La telefonata diventa una truffa: così rubano fino a 30 mila euro

Trentamila euro scomparse con una telefonata-truffa da un numero sconociuto. La strana storia arriva da Trento

Trentamila euro scomparse con una telefonata-truffa da un numero sconociuto. La strana storia arriva da Trento. Un uomo, un toscano, ha ricevuto una telefonata, come racconta il quotidiano Il Trentino, da un numero sconosciuto per sbloccare una fantomatica tessera del cellulare che neppure si sapeva di avere. Da qui comincia la truffa. Bastavano un paio di minuti per far sparire 30mila euro dal loro legittimo proprietario ingannato, che abita a Prato, all’ingannatore, che chaimava da Trento. Per sbloccare il denaro serviva il pin che autorizzasse un pagamento.

E così il truffatore, fingendosi un operatore Telecom ha alzato la cornetta e ha chiamato la povera vittima chiedendo i dati del figlio per avere il codice fiscale e sbloccare la sua scheda telefonica che per errore era stata bloccata. La vittima ha fornito così le generalità del figlio al truffatore che così, risalendo al codice fiscale ha attivato una nuova sim con cui ha poi potuto chiedere pin per il conto. Gli ordini di bonifico sono stati due: il primo da 18 mila euro e il secondo da ben 12 mila euro. Bastava un ultimo passaggio per ottenere il denaro. Ma di fatto l'operatore bancario si è insospettito e ha avvertito i clienti che di fatto hanno immediatamente bloccato l'operazione. Bastavano pochi istanti per far sparire30mila euro dal conto. Il truffatore è stato denunciato ed è indagato per frode informatica.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

maurizio50

Mar, 05/07/2016 - 17:38

Dietro ci sono le risorse (Est Europa) di cui secondo i Preti gli Italiani hanno bisogno!!!!!