Zangrillo ora non ha più dubbi "Il virus si può fermare qua..."

In un'intervista al "Corriere", il primario di anestesia e terapia intensiva dell'ospedale Vita-Salute San Raffaele di Milano cerca di chiarire la situazione italiana: "Non ho mai negato che il virus circoli ancora, ma qui circola in modo 'benigno'"

Il Coronavirus riacquisterà nuovamente forza con l'arrivo dell'autunno o possiamo dire di essercelo finalmente lasciato alle spalle? Ci sono diverse opinioni a riguardo, gli esperti sono infatti divisi sul tema. Secondo il professor Alberto Zangrillo, primario di anestesia e terapia intensiva dell'ospedale Vita-Salute San Raffaele di Milano, la malattia "è uniformemente scomparsa nel contesto nazionale" e gli indicatori fanno ben sperare.

Dopo aver precisato nei giorni scorsi che le 21 morti registrate in Lombardia non sono state causate dal Covid-19 ma da patologie pregresse, il medico cerca ancora una volta di riportare la calma, approfittando di un'intervista rilasciata al "Corriere" per spiegare che le misure di isolamento e distanziamento sociale sono effettivamente servite ad abbassare la carica virale. Non solo. Oltre a ciò, infatti, anche la cosiddetta "forza letale" del virus si è notevolmente ridotta.

"L'interazione tra Sars-CoV-2 e l'ospite ha prodotto un cambiamento che ci ha favorito", dichiara il dottor Zangrillo. "Tutti attendono l'arrivo della seconda ondata, io credo invece che il virus si possa fermare qua".

Il primario del San Raffaele passa poi a commentare la situazione del Veneto, dove l'indice di contagio è purtroppo tornato a salire, arrivando ad un "Rt" pari a 1,63 (guarda il video). "Credo che abbia ragione il presidente Zaia a voler esercitare il controllo sui cluster e impedire che chi è oggetto di sorveglianza possa sfuggire: è la base della prevenzione. Oltretutto ho saputo dal governatore che si è trattato di un imprenditore che è andato in giro consapevole di non stare bene", afferma il medico, secondo il quale il dirigente si è poi ammalato gravemente a causa della carica virale contratta in Serbia, che potrebbe essere ancora elevata rispetto a quella italiana.

"Non l'ho mai negato che il virus circoli ancora", precisa Zangrillo, anche per rispondere alle critiche di alcuni colleghi. "Sta circolando negli Stati Uniti e in Italia nei focolai, ma qui circola in modo 'benigno'. In questo momento in Italia ha esaurito la sua forza letale, perché sta facendo quello che fanno tutti i virus, cioè adattarsi al suo ospite. Questo non vuol dire che sia mutato, ma qualcosa sta accadendo a livello delle proteine di superficie del virus: le stesse modificazioni che lo rendevano molto letale tre mesi fa, adesso lo rendono meno aggressivo", continua.

Per quanto riguarda gli Stati Uniti, Zangrillo spiega al "Corriere" che il Coronavirus sta circolando soprattutto nei giovani, dal momento che sembra essersi abbassata l'età media. A causa dell'elevata contagiosità, sono aumentate le ospedalizzazioni. Non è salita, tuttavia, la mortalità, questo perché probabilmente anche negli Usa il virus non è più in grado di scatenare una malattia grave. "Se per caso la curva dei decessi iniziasse a risalire, bisognerebbe riconsiderare l'ipotesi", aggiunge il professore.

Anche in Italia il Coronavirus sta in ogni caso continuando a circolare, ma secondo Zangrillo è ora possibile riprendere con le nostre attività. "Credo che abbiamo il 50% di possibilità che il Coronavirus ad autunno se ne vada". L'importante, insiste il medico, è che venga rimesso in equilibrio il rapporto tra l'ospedale e il territorio. Gli ammalati, infatti, devono essere ricoverati subito, dal momento che per combattere questa patologia è importantissimo agire con tempestività.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Iacobellig

Sab, 04/07/2020 - 11:11

Controllare chi entra in Italia e da dove, non escluderei untori ad hoc per far danni all’Italia, minando il turismo.

anna.53

Sab, 04/07/2020 - 11:16

Si potrebbe anche essere meno perentori, pur essendo scienziati illustri e tali restando.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Sab, 04/07/2020 - 11:17

