"C'è una variante a Milano Perché è diversa dalle altre..."

A Milano è stata sequenziata una nuova variante del virus: la buona notizia è che non rende più pericoloso il Covid. "Non incide sulla proteina Spike e non ha nessuna influenza sui vaccini"

Una nuova variante del Coronavirus è stata scoperta da ricercatori italiani dell'Università Statale di Milano diretti e coordinati dal Prof. Pasquale Ferrante, virologo e Direttore sanitario della struttura Istituto Clinico Città Studi, su due medici ammalatisi con il Covid. Stavolta, però, c'è una notizia positiva perché si tratta di una variante "buona", ben diversa da quelle più contagiose e che stanno mettendo a dura prova anche la campagna vaccinale.

Lo studio è appena stato pubblicato su una rivista specializzata per essere sottoposto a revisione paritaria. La scoperta è di grande interesse perché, questa mutazione, potrebbe influire sulla risposta immunitaria da parte dell’organismo umano nei confronti del virus. In esclusiva per ilgiornale.it abbiamo intervistato il Prof. Ferrante, che ci ha spiegato nel dettaglio di cosa si tratta e quali sono i nuovi scenari che si aprono.

Prof. Ferrante, lei ed il suo staff avete scoperto una nuova variante del virus

"Abbiamo provveduto ad isolare diversi virus da pazienti e dal personale sanitario dell'Istituto Clinico Città Studi di Milano, sede universitaria dove io lavoro. Una volta isolati, abbiamo fatto l'analisi di sequenza e, proprio su due medici dell'ospedale, abbiamo trovato due virus diversi dagli altri in modo molto sostanziale perché hanno la mutazione in una proteina che si chiama Orf-6".

Di cosa si tratta?

"In entrambi i virus isolati abbiamo scoperto una cosa interessante: c'è la modifica di una sola base nucleotidica, i nucleotidi sono le basi che costituiscono l'Rna del virus. Questa mutazione altera la sequenza nucleotidica in modo molto importante perché determina quello che chiamiamo scientificamente 'stop codon', dopo la mutazione la proteina non è più sintetizzata. In altre parole, la proteina Orf-6 che in tutti gli altri virus è composta da 61 aminoacidi, nel nostro caso ne ha 56. Sembra una cosa piccolissima ma è molto interessante".

Cos'è la proteina Orf-6?

"Orf-6 è una proteina accessoria o regolatoria: è accessoria perché non compone il virus. Ciò significa che in questo virus non c'è perché non ha una funzione strutturale. Viene prodotta quando il virus entra nelle cellule ed interagisce con il sistema immunitario dell'ospite, regolandolo in modo positivo o negativo. Ce l'hanno anche tanti altri virus: l'Hiv è piena di proteine regolatorie perché deve cercare di combinare la propria voglia di moltiplicarsi con la situazione della cellula, interagiscono con dei messaggi molecolari. In questo caso, Orf-6 è in grado di interagire con l'interferone, specialmente quello di tipo 1 che governa la prima risposta immunitaria alle infezioni".

Piccola parentesi: è proprio l'interferone, come abbiamo recentemente documentato sul nostro giornale (clicca qui per il Focus) che regola la maggiore o minore intensità della malattia: ci sono quelli che si ammalano gravemente perché ne producono poco o non ne producono per nulla; viceversa, i "resistenti" al virus potrebbero essere quelli che hanno questo "scudo" molto attivo che funge da barriera. In ogni caso, è la genetica di ognuno di noi che fa la differenza rispetto a questa e tante altre malattie.

Alla luce di questo, che idea vi siete fatti?

"La nostra idea è che questa proteina mutata possa alterare le abituali capacità di Orf-6 quando non è mutata. Adesso ci troviamo davanti alla possibilità di studiare se questa proteina regola in eccesso o riduce la produzione dell'interferone. Sars-Cov-2 è presente in una forma molto simile nei pipistrelli: come fanno ad avere questo virus senza mai ammalarsi? Perché hanno una franca riduzione dell'interferone. La riduzione della risposta immunitaria li rende, in qualche modo, indenni alla malattia".

