Tredicenne corregge Bruno Vespa: "I pipistrelli sono mammiferi, non uccelli"

Il giovane ornitologo Francesco Barberini ha "ripreso" il conduttore durante la diretta di Da noi a ruota libera

Tredicenne corregge Bruno Vespa: "I pipistrelli sono mammiferi, non uccelli"

Inatteso fuori programma nel corso dell'ultima puntata di Da noi a ruota libera, il programma condotto da Francesca Fialdini in onda su Rai Due. Attimi di imbarazzo quando il giovane ornitologo 13enne ha corretto un errore commesso dall'ospite Bruno Vespa, intervenuto in puntata per intervistarlo.

Francesca Fialdini ha invitato in studio il conduttore di Porta a porta e un 13enne appassionato di ornitologica, che ha trasformato il suo hobby in qualcosa di più. Francesco Barberini, infatti, nonostante la giovane età ha già scritto cinque libri sull’ornitologia e nel 2018 è stato nominato Alfiere della Repubblica Italiana per meriti scientifici e divulgativi dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Messi l'uno di fronte all'altro Bruno Vespa e Francesco si sono intervistarti a vicenda con domande sui rispettivi lavori e impegni. Ma nel momento in cui Vespa ha fatto la sua domanda al ragazzo, il giornalista è caduto in errore. "Cinque libri sugli uccelli, ma quali ti piacciono di più? Canarini, rondini o quelli più misteriosi tipo i pipistrelli che sono diventati famosi in questi periodo?".

Nel formulare il suo quesito Bruno Vespa ha commesso un'imprecisione, legata alla definizio di uccelli, che non è sfuggita al giovane ornitologo che, senza imbarazzo, in apertura di risposta ha subito precisato: "Innanzitutto i pipistrelli non sono uccelli ma mammiferi". Una risposta decisa che ha messo in difficoltà l'esperto Vespa che ha provato a spiegare "sì, però...". Salvo poi lasciare il giovane parlare della sua passione e invitare tutti, lui compreso, a comprare il libro del 13enne.

L'episodio non è sfuggito al giovanissimo esperto, ma neppure al popolo social e in poco tempo il video dell'errore di Vespa su RaiDue è diventato virale sui social network.

Commenti