E se il Big Bang non fosse mai esistito?

Si studia a scuola, tutti lo conoscono. Ma per la fisica è una teoria "incompleta". Un'alternativa? Il Big Bounce

Eh si, ci tocca cominciare questa rubrica scientifica dandovi una brutta notizia: avete presente la teoria del "Big Bang" (grande esplosione) da cui prende il nome la famosa serie televisiva? Probabilmente è sbagliata! La buona contro-notizia è che l’alternativa è ancora più affascinante: si tratta della teoria del "Big Bounce" o grande rimbalzo. Di seguito proviamo a spiegarvi in cosa consiste.

Cominciamo con una precisazione: cosa si intende qui per "sbagliata"? Ecco un esempio: nel 1687 Isaac Newton presentò al mondo una fantastica teoria della gravitazione che spiega una vasta quantità di fenomeni, come le mele che cadono dagli alberi e la terra che gira intorno al sole. Fallisce però nel rendere conto di altre osservazioni come, per esempio, la deviazione della luce dovuta all'attrazione gravitazionale dei pianeti. La teoria di Newton è quindi sbagliata? No, è incompleta!

Ci ha pensato la relatività generale di Einstein a completarla: è praticamente identica alla teoria Newtoniana quando vogliamo sapere perché gli oggetti cadono in terra o come i pianeti orbitano intorno al sole, ma descrive anche altri fenomeni che rimanevano inspiegabili. La relatività generale è l’odierna teoria della gravitazione, con implicazioni spettacolari come l’esistenza dei buchi neri. La usiamo ogni giorno anche noi, ogni volta che attiviamo il GPS del nostro smartphone.

Come la teoria di Newton, anche la teoria del Big Bang è incompleta. E la sua incompletezza è una diretta conseguenza dell’incompletezza della teoria della relatività generale. Aspetta, penserete, non ci avete appena detto che la relatività generale completa la teoria Newtoniana? Si, e fino ad ora non c’è nessun fenomeno osservato che non sia in accordo con la teoria di Einstein. Tuttavia, essa presenta delle incongruenze interne. Predice infatti l’esistenza di "singolarità spazio-temporali", cioè punti dello spazio-tempo in cui la teoria stessa non è più valida. Proprio una di queste singolarità è all’origine del Big Bang. Come?

La teoria del Big Bang

Nel 1929 Edwin Hubble fece una sconcertante scoperta: l’universo si sta espandendo. “In cosa si espande” sarà argomento di un prossimo articolo, quindi per ora non pensateci. Questa espansione è perfettamente spiegata dalle equazioni matematiche della relatività generale, che ci dicono anche che se riavvolgessimo il nastro del film della vita dell'Universo, lo vedremmo contrarsi per circa 14 miliardi di anni. A quel punto tutto l’universo sarebbe concentrato in un solo punto: la singolarità primordiale, nota a tutti come Big Bang! E qui sorge il problema: al Big Bang le equazioni non sono più valide e non possiamo usarle per sapere quale è il prequel del nostro film.

Potremmo fermarci qui, accontentarci della teoria del Big Bang e pensare che è così che il nostro universo ha avuto origine: da un'esplosione di un punto originata da non si sa cosa e non si sa perché. Un'intrigante ipotesi, però, è che le equazioni della relatività generale diventino incomplete (poco) prima che l’universo si comprima in un punto. Quando l’enorme massa dell'Universo si contrae in un volume molto piccolo, infatti, ci aspettiamo che entri in gioco anche la meccanica quantistica, la teoria usata per descrivere le forze microscopiche, come quella che tiene l’elettrone intorno al nucleo.

La teoria del Big Bounce

Per spiegare come è nato l'Universo, quindi, serve una nuova teoria che completi la relatività generale, incorporando la gravità con la meccanica quantistica. Alcune delle pretendenti, tra cui in particolare la "gravità quantistica a loop", predicono la comparsa di una sorta di nuova forza repulsiva che ferma la contrazione dell’universo, facendolo rimbalzare verso una nuova era di espansione. L’universo non può quindi contrarsi in un punto e il Big Bang è rimpiazzato dal Big Bounce. È come quando schiacciamo una palla di spugna con la mano: la palla si contrae fino a quando le forze elastiche delle fibre sono tali da renderci incapaci di schiacciarla ulteriormente. La gravità quantistica produce un effetto equivalente a queste forze elastiche, ed è così forte che la nostra mano è costretta a riaprirsi e lasciare la palla espandersi nuovamente.

