Torino, 3 fratelli magrebini senza biglietto aggrediscono controllori

Insulti, minacce e aggressione ai danni di due controllori che, saliti a bordo del tram, controllavano i biglietti dei passeggeri, svolgendo in modo diligente il loro lavoro

Torino, 3 fratelli magrebini senza biglietto aggrediscono controllori

Ennesimo episodio di aggressione all’interno di un mezzo di trasporto pubblico ad opera di extracomunitari, fatto che è accaduto lo scorso martedì a Torino.

Erano all’incirca le 11 del mattino, quando a bordo del tram Gtt "16", giunto all’altezza di corso Regina Margherita, sono saliti due controllori. Gli addetti hanno iniziato ad esaminare i titoli di viaggio dei passeggeri presenti in quel momento, ma già 3 di loro avevano preso ad innervosirsi, presagendo ciò che sarebbe accaduto di lì a breve.

Si tratta di tre fratelli di nazionalità marocchina, rispettivamente di 46, 44 e 41 anni, tutti regolari sul territorio nazionale e residenti a Giaveno (Torino). L’unica cosa a non essere in regola in quel momento, tuttavia, era il fatto che nessuno dei magrebini si trovasse in possesso del biglietto. Ecco perché, invece di attendere il loro turno nei controlli, pagare la multa e scendere dal mezzo pubblico, come ogni cittadino in regola dovrebbe fare, gli africani hanno deciso di percorrere altre vie. Minacce, insulti ed infine l’aggressione ai danni dei due addetti, colpevoli unicamente di svolgere in modo diligente il loro lavoro. Qualcuno a bordo del tram chiama i soccorsi, ed in breve giungono i carabinieri, anch’essi accolti da improperi e minacce da parte dei marocchini, ridotti infine in manette. Per loro una denuncia per interruzione di pubblico servizio, oltre che per minacce e violenza a incaricato di pubblico servizio.

Solo tanta paura e qualche lieve ferita per i controllori, curati sul posto dai sanitari del 118 ma senza la necessità di raggiungere un pronto soccorso.

Commenti