Come siete riusciti a fare questo tipo di lavoro di sequenziamento del Covid-19?

"Come tanti altri gruppi, durante la prima ondata della pandemia abbiamo iniziato a studiare il virus mettendo a punto dei sistemi per "coltivarlo", averlo cioè vivente nella sua originalità che permette di fare esperimenti di quasi ogni tipo come quelli in vitro e sulle cellule. Abbiamo un laboratorio di massima sicurezza e quando, con il mio staff, lavoriamo con questo virus vivo e pericolosissimo, siamo protetti e possiamo lavorare liberamente".

Che scenari apre questa scoperta?

"Pensiamo che la nostra scoperta ci potrà aiutare a capire se questo accade anche negli esseri umani. Dobbiamo lavorare in vitro mettendo a confronto il virus con e senza la mutazione di Orf-6 mettendoli in coltura su cellule di una certa importanza come i macrofagi, cellule che entrano in gioco nel danno che fa il virus. Il nostro obiettivo è di riuscire a dimostrare che questa variante non fa niente oppure se aiuta le cellule a sopravvivere riducendo il numero di citochine evitando la famosa 'tempesta di citochine'. Insomma, gli scenari sono tantissimi ma dipenderà dalla capacità di portare avanti le nostre idee ed il founding (finanziamento, nrd) della ricerca: i governanti dovrebbero fare un piano sulla ricerca".

Cosa propone per la ricerca?

"Mettere a disposizione, ad esempio, 50 milioni l'anno per permettere a tutti i ricercatori di operare su tutti gli aspetti del virus: quelli che lavorano sulla spike, sulla proteina Orf-6 piuttosto che Orf-8, sugli enzimi virali che saranno fondamentali per sconfiggere il virus nei prossimi mesi. È questo il messaggio, è fondamentale finanziare una ricerca aperta, non si possono finanziare soltanto i vaccini o gli anticorpi monoclonali. L'emergenza si combatte nell'immediato ma pensando anche al futuro".

Quali sono le principali differenze con le varianti in circolazione, ovvero l'inglese, la sudafricana e la brasiliana?

"Volendo essere cautelativi, stiamo parlando di una proteina che si trova in una zona del genoma vicino alla spike ma, allo stesso tempo, abbastanza lontana. Ciò che sappiamo oggi ci porta a dire che questa variante non incide sull'organizzazione della proteina di Spike. Non incidendo su questa, non ha nessuna influenza sull'eventuale resistenza ai vaccini, non è un fattore di preoccupazione. È una variante che ci permette di studiare la patogenesi ma ha poco a che vedere con la maggiore diffusione del virus".

Questa variante potrebbe mettere a rischio l'efficacia dei vaccini?

"No, al momento non mette al rischio l'efficacia dei vaccini. Esula dalle preoccupazioni che tutti abbiamo sulla possibilità che le tre varianti citate prima, cioè l'inglese, la brasiliana e la sudafricana, possano essere una sfida per i vaccini. È fuori da questo contesto".

Come accennava prima, perché è importante studiare la patogenesi di questo virus

"Una cosa che mi intrisce e mi fa stare male è che ancora oggi, dopo un anno dall'inizio della pandemia, continuiamo ad avere un numero altissimo di morti e non sappiamo perché muoiono: è importante studiare gli aspetti patogenetici per capire cosa succede nel corpo di questi soggetti oltre al virus".

È l'ennesima prova che è importantissimo sequenziare il virus nel nostro Paese come accade già in Inghilterra. A che punto siamo?