La gravità quantistica dirige quindi il prequel del nostro film. Immaginiamo allora di guardare il film partendo da 15 miliardi di anni fa, un miliardo di anni prima del Big Bounce. Quello che vedremmo è l'Universo che si contrae per un miliardo di anni, rimbalza quando è piccolo come un protone, e si ri-espande, venendo popolato da stelle, galassie, pianeti e da noi stessi. Ad un certo punto potrebbe smettere di espandersi, cominciare a contrarsi, fino a rimbalzare ancora e ricominciare, in un eterno ciclo di espansioni, contrazioni e rimbalzi. Non ci resta che sperare di avere il prima possibile dati sperimentali che confermino o meno questa affascinante ipotesi.

Vuoi che un articolo tratti un tema che ti interessa? Scrivi a spaziocurvo@ilgiornale-web.it

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Jimmie01

Jimmie01

Dom, 12/01/2020 - 15:01

Articolo bellissimo. Grazie per aver reso possibile anche a me ( ne so meno di zero di Big Bang, quantistica et similia ) comprendere qualcosa dell’origine dell’universo.

razzaumana

Dom, 12/01/2020 - 15:08

...vien solo voglia di inchinarsi e ripetere con Leopardi... ..."E il naufragar m'è dolce in questo mare"

Ritratto di diplomatico

diplomatico

Dom, 12/01/2020 - 15:09

Il solo incipit, in un articolo dedicato alla scienza (cioè alla conoscenza), è un pugno allo stomaco: "Si studia ALLA scuola, tutti lo conoscono". Davvero desolante...

tremendo2

Dom, 12/01/2020 - 15:11

Primo: non ho mai creduto al bing bang. Secondo: non credo alle trasmissioni pseudoscientifiche della TV. Terzo: la scienza seria non parla di eterno e infinito perché sono costrutti mentali molto pericolosi, è come giocare tutto il giorno con le lamette da barba, prima o poi ci si fa male. Quarto: poi ci sono le mode anche per la scienza, per esempio la teoria delle stringhe. Quinto: faccio solo una domanda: cosa c'è oltre l'universo? E se c'è un oltre, vuol dire che c'è un confine. E quale sarebbe? ... Tutti si fanno male a rispondere a questa domanda per un semplice motivo.

patrenius

Dom, 12/01/2020 - 15:28

Io ho studiato briciole di fisica all'università e quando leggo di bigbang,buchi neri,materia oscura etc etc, trovo che non c'è poi tanta differenza da quando leggevo che Giove quando arrabbiato scagliava fulmini e Poaseidone faceva i maremoti. La terra ha tanti di quesi problemi da tenere occupati gli scenziati per mille e mille anni. Siamo seri!

polonio210

Dom, 12/01/2020 - 15:30

Dunque,se non ho inteso male,l'Universo continuerebbe all'infinito ad espandersi e contrarsi.Dando per esatta questa teoria l'Universo si ripresenterebbe sempre uguale a se stesso?Avremmo perciò,ad ogni ciclo espansivo,le stesse galassie e gli stessi pianeti?Di conseguenza nulla esclude che ad ogni espansione tutto si ripeta esattamente come ora.Ci sarà sempre una continua ripetizione di ciò che eravamo che siamo e che saremo?

Ritratto di theRedPill

theRedPill

Dom, 12/01/2020 - 15:39

Ottima iniziativa, spero di potervi leggere molto a lungo su queste pagine. Grazie!

Ritratto di C.L.N.

C.L.N.

Dom, 12/01/2020 - 15:42

E' nato prima l'uovo o la gallina? ..... si, ma non dimenticate che se non c'è il gallo ..... non se ne fa niente! Lo stesso vale per l'universo. Credetemi. Buon mal di testa a tutti. E intanto continuiamo a buttare miliardi di dollari o euro per cercare di rispondere a una domanda che non avrà mai risposta.

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Dom, 12/01/2020 - 15:46

Mi pare di aver sentito qualcosa al riguardo almeno qualche decina di anni fa. Quella volta, se ricordo bene, si cercava di capire se la "costante gravitazionale" si poteva considerare maggiore delle forze termodinamiche di espansione, di modo che, ad un certo punto, le forze di origine gravitazionale superassero quelle espansive e determinassero un'inversione del moto verso il centro di origine. Pero' questo mi sembrerebbe evolvere verso un singolo buco nero, dal quale non mi risulta si esca... Inoltre ultimamente sembra che le galassie accelerino la loro velocita' di allontanamento invece che rallentarla, riducendo ulteriormente il contributo delle forze gravitazionali.