Ha ragione!A proposito di allarmismi...vi ricordate il "pandemonio" per la vittoria del Napoli del 17 Giugno?...."SVENTURA"!!,..."SVENTURA"!!...il solito TERRORISMO,....beh,questi sono i "test" in Campania,ed i "positivi,e come immaginavo,questi sono i dati: 17/6 test 2693 positivi 1....e veniamo ai nostri giorni:27/6 test 3151 positivi 0(zero)-28/6 test 1535...0(zero)-29/6 test 1686...1(uno)-30/6 test 3277...1-1/7 test 2865...9-2/7 test 1.414... 3-3/7 test 2.441....10....una vera PANDEMIA,UN VERO DISASTRO!!!!!Allora,basta TERRORISMO?Basta BUFFONATE mascherate?Cosa volete,che non ci sia più UN caso di "coronavirus" in Italia,per "abbassare la guardia",per smettere questa sceneggiata mascherata,laddove al 95-98%% della popolazione il "virus" non fa niente,il 2-5% lo si cura(senza i disastri/errori fatti),con una "mortalità" NORMALE per tante patologie!La vogliamo FINIRE??!!

Jon

Sab, 04/07/2020 - 11:19

Zangrillo con pochi altri, brilla per ONESTA'..Non muore piu' nessuno di COVID32,gli ultimi 22 denunciati a Milano non sono per Covid. I CONTAGI, sono fasulli al 99,003%, ottenuti con 78 Tipi di Tamponi, di cui solo 3 Certificati. E noi, unici al Mondo, COME ZOMBIE , andiamo per strada con le mascherine, obbligatorie, tranne che nei mesi dove servivano. 2000 DENUNCE conto Conte e Speranza da studiosi e scienziati, sono trascurate, mentre Bill e Melinda prevedono un altra Pandemia e se la ridono soddisfatti nel video che li ritrae..

Ritratto di Gius1

Gius1

Sab, 04/07/2020 - 11:21

Speriamo abbia ragione. La gente e' stanca

Nes

Sab, 04/07/2020 - 11:22

A parte gli orrori del governo nel gestire l'epidemia/pandemia, credo che gli italiani saranno preparati a gestire da soli (che é meglio) l'eventuale 2 ondata e nel contempo anche a recarsi al lavoro, ma poiché quest'ultimo manca per grave colpa dei nostri governati, per loro con una seconda ondata, verteranno la colpa della disoccupazione alla pandemia

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Sab, 04/07/2020 - 11:56

Zagovian: concordo con te! Quelli che fanno è solo terrorismo psicologico.

Pigi

Sab, 04/07/2020 - 11:59

Il fatto riportato ieri, di una signora, che ha rifiutato di dichiarare le persone con cui aveva avuto contatti, dovrebbe far capire che in moltissimi casi la vera provenienza del contagio in realtè è sconosciuta perché il contagiato non ha dichiarato il vero. Se poi aggiungiamo che si tratta di "contatti strettissimi", in cui lo scambio di saliva è notevole, potremo concludere che sono state tratte conclusioni fallaci su come si comporta il virus, con misure assolutamente sproporzionate e inutili, in quanto basate su dichiarazioni reticenti.

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Sab, 04/07/2020 - 12:17

ora aspettiamo le controdeduzione di quello del Sacco....che in genere dice il contrario di tutto in tutte le tv

DIAPASON

Sab, 04/07/2020 - 12:22

con il virus si governa meglio

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Sab, 04/07/2020 - 12:25

zangrillo non è criticato in quanto medico, ma in quanto "medico personale di....." :-) la cosa cambia radicalmente !

Malacappa

Sab, 04/07/2020 - 12:49

Ah bhe'se lo dice zagrillo

Ritratto di Adespota

Adespota

Sab, 04/07/2020 - 13:02

Bene, però affermare che in autunno ci sia il 50 % do possibilità che il virus sparisca lo possiamo dire anche noi lanciando una monetina per aria.

mzee3

Sab, 04/07/2020 - 13:16

Viaggi Edizioni Locali Speciali Inserti Servizi A-Z manager nei Balcani, il funerale e il compleanno: ecco il focolaio covid che fa infuriare Zaia.VICENZA - Torna l’incubo del coronavirus in Veneto, con un nuovo focolaio in provincia di Vicenza. É il viaggio di un manager nei Balcani ad alzare nuovamente i contatori dei contagiati.Ma per il grande luminare la malattia "è uniformemente scomparsa nel contesto nazionale" e gli indicatori fanno ben sperare.

mzee3

Sab, 04/07/2020 - 13:19

Zangrillo, come medico dovrebbe sapere che una malattia non c'è più quando io malato non presenta sintomi e le analisi lo certificano. L'Italia è un malato con il virus che le circola dentro….questo significa che l'Italia è un malato con la malattia. Che poi nei suoi reparti non ci siano più (???) malati di covid.19 ...beh.. è una verità assoluta.!