"In Italia abbiamo accelerato, d'ora in avanti tutto ciò che è necessario sequenziare verrà sequenziato: sono state emanate delle regole per cui tutti i pazienti con un tampone positivo che arrivano al pronto soccorso e sono stati in Brasile, Inghilterra, Sudafrica oppure a contatto con persone che sono state in quei Paesi, verrà mandato ai centri di riferimento nei quali si provvederà a sequenziarli per mettere in evidenza le varianti e fare una mappatura per vedere quanto sono diffusi. Inoltre, se una persona vaccinata con le due dosi dovesse sviluppare un'infezione da Covid, è un altro di quei casi in cui bisognerà cercare le varianti: se il vaccino non mi ha protetto, una delle possibili spiegazioni è che si tratti di una variante".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di giovinap

giovinap

Ven, 12/02/2021 - 10:18

... c'è anche "il covid alla milanese", lo combatterete con "la cotoletta alla milanese"!

ruggerobarretti

Ven, 12/02/2021 - 10:19

Quindi ormai il traguardo delle 500.000 modifiche dovrebbe essere stato raggiunto. Leggevo giusto stamane il racconto di una demente, perche' non trovo altro modo per definirla, che pur avendo avuto paresi facciale dopo l'inoculazione del liquido sperimentale, si beve l'arrampicata sugli specchi di chi glielo ha somministrato: potrebbe essere conseguenza del virus magari latente nel suo corpo.

GioZ

Ven, 12/02/2021 - 10:27

Ci sarà sempre una nuova variante. Questo vale per tutti i virus, le sindromi e le malattie in genere. La differenza è tra galline con le uova d'oro(tumori, AIDS, influenze, Covid) e virus che non gliene frega niente a nessuno di dare soldi per la ricerca perchè basta un'aspirina per calmare i sintomi. C'è un'altra differenza: grazie al Covid il mondo è cambiato, come dopo l'attentato alle Twin Towers, solo che ora è anche peggio perchè il vero nemico è invisibile (e non mi riferisco al virus, che si potrebbe anche sconfiggere).

amicomuffo

Ven, 12/02/2021 - 10:29

le notizie sulle varianti ormai hanno prodotto sulle persone l'effetto del pugile suonato...che pur prendendoli i colpi non li sente più.

Ritratto di pierSiIvio46

pierSiIvio46

Ven, 12/02/2021 - 10:33

Ecco! ce l'aspettavamo. Appena il grande esperto Bertolaso ha iniziato a somministrare il Vaccino Lombardo, l'unico che funziona al 99,99% (scientificamente testato!) senza effetti collaterali, ecco che ci boicottano subito. I Poteri Forti di BigPharma hanno immediatamente diffuso la variante di virus che tenevano in serbo. Ma noi li battiamo!! Perchè Bertolaso ha già pronto il vaccino per la variante. MOSSA E CONTROMOSSA!

Ritratto di Contenextus

Contenextus

Ven, 12/02/2021 - 10:40

Una variante ciascuno, non fa male a nessuno.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Ven, 12/02/2021 - 10:45

@amicomuffo - tra tante mediocrità, il tuo è il ocmmento più intelligente. Bravo.

baio57

Ven, 12/02/2021 - 10:49

@ pierSilvio46 Tra i troll sinistrati sei il number one . Hai la provvigione un tanto allo sketch ?

Ritratto di Carlo_Rovelli

Carlo_Rovelli

Ven, 12/02/2021 - 10:51

Ci saranno decine, centinaia di varianti. Un virus RNA muta tutto il tempo e i vaccini saranno inutili

xgerico

Ven, 12/02/2021 - 10:52

Il Virus COVID19 non esiste più sono diventate tutte varianti pertanto ognuno si dovrà far fare il vaccino personalizzato!

xgerico

Ven, 12/02/2021 - 10:55

Questi vogliono solo i 50 milioni per fare i loro "esperimenti" per giustificare il loro passatempo!?