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Dom, 12/01/2020 - 16:00

Curiosamente, riflettendo un attimo sulla grandezza infinitesima dell'universo nel suo primo istante, mi chiedo se non fosse possibile definire in quel momento una qualche grandezza che li' definisca una "localita". Se questo fosse possibile, allora potrebbe portare ad una migliore comprensione dei fenomeni di "non localita'", nel senso che, per la "sostanza" presente in quel primo istante, e quindi ancora priva di "tempo e spazio" potrebbe essere normale "mantenere il contatto con se stessa" anche all'interno delle "forme successive" prese nel continuo spazio-temporale. Ma e' solo un'elucubrazione.

diesonne

Dom, 12/01/2020 - 16:05

IESONNE LA TEORIA DEGLI E'N SOLO IPOTESI MA NON SPIEGA L'UNIVERSO.SI RICORDA QUELLO CHE SUCCESSO A S,AGOSTINO?ILO BAMBINO SULLAN SPIAGGIA CON LE MANI VOLOEVAN SVUOTARE IL MARE :COME E' POSSIBILE GLI DI DISSE S,AGOSTINO?AE NON E' POSSIBILE PER ME NON E'POSSIBILE NEANCHE PER TE SPIEGARE L'IMMENSITA' DELL'UNIVERSO;LE OPERE DIVINE SONO IMPENETRABILI,SI AMMIRANO,PUNTO

Ritratto di alfredido2

alfredido2

Dom, 12/01/2020 - 16:07

Difficile ,per la mente umana, immaginare tutta la materia dell'universo racchiusa nelle dimensioni di un protone.Quindi difficile immaginare sia il Big Bang che il Big Bounce . Adesso saremmo in fase di espansione ,a velocità crescente credo di aver capito ; la gravità quantitstica costringerà la materia a collassare di nuovo ? Chi può negare una espansione eterna nel tempo e nello spazio ?

vince50

Dom, 12/01/2020 - 16:19

La butto terra terra.A prescindere dalle mille domande senza risposte,per fortuna di tanto in tanto non si parla di Belen.

Divoll

Dom, 12/01/2020 - 16:26

Molti astrofisici contemporanei sostengono la teoria dell'electric universe e hanno abbandonato il big-bang, anche perche' non spiega molti fenomeni osservati oggi.

Rocknbike2010

Dom, 12/01/2020 - 16:26

Suvvia Tremendo2 (in nome omen) non ci lasci sulle spine!!! Non vuol davvero dirci come va a finire???

Mefisto

Dom, 12/01/2020 - 16:26

Sarà, ma l'eterno contrarsi e riespandersi l'avevo già sentita.

Divoll

Dom, 12/01/2020 - 16:36

@ tremendo2 - Concordo in pieno.

profpietromelis...

Dom, 12/01/2020 - 17:05

Ignoranti! Non sapete che non vi è alcunché di nuovo. Si tratta del secondo modello (Einstein-De Sitter, 1932) dei tre modelli proposti dall'astronomo russo Alexander Fridman. Periodi alternanti di espansione per il prevalere sino ad un certo punto dell'espansione e del suo esaurirsi per il prevalere conseguente della contrazione a causa della forza di gravità. E poi oggi prevale il modello del pluriverso. Universo del Big Bang è uno dei tanti universi che nascono da una CASUALE bolla di energia che espode.

profpietromelis...

Dom, 12/01/2020 - 17:12

Ignoranti! Non sapete che non vi è alcunché di nuovo. Si tratta del secondo modello (Einstein-De Sitter, 1932) dei tre modelli proposti dall'astronomo russo Alexander Fridman. Periodi alternanti di espansione per il prevalere sino ad un certo punto dell'espansione e del suo esaurirsi per il prevalere conseguente della contrazione a causa della forza di gravità. E poi oggi prevale il modello del pluriverso. Universo del Big Bang è uno dei tanti universi che nascono da una CASUALE bolla di energia che esplode.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Dom, 12/01/2020 - 17:12