agosvac

Sab, 04/07/2020 - 13:55

Il problema dei virus, di ogni virus, a quanto è dato capire, è conseguire un'immunizzazione. E' questo che fanno i vaccini: si inietta un virus depotenziato in modo da infettare le persone in modo lieve, l'organismo reagisce e crea anticorpi. Ma la stessa cosa si può ottenere in modo naturale. Se solo qualcuno si decidesse ad evitare l'uso delle mascherine, si avrebbero, forse, maggiori contagi ma lievi, visto il depotenziamento del virus ormai palese. Tra l'altro ormai si sa che l'uso delle mascherine non è che salva chi le usa o chi è vicino a chi le usa da ogni contagio: la percentuale è solo del 50%: in pratica usare le mascherine o non usarle dà la stessa percentuale. Purtroppo l'obbligo delle mascherine è l'emblema del Governo per schiavizzare gli italiani che si fanno fregare. Quando si vede uno che, da solo, nella sua macchina, guida usando una mascherina, viene da chiedersi: da chi si vuole proteggere visto che è solo, dal contagio di sé stesso?????

Ritratto di giannibarbieri

giannibarbieri

Sab, 04/07/2020 - 14:33

Un virologo non è un medico ma un biologo. Zangrillo non è uno specialista in malattie infettive ma un anestesista (che nulla ha a che fare con ciò di cui parla a sproposito)

cgf

Sab, 04/07/2020 - 14:35

niente paura, stiamo importando dall'estero, potremo andare ancora avanti

nino49

Sab, 04/07/2020 - 14:47

Purtroppo l'unico merito di Zangrillo è quello di dire le cose che noi tutti desideriamo sentirci dire ma ,,, così non è!! La verità è che il rigido e prolungato "lockdown" attuato in Italia "ha spento" letteralmente il virus impedendogli di rafforzarsi e autoalimentarsi coi contagi di massa. Lui però, pur ridotto in tanti piccoli focolai è sempre lì fuori, in agguato. Non è morto ma è come brace che cova sotto la cenere! Sta a noi non alimentarlo perseverando pazientemente con le misure di contenimento e distanziamento sociale. La sua definitiva scomparsa avverrà gradualmente nel tempo ma solo se avremo tanta pazienza!

bernardo47

Sab, 04/07/2020 - 15:12

Taccia perbacco.....ha rotto le balle con le sue stupidaggini insufflate politicamente.....

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Sab, 04/07/2020 - 15:14

...ma siete capaci di andare a vedere,con tutto il "casino" messo in piedi in Italia,il numero di morti/milione di abitanti?...Negli USA,con tutto l'attacco a Trump,sono 397...in Brasile,con tutto l'attacco a Bolsonaro,sono 298,...Messico 226,...Per non parlare dei "virtuosi"(che non hanno fatto TERRORISMO):Taiwan 0,3...Korea 6...Singapore 4...Giappone...8....ITALIA:576!!!!....Maglia nera?:San Marino con 1238!!(Bravi eh?)...e il Belgio:843(anche loro bravi...).La vogliamo smettere con il TERRORISMO?Vogliamo lasciare muovere LAVORARE il 95-98% della popolazione,e prenderci cura del 2-5%,che potrà sviluppare dei problemi,SIN DALL'INIZIO,con le cure adeguate,che ci sono,che SONO SEMPRE ESISTITE,senza intubare nessuno,senza ammazzare l'80% che è stato intubato/MAL CURATO?

fabio_

Sab, 04/07/2020 - 15:35

@giannibarbieri- Il medico dopo aver studiato biologia e le malattie infettive entra in campo per gestire la malattia (COVID19). Il biologo, nel suo laboratorio studia vita e morte del microrganismo (SARS-CoV-2). Dall'intelligente e lucida collaborazione dei due ( esempio: Zangrillo e Clementi, quest'ultimo direttore del laboratorio di microbiologia e virologia del San Raffaele) si hanno gli strumenti più adeguati per affrontare i malati. Il politico ( nel nostro caso: ?) deve proteggere i soggetti a rischio e tutelare il resto della popolazione sia dal virus/malattia che dalle conseguenze del tentativo di arginarlo.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Sab, 04/07/2020 - 15:41

bernardo47 15:12...bella gioia,anche i dati della Campania sono balle?...su 5,8 milioni di abitanti,lei continua a "menarla",con qualche "caso positivo"(che si cura senza problemi),dopo il PANDEMONIO-SVENTURA sollevato il 17 Giugno?...Mah!

