Trovata droga nel centro d'accoglienza: denunciato un liberiano

Ancora droga rinvenuta all'interno dei centri d'accoglienza: questa volta è successo in provincia di Frosinone. Un migrante liberiano è stato denunciato

Le forze dell'ordine hanno rivenuto della droga all'interno di un centro d'accoglienza situato in provincia di Frosinone. Nello specifico, quantitativi di sostanze stupefacenti sono stati intercettati nel comune di Veroli, a pochi km di distanza dal capoluogo di provincia, dentro al "Don Andrea Coccia". Un cittadino liberiano, che dovrebbe possedere lo status di richiedente asilo, è stato denunciato in seguito a un blitz effettuato dal comando locale.

Sarebbero stati gli stessi responsabili del centro ad avvertire i carabinieri della cittadina ciociara.

Stando a quanto riportato sul quotidiano Ciociaria Oggi, nel piccolo zaino del giovane sono stati individuati 17,90 grammi di marijuana e 105 bustine di cellophan. L'ipotesi che il tutto fosse destinato a una vera e propria finalità di spaccio non pare campata in aria, ma, almeno per ora, il migrante in questione è stato denunciato solo per la detenzione. Il "Don Andrea Coccia" ha voluto commentare così l'accaduto: "Un ragazzo che non aveva mai dato problemi, non avendo mai violato il regolamento interno. Speriamo solo - hanno continuato dal centro di accoglienza - che sia d'esempio per gli altri quanto accaduto. Abbiamo già notificato l'accaduto alla Prefettura che deciderà cosa fare. Di fatto, non è venuto meno il patto di accoglienza al di là che possa trattarsi di un episodio socialmente inaccettabile". Questo, insomma, sarebbe solo un episodio.

La quantità di droga rivenuta non corriponde a quella "modica", la stessa prevista dalla legge per il consumo personale. Il materiale in possesso del migrante liberiano è stato posto sotto sequestro. L'attività di controllo capillare svolta dalle forze dell'ordine presenti nel territorio frusinate prosegue.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.