@tremendo2 11:11...certo,....e se la vera creazione fosse il "Nulla", ovvero la mancanza assoluta di qualsiasi cosa, ovvero non ci fosse stata una “creazione”(alias "rimbalzo") finita ma infinita...? E’ come dire che l’esistenza "primaria" fosse il Nulla!.Noi siamo più portati a credere che un Infinito di non materia possa anche esistere, mentre quello di materia debba necessariamente essere il frutto di una qualche generatrice. La nostra mentalità, è strettamente connessa al concetto di creazione, all’uguaglianza:creazione=esistenza. Ma se creazione è, essa riguarda il segno +...; chi ha creato il segno -..? Chi può dire, chi è venuto prima? Probabilmente assieme, ovvero, non erano all’inizio, due entità come noi le vediamo ora, probabilmente due cose distinte e unite al tempo stesso. Materia e Nulla...chi è nato prima?L’esistenza della paradossale contrapposizione di due realtà!

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Dom, 12/01/2020 - 17:18

Luce, Buio,+ ,-,l’equilibrio a livello atomico, la sua somiglianza con il sistema cosmico. Il “vuoto” che c’è all’interno di un atomo? Le relative enormi distanze fra nucleo ed elettroni... Allora l’Infinito Universo come era? Era certo molto diverso, diversissimo...era +, era -, era materia, era Nulla,coesistenti. In questa situazione,non ha senso parlare di creazione, così come la intende il nostro intelletto. Inizia la Vita.Inizia la Morte..nascono assieme. Vita e Morte, che si toccano costantemente, come due liquidi attraverso una membrana osmotica. Si rincorrono,..si confondono, si toccano, ma sono distinti.

GovernoTecnico

Dom, 12/01/2020 - 17:20

Unica soluzione è creare un micro universo in laboratorio come hanno fatto con noi!

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Dom, 12/01/2020 - 17:21

Nulla senza Materia non esiste, non ha pertanto alcuna dimensione. La “realtà” è fatta di cose che esistono, pertanto di Nulla e di Materia. Materia senza Nulla non ha dimensione: dM+dN=infinito La Realtà=Infinito=Essere La forma a Sfera\Cerchio, è la forma delle Realtà, in quanto consente l’alternanza di equilibri, l’instaurarsi di equidistanze spaziali. L’infinito esiste a prescindere dalla esistenza di Materia: dM=infinito-dN Non si può dimensionare la Materia o il Nulla,in quanto non si può dimensionare l’Infinito. Possiamo notare però che: dM

alox

Dom, 12/01/2020 - 17:27

Quello che conta e' riconoscere gli errori e andare avanti...

routier

Dom, 12/01/2020 - 17:36

"...Ci sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quante ne sogni la tua filosofia..." ("Amleto" di William Shakespeare)

alox

Dom, 12/01/2020 - 17:39

...the "big bounce" e' completa?

antonellielio

Dom, 12/01/2020 - 18:16

Gloria al Padre .al Figlio e allo Spirito Santo . come era nel principio . ora e sempre nei secoli dei secoli. Infinito e la Libertà sono una cosa sola

Ritratto di rapax

rapax

Dom, 12/01/2020 - 18:22

ma basta non sanno una mazza, sono elucubrazioni mentali al limite della filosofia supportate dal comportamento delle radiazioni luminose, e ci hanno costruito una teoria! fanno i pragmatici con gli altri poi costruiscono castelli di carte su teorie e teorie, fatti o muti

baronemanfredri...

Dom, 12/01/2020 - 18:30

ACCIDENTI ORA CHE DIRANNO I SOLONI CD INTELLETTUALI CHE NON CREDONO IN DIO E CHE CREDONO AD UN BOTTO GENERATO CHISSA' COME, DOVE E DA CHI NON SO COME QUANDO CREDONO ALLE ATTUALI TEORIE DICENDO CHE LA SCIENZA SPIEGA TUTTO? SE DICO CHE CIO' CHE OGGI E' CERTO DOMANI MATTINO NO LO E'? VINCE50 E' FACILE CAPIRE UNA LEZIONE DI QUANTISTICA CHE CERCARE DI CAPIRE QUEL CERVELLO.

tremendo2

Dom, 12/01/2020 - 18:43

@Rocknbike2010 universo, infinito, limite, vuoto, ecc. sono solo costrutti mentali. Per esempio noi non abbiamo esperienza dell'infinito. Inoltre spazio e tempo non esistono, sono solo delle categorie mentali come aveva già detto Kant.