ST6

Sab, 04/07/2020 - 15:45

Zagovian: "Ha ragione!A proposito di allarmismi...vi ricordate il "pandemonio" per la vittoria del Napoli del 17 Giugno?...." Certo. Tutte gravissime offese a sfondo razziale senza sostanza infatti, Zangrillo docet.

Ritratto di Fralabbate

Fralabbate

Sab, 04/07/2020 - 15:45

Ma siete ancora qua a incensare il lockdown? Ma vi rendete conto che ci sta mezzo mondo che non lo ha applicato e sta meglio di noi? Informatevi con gente che vive fuori, non sui giornaloni. A breve vedremo gli effetti economici del lockdown, e li si che ci sará da piangere.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Sab, 04/07/2020 - 16:33

ST6 15:45...cosa centrano le offese a sfondo razziale,con il fatto di criticare gli "allarmismi"(da qualunque parte arrivino),e criticarne il contenuto(da qualunque parte arrivi)? Io non sono abituato ad "ammassare l'intelletto" nel "melt pot"!

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Sab, 04/07/2020 - 16:42

Fralabbate 15:45...Certo!vedrà a Settembre(e negli anni a venire...) gli effetti di questo TERRORISMO!

cgf

Sab, 04/07/2020 - 16:45

@Fralabbate Sab, 04/07/2020 - 15:45 Intende Brasile o Svezia o USA e Russia dove di fatto la gente non ha rispettato? CMQ c'era da muoversi prima del lockdown, guardi Taiwan che per non offendere la Cina non viene mai nominato. Non hanno nemmeno chiuse le scuole, ma TUTTI i viaggiatori sono stati schedati e controllati già da Dicembre

cgf

Sab, 04/07/2020 - 16:51

@Zagovian Sab, 04/07/2020 - 15:14 Il dato "x milione" è importante, ma non determinante. Il virus, tutti i virus, prosperano di più là dove vi sono maggiori assembramenti, ecco spiegato perché in quel 'fazzoletto' che è SanMarino vi sono stati più contagiati (ok tralascio che i contagiati li trovi se fai tamponi e se non li fai…) Negli USA vi sono aree scarsamente popolate altre molto di più, a NYC i numeri sono molto superiori da quelli da lei citati.

cgf

Sab, 04/07/2020 - 16:53

@Zagovian Sab, 04/07/2020 - 15:14 Il dato "x milione" è importante, ma non determinante. Il virus, tutti i virus, prosperano di più là dove vi sono maggiori assembramenti, ecco spiegato perché in quel 'fazzoletto' che è SanMarino vi sono stati più contagiati (ok tralascio che i contagiati li trovi se fai tamponi e se non li fai…) Negli USA vi sono aree scarsamente popolate altre molto di più, a NYC i numeri sono molto superiori da quelli da lei citati. Tanto per restare in Emilia-Romagna, vi sono RSA in cui sono morti anche 40 su 60 ospiti, di covid? non è stato fatto il tampone, però una RSA dovrebbe essere un ambiente protetto, no? Io penso che il neo-governatore...

Giorgio Colomba

Sab, 04/07/2020 - 16:57

Governo, Parlamento, istituzioni antifasciste e virologi progressisti annunciano con profondo dolore la prematura scomparsa del Covid-19. Con vivo disappunto precisano che anche l'annunciata seconda ondata è deceduta in culla. Nel ricordo dei bei tempi del lock-down che fu, si raccomanda caldamente di protrarre l'osservanza del distanziamento sociale – ed anche quello neuronale – come pure l'utilizzo a tempo indeterminato della mascherina non a fini di protezione, ma nella più evoluta funzione-bavaglio onde contenere possibili dissensi e/o intemperanze verbali, inopportune nel grave momento del virale trapasso. Una prece.

299

Sab, 04/07/2020 - 17:46

DIAPASON Sab, 04/07/2020 - 12:22 L'unica grande verità.

Ritratto di giannibarbieri

giannibarbieri

Dom, 05/07/2020 - 11:43

@fabio_ Zangrillo è un anestesista ! La collaborazione con il biologo è a pertinenza dell'internista, magari specializzato in malattie infettive, ma non certo in anestesiologia ! Fidati. Sono medico ospedaliero internista da 40 anni. Qualche cosa ci capisco. Come capisco che l'anestesista che non ha fame di gloria si limita a curare i malati di covid-19 non di parlare di cose che non gli appartengono.