Mostra con il Piss Christ. L'opera non sarà esposta

Ad avviare la polemica è stata la Lega Nord con i consiglieri regionali Manuel Vescovi ed Elisa Montemagni: "Non possiamo permettere che la Regione Toscana possa dare il suo patrocinio"

Andres Serrano con la sua opera contestata "Piss Christ"
Andres Serrano con la sua opera contestata "Piss Christ"

La foto di Andres Serrano "Piss Christ", che tante polemiche ha suscitato ancora prima di essere in mostra, non sarà esposta alla biennale internazionale Photolux Festival di Lucca. Ad annunciarlo, con una lettera aperta, è il direttore artistico Enrico Stefanelli.

"La mia convinzione era che, a quasi trent'anni di distanza, il lavoro di Serrano - scrive Stefanelli - potesse essere visto in chiave storica, avendo esaurito la sua vis polemica negli anni. Con dispiacere mi sono accorto invece che la coscienza socioculturale ha dimostrato una inadeguatezza al riconoscimento della libertà di espressione artistica e ho dovuto constatare che i tempi e i luoghi non sono ancora sufficientemente maturi per il riconoscimento della libertà di espressione".

"Tutto il lavoro fatto per costruire un Festival equilibrato e profondo, per portare a Lucca grandi autori internazionali e per costruire intorno alle mostre un programma straordinario di dibattiti, workshop, letture portfolio ed eventi, sarebbe sprecato. E tutto questo per una fotografia che, al di là del suo valore storico, nulla potrebbe aggiungere alla ricchezza di questa edizione. Il Festival non lo merita. Lucca non lo merita", rileva il direttore che aggiunge: "Per questo, e cosciente del fatto che questa fotografia va a toccare in maniera così forte la sensibilità di moltissime persone e di tanti cristiani che hanno manifestato il loro dissenso e ai quali vanno tutte le mie scuse, ho deciso che "Piss Christ" non farà parte di questa edizione del festival. Una decisione che ho preso con serenità, in modo che la polemica ideologica si possa svolgere su un altro piano e in altra sede risparmiando il contesto della manifestazione artistica".

In Italia ad avviare la polemica è stata la Lega Nord: "Non possiamo permettere che la Regione Toscana possa dare il suo patrocinio", avevano affermato nei giorni scorsi i consiglieri regionali Manuel Vescovi ed Elisa Montemagni, annunciando un presidio davanti alla sede della mostra per mostrare il proprio dissenso.

Mentre a Firenze infuriava la polemica sulla mostra di arte sacra, anche Giorgia Meloni, leader di Fratelli d'Italia, aveva alzato la voce: "Il Pd - afferma in una nota - ha deciso di concedere il patrocinio della Regione Toscana e del ministero dei Beni Culturali a una mostra che espone l'opera 'Piss Christ', una fotografia di un crocifisso immerso in un bicchiere di urina. È la stessa sinistra che reputa offensivi il presepe, i crocifissi nelle scuole, i simboli cristiani perchè urtano la sensibilità degli immigrati".

L'opera aveva già creato tensioni, più di recente, nel 2011, per un'esposizione ad Avignone, in Francia, quando due uomini avevano colpito l'opera con un martello e un punteruolo per poi darsi alla fuga.

Commenti