Ritratto di PollaroliTarcisio

PollaroliTarcisio

Dom, 12/01/2020 - 18:56

Una specie di cuore cosmico che pulsa, un po' lentamente per la verità.

corivorivo

Dom, 12/01/2020 - 18:59

Ma allora. se come scoprì Hubble l'universo va espandendosi, potrebbe ragionevolmente continuare ad espandersi all'infinito...e poi morire! perché dovrebbe ri-contrarsi per poi rimbalzare?!(complimenti per la trasmissione!)

@ollel63

Dom, 12/01/2020 - 19:19

ma quale big bang o big bounce o big qualsivoglia … c'è sempre la domanda: "e prima cosa c'era?". Qualsiasi cosa tu possa pensare non puoi fare a meno di farti altre domande……………… all'infinito. Serviranno infiniti anni, infiniti scienziati(!) … non sapranno mai, infinitamente mai nulla. L'avete capito, o no, che infinito significa INFINITO.

Ritratto di sbuciafratte

sbuciafratte

Dom, 12/01/2020 - 19:22

Eh già, ma la freccia del tempo che fa? Inverte il segno?

maria angela gobbi

Dom, 12/01/2020 - 19:28

come o cosa c'era PRIMA ...inutile parlare i milioni o miliardi di ANNI Diamine,gli Anni esistono solo con questa terra e questo sole Tutto il resto è SILENZIO (Schakespeare:Amleto)

Algenor

Dom, 12/01/2020 - 19:32

polonio210 Dom, 12/01/2020 - 15:30, probabilmente dato che la singolaritá non può essere differente da quella precedente, ogni fase di espansione dovrebbe replicare spazio e tempo allo stesso modo. Di fatto a distanza di miliardi di anni le nostre vite si ripeterebbero di nuovo in un cicli infinito.

bernardone

Dom, 12/01/2020 - 20:41

Una volta lessi che qualcuno aveva detto: la scienza non è un cimitero di teorie sbagliate! Bene però allora è un cimitero di teorie incomplete, sapendo che la nuova è già incompleta sin dall'inizio; poco male direi se non sapessi che molti scienziati tendono a fare metafisica piuttosto che fisica. Come interpretare infatti la frase degli estensori che noi "usiamo la teoria della relatività generale" ogni volta che usiamo il GPS? Direi che usiamo spazi concessi dalla natura più che teorie che si rivelano poi incongruenti.

scurzone

Dom, 12/01/2020 - 20:54

Ottimo articolo, un po' troppo in alto per molti che qui postano. Comunque il contrarsi dell'universo dipende dalla quantità di materia oscura, che sembra non essere sufficiente. L'Universo non ha bisogno di alcun gallo, sembra si sia formato da un' iniziale dissimetria del vuoto.

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Dom, 12/01/2020 - 21:08

Mi riesce difficile accettare le posizioni di alcuni post: a mio avviso e' solo cercando di meglio comprendere come funziona la nostra realta' che potremo migliorare la nostra stessa vita. Se non ci fosse stato un Newton, un Eulero, un Gauss, un Maxwell, un Einstein staremmo ancora a tirare un aratro con i buoi, nonostante i loro studi al tempo sembrassero quanto di piu' astruso e distante dalla realta' si potesse immaginare. Poi, che per certi versi la fisica sia anche una "moda", credo siano prima di tutto i fisici a saperlo...

Una-mattina-mi-...

Dom, 12/01/2020 - 21:09

BOH: MI PARE CHE SIANO CONCETTI GIA' TEORIZZATI FILOSOFICAMENTE, E DA MIGLIAIA DI ANNI. CITO, A SALTONI (SCUSA AGLI ESCLUSI), DAGLI ANTICHI FILOSOFI GRECI, ALLE CONCEZIONI DI VICO, PER ARRIVARE ALL'ETERNO RITORNO DI NIETZSCHE, PIUTTOSTO CHE ALLE VISIONI CIRCOLARI DELLA STORIA, PROPRIE DELLE FILOSOFIE ORIENTALI. IN PRATICA SCIENZA E FILOSOFIA CONVERGONO... VERSO UN NUOVO LOOP...

anita_mueller

Dom, 12/01/2020 - 21:12

Per favore, ricordatevi anche di menzionare Nikola Tesla, le cui scoperte (di cui la maggior parte tenute nascoste in un cassetto) hanno cambiato la nostra vita. All'epoca Einstein sosteneva, al contrario di Nikola Tesla, che lo spazio vuoto e che l'etere non esisteva: solo dopo molto tempo in un'intervista filmata ammette che Tesla avesse avuto ragione e che in effetti una teoria che non contempli l'etere risultava errata (dando di fatto ragione a Tesla). Che dire di quando Einstein criticava la fisica quantistica asserendo che "dio non gioca a dadi"? Alla fine anche in quello dovette ammettere che in effetti la fisica quantistica era l'unica a predire gli eventi nel mondo dell'infinitamente piccolo.

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Dom, 12/01/2020 - 22:14

X polonio210: te lo saprò dire tra 15 miliardi di anni....

Ritratto di faman

faman

Dom, 12/01/2020 - 22:16

diesonne-Dom, 12/01/2020 - 16:05: ho grande rispetto per chi crede, ma io che non sono credente non mi limito ad ammirare, mi piacerebbe capire, anche se è molto difficile.

Ritratto di faman

faman

Dom, 12/01/2020 - 22:18

eterno contrarsi ed espandersi.....respiro cosmico.....affascinante

Ritratto di faman

faman

Dom, 12/01/2020 - 22:18

concordo, una volta tanto non si parla di Belen......e nemmeno di Sanremo......

Ritratto di etaducsum

etaducsum

Dom, 12/01/2020 - 22:28

1/3 Quand’ero studentello – confrontando la mia età con quella dell’universo, direi circa 15 miliardi di anni fa – ci parlavano del big bang, e ci dicevano che con esso era cominciato lo spazio e il temo. Quest’ultimo era descritto come la misura della durata di un processo. I conti non mi tornavano. Mi domandavo perché l’esplosione fosse deflagrata in quel momento (il primo secondo della vita dell’universo in cui viviamo) e non un secondo prima o un secondo dopo. Ci significava che le condizioni per la deflagrazione sono andate realizzandosi. Di conseguenza in qualche modo c’era già lo spazio e il tempo. Mi ponevo all’inizio di tutto. A quel punto c’erano due sole possibilità o il nulla assoluto o l’esistenza di qualcosa. L’uno o l’altra non poteva che essere tale da sempre e per sempre; eterni.

Ritratto di etaducsum

etaducsum

Dom, 12/01/2020 - 22:30

2/3 Mi dicevo: di fatto il nulla assoluto non è mai esistito; dal nulla non può venire nulla. Io però esisto, quindi, delle due alternative. quella vera è l’esistenza, da sempre e per sempre di qualcosa. Che cosa? Energia che si trasforma in materia o viceversa? Difficile per me da immaginare: l’universo era in espansione e tale espansione veniva frenata dalla gravitazione reciproca delle galassie e dell’insieme dei corpi celesti. Se la massa totale di questi corpi celesti era abbastanza grande, l’espansione dell’universo si sarebbe fermata e sarebbe iniziato il processo opposto, fino ad arrivare ad un nuovo big bang. In caso contrario, l’universo viaggerebbe verso la morte per entropia.

Ritratto di etaducsum

etaducsum

Dom, 12/01/2020 - 22:32

3/3 In ogni caso, big bang dopo big bang, c’e stato già tutto il tempo, un’eternità, perché l’energia degradasse in entropia. A meno che, me lo dicevo da credente, da sempre e per sempre non esista qualcosa che trascende l’energia e la materia: la realtà spirituale. Il Creatore.

Ritratto di sachiel333

sachiel333

Lun, 13/01/2020 - 07:12

Nulla si crea e nulla si distrugge, tutto si trasforma! Il Creatore fa' pulsare l'universo come un'immenso respiro...! Il Big Bang è un'emerita minchiata, gli scienziati , quelli veri, che vanno alla ricerca di DIO, poiché la VERA SCIENZA E LA VERA FEDE SONO SOLO DUE FACCE DELLA STESSA MEDAGLIA , lo hanno sempre saputo! Basta guardare ed ascoltare l'intervista del Prof. Antonio Zichichi, dal titolo : Perché io credo in colui che ha fatto il Mondo!

electric

Lun, 13/01/2020 - 07:44

In realtà il Big Bounce appare alquanto inverosimile. L'enorme entropia dell'universo, e quindi la sua bassissima efficienza meccanica, fa sì che l'universo non abbia abbastanza energia per ricompattarsi. Inoltre per validare questa teoria l'espansione doveva rallentare con il tempo, non accelerare

Franco Ruggieri

Lun, 13/01/2020 - 08:36

Non mi chiamo Albert e nemmeno Einstein, ma ho una mia idea che è questa. Abbiamo avuto da poco la conferma fotografica dell'esistenza dei buchi neri. Ebbene: io penso che i buchi neri si accresceranno, "mangiandosi" l'uno con l'altro, finché non ci sarà altro che un unico mega-buco-nero, così carico di materia/energia che sarà instabile finché non esploderà. Un altro big bang, insomma. E così via, a cicli continui.