Jon

Ven, 12/02/2021 - 10:56

Al Prof. Ferrante, addestrato nella Drexel University di Philadelphia, non par vero di poter confermare le capacita' mirabolanti del Vaccino mille usi, per ogni tempo e versione..Un Vaccinologo sfegatato che trascura un piccolo dettaglio: Dei Vaccini non si sa ANCORA NULLA, e per il Pfitzer si ha solo il permesso TEMPORANEO di vendita, SENZA LA PIU' PALLIDA CERTIFICAZIONE, ATTESTAZIONE O GARANZIA...Una intervistina a Montanari e sua Moglie, la leggerei MOLTO VOLENTIERI..

edode

Ven, 12/02/2021 - 11:12

@JON, montanari e moglie raccontano panzane colossali, prova a rivederti i video che postava a febbraio e marzo dell'anno scorso sul covid su quell'altra pagina fuffa di byomarrone. fra il virus che sparisce da solo, che lo prendiamo perche' ci laviamo le mani, che lo avevano preso 30milioni in italia, quindi ormai smettera' di circolare... gli credi ancora?! sono dei furbacchioni che raccolgono soldi con iscrizioni al loro sito, vendendo libri e rilasciando interviste piene di scempiaggini.

baio57

Ven, 12/02/2021 - 11:31

@ edode Giusto ,bisogna fidarsi solo di ciò che viene emanato dal Ministero della Verità .Se poi qualche adepto promosso pure nella Fake Force a febbraio 2020 diceva "..pericolo pressochè ZERO...",poco importa.

xgerico

Ven, 12/02/2021 - 11:44

Ho saputo che a Napoli dopo vaccinati al posto delle varianti ti regalano un corno!

Jon

Ven, 12/02/2021 - 11:46

@erode..Lei fa solo ridere..!! Montanari fa soldi sui Social?? MA se e' bannato sempre..!! Se non capisce chi fa i soldi, le mando l'elenco del CTS completo, con a capo BillPharma, che ha convinto i pollastri come Lei che occorre vaccinarsi 4 volte all'anno!!!! E chi ha mai intervistato Montanari?? NESSUNO lo fa, non si ascolta chi non sta con l'Impero Sanitario..!!

edode

Ven, 12/02/2021 - 12:18

@JON, guardi la pagina stefanomontanari net, vedra' che si fa ben pagare ad ogni intervento. e se partecipa qualcun altro, pretende 500eur per ogni altro ospite. montanari poi compare su byomarrone e su altre pagine di wannabescienza, che il tempo bollera' come newage. quanto alle vaccinazioni, beh, alle case farmaceutiche non serve piu' di tanto il virus per fare soldi. basterebbe che ragionasse. piu' le persone invecchiano, piu' il corpo si logora ed hanno bisogno di qualcosa per cuore, od ossa o fegato... basta il normale logorio per avere dei clienti. non serve inventare dei virus, questo e' solo cibo per complottisti.

edode

Ven, 12/02/2021 - 12:25

@JON, montanari ha aperto anche la pagina "accademia della salute libera" (lo cerchi in inglese). 159 eur di iscrizione per leggere le fantasie di montanari e moglie.

edode

Ven, 12/02/2021 - 12:31

@JON, freehealthacademy costa 159 allanno e contiene tutte le fantasticherie dei gatti montanari

ruggerobarretti

Ven, 12/02/2021 - 12:38

edode: e complottismo sia, se serve per prendere le distanze dalla desertificazione cerebrale che ormai attanaglia la stragrande maggioranza di nostri compatrioti. Compatrioti????

edode

Ven, 12/02/2021 - 14:45

cosa vuol dire complottismo, per prendere le distanze dalla desertificazione cerebrale?! per combattere la desertificazione cerebrale lo studio di materie scientifiche e' una via. il resto lo lasciamo ai ciarlatani e a chi non e' capace di capire ed applicare il metodo scientifico.

