più giovane dei due avrebbe improvvisamente estratto il taglierino ed accoltellato l'altro, colpendolo ripetutamente alla gamba e al torace.

Ad allertare i poliziotti e successivamente i sanitari sarebbero stati alcuni residenti, allarmati dalla lotta e dalla vista del sangue sul marciapiede. Il ferito, immediatamente trasportato all'ospedale di Careggi, è stato ricoverato nel nosocomio fiorentino e ha riportato feribili guaribili in poco più di un mese. Il ventottenne straniero dovrà adesso rispondere adesso di lesioni aggravate.

Commenti