Il volantino choc a Cremona: "Saccheggiate i supermercati e colpite gli sbirri"

In un volantino distribuito a Cremona l'invito a "bruciare scuole, banche e commissariati" mentre nel Sud crescono tensioni e disagio sociale. Il Coisp: "È un fatto gravissimo sul quale è indispensabile andare fino in fondo"

"Il fuoco favorisce l’eradicazione del virus. Potete dare una mano incendiando scuole, banche e commissariati di polizia". È questo uno dei folli "consigli" contenuti in un volantino rinvenuto in via Buoso da Dovara, a Cremona. Un foglio stampato in bianco e nero, con tanto di falsi loghi della Repubblica e del ministero della Salute, in cui si incita a colpire i poliziotti e a saccheggiare i supermercati per "affrontare l’emergenza sanitaria".

Le indicazioni per "proteggersi e proteggere gli altri" sono quattro. Tra queste c’è quella di colpire gli agenti di polizia. Uno di loro è raffigurato al centro di un mirino: "Sbirri e controllori sono più suscettibili d’essere portatori del virus, potete aiutare costringendoli a restare in casa, per esempio facendoli inciampare". Poi c'è l’invito a "saccheggiare i supermercati e distribuire il cibo gratuitamente ai bisognosi" per "evitare fame e peggioramento dell’avanzata della malattia".

E infine l’appello: "Portate sempre guanti e mascherine, questo impedirà alla polizia di identificarvi in questa guerra contro il virus-società". L’iniziativa di cattivo gusto è stata stigmatizzata dal segretario generale del sindacato di Polizia Coisp, Domenico Pianese, che ha definito "indegni e vergognosi" i volantini distribuiti a Cremona. "È un fatto gravissimo sul quale è indispensabile andare fino in fondo", ha detto il sindacalista.

"Il foglio che sta circolando – prosegue - indica una serie di azioni da compiere per ‘proteggersi dal Coronavirus’. Tra queste: esortazioni ad atti incendiari, istigazioni contro gli ‘sbirri’ che vengono definiti come ‘più suscettibili di essere portatori del virus’, inviti a saccheggiare i supermercati e a rendere più difficile la propria identificazione da parte delle forze dell’ordine. A maggior ragione di fronte al rischio di tensioni sociali fornite dai servizi di sicurezza, iniziative come queste vanno stroncate sul nascere per evitare che le donne e gli uomini in divisa diventino bersaglio di rabbia e malessere".

Il volantino che incita alla violenza contro gli agenti di polizia è stato diffuso nei giorni in cui il Viminale ha lanciato l’allarme sul rischio di disordini in alcune zone del Paese. Tensioni si sono già verificate a Palermo, dove la scorsa settimana un gruppo di persone ha tentato di saccheggiare un noto supermercato. Per questo nel capoluogo siciliano e in altre città, come Volla, in provincia di Napoli, i blindati delle forze dell’ordine sono stati schierati fuori dai centri commerciali. Tentati furti ai danni di attività che vendono beni di prima necessità sono stati registrati anche in Puglia e nella Capitale.

Il rischio, sottolinea l’intelligence interna in un report, è che antagonisti e criminalità organizzata approfittino del disagio delle fasce più fragili della società per alimentare vere e proprie rivolte.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Giorgio5819

Lun, 30/03/2020 - 10:16

Non sarebbe male se il viminale colpisse duramente queste realtà...