Ritratto di pierSiIvio46

pierSiIvio46

Ven, 12/02/2021 - 15:31

'@baio57 Ven, 12/02/2021 - 10:49. La vostra campagna di demonizzazione dell'avversario non vincerà! Non riuscirete a zittire le uniche voci libere e FUORI DAL CORO di questo sito: mortimermuose, Leonida55 e me personalmente. Sappiamo che ci sono tanti sinistri infiltrati come lei, Sig.BAIO57 pagati per screditarci e dividere il CDX unito. MA NON PASSERETE!!!!

baio57

Ven, 12/02/2021 - 15:43

@ pierSilvio46 Sei veramente unico .

Jon

Ven, 12/02/2021 - 15:54

@edode..Ben 159 € all'anno!!?? Sorbole, sara' ricco!! MA mica obbliga qualcuno a prendere un prodotto !? BigPharma maneggia ceninaia di miliardi e si compra i Governi interi per usare il virus come arma! Capira' quanto prima il Reset..Draghi ce lo imporra' poiche' siamo un popolo di imbecilli ignoranti, e ce lo meritiamo. Lei ascolti pure Crisanti e Speranza..ed Auguri..!!

Ritratto di pierSiIvio46

pierSiIvio46

Ven, 12/02/2021 - 16:42

@baio57 - 15:43. La ringrazio Sig.Baio. E' vero. Lei invece non è l'unico, se lo lasci dire senza livore. Lei è soltanto uno dei tanti fake troll che remano contro il bene dell'Italia. ITALEXIT!!!

agosvac

Ven, 12/02/2021 - 16:44

Una piccola domanda: ma davvero considera "numero altissimo" di morti 2,357,000 morti a livello mondiale su 7 miliardi e mezzo di popolazione totale? Si tratta di una percentuale di mortalità dello 0,03%.

xgerico

Ven, 12/02/2021 - 17:30

@agosvac-Ven, 12/02/2021 - 16:44- Se non ci fossero stati quei oltre 2 milioni di morti non sarebbe stato meglio? Magari qui cè qualcuno che stà piangendo un parente per colpa del virus e a te non te ne fotte!

baio57

Ven, 12/02/2021 - 18:32

@ xgerico Scusa ,ma non è mica arrivato l'elisir dell'immortalità ?

baio57

Ven, 12/02/2021 - 18:54

@ troll46 Con me non attacca .

edode

Sab, 13/02/2021 - 12:54

@AGOSVAC, 2.357.000 milioni di morti quando la diffusione del virus non e' cosi' elevata un po' preoccupa. preoccupa perche' fa male dove la popolazione e' abbastanza anziana, in africa, india, bangladesh la popolazione e' piu' giovane e non siamo sicuri di quanti li' siano morti col covid. gia' solo in brasile tanti cadaveri non sono stati nemmeno testati. io ho 44 anni, non mi considero fascia a rischio, ma di passare 6 mesi con stanchezza continua come e' capitato a colleghi proprio non mi va.

ruggerobarretti

Sab, 13/02/2021 - 15:24

ogni tanto si appalesa un nuovo genio. A quel genio dico semplicemente e chiudo perche' non mi interessa affatto: negazionista a casa mia e' anche e soprattutto chi, senza alcun titolo, prova a deligittimare professionisti come il Montanari e la Gatti, tanto per citarne due.

edode

Dom, 14/02/2021 - 17:17

non e' che delegittimo i professionisti. analizzo semplicemente il mucchio di fesserie che dicono montanari e gatti. scelga l'intervista o dichiarazione che vuole di montanari e vediamo di analizzarla. soprattutto se di un 10-14 mesi fa, il tempo galantuomo mostra la serie di sciocchezze che dicono. dare del professionista a montanari vuol dire insultare i veri ricercatori.

Ritratto di pierSiIvio46

pierSiIvio46

Lun, 15/02/2021 - 12:10

@ troll57. Vecchia tattica la sua. Ma non riuscirà a scalfire il cdx unito.