Tangenti sanità: arrestata direttore del Cto-Pini. Aveva firmato piano-anticorruzione

Tra gli arresti nell'ambito dell'indagine sulla sanità in Lombardia, spunta il nome di Paola Pavone, direttore sanitario dell'istituto Ortopedico Cto-Pini

Tra gli arresti nell'ambito dell'indagine sulla sanità in Lombardia, spunta il nome di Paola Navone, direttore sanitario dell'istituto Ortopedico Cto-Pini. Il dirigente è finito agli arresti domicialiari insieme a ad altre cinque persone: quattro medici e un imprenditore.

La Pavone è tra i frimatari del Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione e dell'Illegalità 2016-2018. Subito dopo l'arresto del primario Norberto Confalonieri, la stessa Pavone ai microfoni di Porta a Porta aveva detto: "Il Piano Anticorruzione verrà attuato al Pini al più presto. Abbiamo fornito alle autorità che ce l’hanno chiesta - aveva aggiunto l’ex responsabile del Noc (Nucleo operativo di controllo della Asl di Milano) - la lista di tutte le attività sugli impianti protesici, che fanno parte di un flusso di dati che è controllato". Adesso, sempre ai domiciliari, è finito Giorgio Maria Calori, primario di ortopedia del Pini-Cto dell’Unità chirurgia ricostruttiva - revisione protesica. Agli arresti sono finiti anche Carmine Cucciniello, direttore dell’Unità di ortopedia correttiva del Pini-Cto, Lorenzo Drago, direttore laboratorio analisi, e Carlo Luca Romanò responsabile di chirurgia ricostruttiva, questi ultimi due dell’Istituto Ortopedico Galeazzi. Tommaso Brenicci, titolare di una società di Monza specializzate nel settore sanitario è invece finito in carcere.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

osco-

Mar, 10/04/2018 - 14:53

polentoni ladri.