Vittorio Feltri: "Hitler come capo del governo? Se avessi detto Stalin nessuno avrebbe obiettato”

Vittorio Feltri è tornato sulla boutade a Stasera Italia che negli ultimi giorni gli ha attirato addosso tantissime critiche e ha replicato a modo suo, ribaltando il punto di osservazione

Vittorio Feltri: "Hitler come capo del governo? Se avessi detto Stalin nessuno avrebbe obiettato”

Vittorio Feltri è provocatorio e irriverente, spesso fuori dalle righe e dagli schemi e probabilmente viene invitato nei programmi televisivi proprio per la sua capacità di analisi sempre lucida ma tendenzialmente controcorrente. Una delle sue ultime ospitate televisive è stata a Stasera Italia, il programma di Rete4 condotto da Barbara Palombelli. Il tema del discorso era la formazione del nuovo governo, un argomento che ormai imperversa in quasi tutti i programmi di informazione dalla mattina alla sera. Si è detto tanto, forse si è detto tutto, e probabilmente per ravvivare la discussione, Vittorio Feltri si è lasciato andare a una boutade estrema. "Mi faccia dei nomi di chi vorrebbe al governo", ha detto la conduttrice al fondatore del quotidiano Libero, raccomandandosi di proporre personalità di rango. Il giornalista non ci ha pensato due volte: "Hitler".

Comprensibile il momento di imbarazzo nello studio romano di Stasera Italia, dove ospiti e conduttrice sono stati spiazzati da Vittorio Feltri. "Se è una battuta non mi piace per niente", lo ha rimbrottato Barbara Palombelli in evidente difficoltà. Sono passati alcuni giorni da quel momento e solo oggi Vittorio Feltri ha deciso di rompere il silenzio sulla vicenda, che ha scatenato polemiche e sterili discussioni attorno al suo personaggio. Il fondatore del quotidiano Libero ha scelto di parlare su Twitter, social network in cui ha un'ampio bacino di utenza che lo segue. Feltri non si è scusato ma, anzi, ha sottolineato le ragioni di quella risposta, avanzando anche un sospetto, legittimo, destinato a rimanere sospeso: "Alcune sere fa ero ospite del programma di Palombelli, la quale ha chiesto agli ospiti chi avrebbero desiderato a capo del governo. A questa domanda cretina, visto che Draghi è all’opera, ho risposto per scherzo: Hitler. Se avessi detto Stalin nessuno avrebbe obiettato".

Impossibile non cogliere la vena polemica di Vittorio Feltri, da sempre abituato a esprimersi senza troppi filtri e giri di parole. Il suo politicamente scorretto, anzi, scorrettissimo, non sempre è gradito nei salotti televisivi, tanto meno in quelli di una certa struttura. Eppure, su Twitter Vittorio Feltri raccoglie larghi consensi e i suoi cinguettii diventano spesso virali. Anche quest'ultimo tweet è stato accolto con ironia dalla rete e al netto di qualche insulto e commento piccato, che non manca mai, la maggior parte dei commenti lasciati dagli utenti dimostrano che sono tanti quelli che hanno colto il fondo ironico.

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento