Tangenti, gli incontri per le raccomandazioni ​in un bar in provincia di Varese

Due i gruppi coinvolti nelle indagini, uno a Varese e uno a Milano. I membri si incontravano all'"ambulatorio" di Gallarate e alla "Mensa dei poveri" di Milano

Le indagini dell'inchiesta che ha portato, questa mattina, all'arresto di 43 persone, accusate di associazione mafiosa e corruzione, si è sviluppata in due filoni, riguardanti due gruppi di affari, uno operante in provincia di Varese e l'altro in provincia di Milano.

Secondo il procuratore, il gruppo di Varese si considerava come un "ambulatorio che riceveva i suoi assistiti. Aveva funzione di ricevere richieste e risolverle". L'abulatorio era in realtà un bar di Gallarate, in provincia di Varese, dove Caianello, ex coordinatore provinciale di Varese di Forza Italia, si incontrava con gli altri membri, per gestire i finanziamenti illeciti. A Milano, incontri simili si svolgevano in un ristorante del centro, denominato "Mensa dei poveri".

Il bar nel Varesotto era chiamato "ambulatorio", perché Caianello "dava una cura ai suoi pazienti, cioè a coloro che che si rivolgevano a lui per piccole raccomandazioni, ma anche per atti corruttivi più gravi", ha spiegato il pm. Così, Caianiello aveva messo in piedi un "sistema corruttivo feudale in relazione al quale i vassalli riconoscevano la decima al loro sovrano, in cambio di incarichi inventati a tavolino solo per creare un capitolo di spesa pubblica apposita, quota parte del quale diventava tangente per i pubblici amministratori". A lui facevano capo tutte "le nomine nelle principali società pubbliche di Varese, dalla raccolta rifiuti al sistema idrico integrato".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mar, 07/05/2019 - 16:57

Che schifo...