Savoiardo

Lun, 13/01/2020 - 08:37

Ottimo articolo. Chiarissimo.

Ritratto di Mariopp

Mariopp

Lun, 13/01/2020 - 10:22

Bell'articolo con un linguaggio coinvolgente

dagoleo

Lun, 13/01/2020 - 10:22

la nostra testa di uomini è troppo piccola e limitata per poter comprendere l'infinito. confido in Bergoglio e Scalfari affinchè, con l'aiuto di Pachamama, riescano a spiegare l'inspiegabile.

gneo58

Lun, 13/01/2020 - 10:26

2020.....piccoli esseri ancora estremamente ignoranti cominciano a guardare dal buco della serratura, e di la' vedono sono l'altra stanza, per il resto della casa, del palazzo, del quartiere, citta ecc ecc bisognera' aspettare ancora millenni se non altre cifre improponibili. E questo sempre che la prossima estinzione di massa non arrivi troppo pesto.

Ritratto di computerinside

computerinside

Lun, 13/01/2020 - 10:40

Dio no vero? Eppure sarebbe una risposta ...molto più realistica di tante "teorie".

TECNOCRASH

Lun, 13/01/2020 - 10:49

Sembra che si voglia sostituire una teoria non dimostrabile con un'altra ugualmente non dimostrabile! Cominciare con qualche articolo di base no?

Libertà75

Lun, 13/01/2020 - 11:32

@tremendo2, oggi si tende a pensare che l'universo si espande e che oltre l'universo di siano altri universi ed esista quindi un multiverso. Come profMielis ha citato

rudyger

Lun, 13/01/2020 - 11:59

mi domando sempre se la somma di queste continue conoscenze sapranno rispondere alla più importante domanda: CHI SONO E COSA SONO IO ?

gneo58

Lun, 13/01/2020 - 12:27

computerinside - la prego di non tirare a mezzo personaggi dei quali lei (come tanti) non sa nulla se non quello che la chiesa le ha raccontato fin da piccolo. Cioe' un sacco di bugie.

GovernoTecnico

Lun, 13/01/2020 - 12:31

Riflessione a chi nomina Dio, in Genesi si parla del pianeta Terra no dell' intero universo. Chi ha orecchie per udire oda!

electric

Lun, 13/01/2020 - 13:03

GovernoTecnico: la creazione coinvolge l'intero universo, non la sola Terra. Prologo di Giovanni: nulla è stato fatto senza di Lui (ossia il Verbo).

Ritratto di Mariopp

Mariopp

Lun, 13/01/2020 - 13:35

Provo ad entrare nella discussione tra Polonio ed Algenor sulla possibilità che i cicli siano uguali tra loro. Credo che questa possibilità sia praticamente nulla. Se facessimo tornare l'universo indietro di pochi minuti e poi lo facessimo ripartire ci sarebbero già delle differenze, dovuta al caos a basso livello dovuto alla meccanica quantistica. Differenze piccole che però si accumulano. Se si parla di miliardi di anni, comprendendo anche un big crunch, siamo praticamente sicuri di avere due universi completamente diversi.

MudPitt

Lun, 13/01/2020 - 14:27

Eh, pero' la gravita' Newtoniana e' proprio sbagliata, non incompleta. Le equazioni sono diverse. E' solo che le soluzioni di dette equazioni sono di fatto indistinguibili in situazioni "ordinarie" e quindi "funziona abbastanza bene". Ma mica poi tanto. Gia' l'orbita di Mercurio mostra deviazioni dalla teoria Newtoniana.

Kucio

Mer, 15/01/2020 - 16:51

Grazie Professore per il cambio Lira euro a 1920, ci ricordiamo sempre che Lei esiste

Guido_

Ven, 17/01/2020 - 10:33

Se Big Bounce fu allora l'unica religione che ci ha azzeccato è l'induismo con la sua idea dell'universo ciclico.