Davenport rischia l’amputazione

LondraLa prognosi resta riservata, Calum Davenport resta in bilico tra la vita e la morte. Dopo l’assurda aggressione di sabato il difensore del West Ham non solo rischia l’amputazione di entrambe le gambe ma, in caso di ulteriori complicazioni, la sua cartella clinica potrebbe drammaticamente aggravarsi. Per il momento i sanitari del Bedford Hospital South Wing, dove il 27enne difensore inglese è stato ricoverato d’urgenza alle prime luci dell’alba di sabato, preferiscono non sbilanciarsi, ma fanno sapere che la situazione è critica, se non disperata. «Calum ha perso molto sangue, sarà cruciale come reagirà il suo corpo nelle prossime ore», ha dichiarato un portavoce dell’ospedale. Fuori pericolo, viceversa, la madre del calciatore, la signora Kim, che nella colluttazione ha ricevuto una coltellata all’addome.
Nel frattempo restano in custodia i due principali indiziati, due uomini di 19 e 25 anni. Su di loro pende l’accusa di tentato omicidio. Mentre gli accertamenti proseguono, e l’abitazione di Davenport a Kempston resta off-limits per i rilevamenti della scientifica, emergono i dettagli della mattanza che ha visto il difensore del West Ham vittima dei due squilibrati, amici di sua sorella Cara. All’origine del litigio, proprio il rimprovero del giocatore alla sorella, accusata di accompagnarsi a due poco di buono. Di fronte a quelle parole i due uomini avrebbero organizzato la vendetta sotto forma di aggressione, con l’intenzione di rovinargli la carriera. Detto-fatto, i due si sono presentati a casa di Davenport armati di coltelli e lo avrebbero colpito in più punti ad entrambe le gambe. «Sono stata svegliata dalle urla che sentivo dalla strada ma pensavo che si trattasse di perditempo. Poi è arrivata un’ambulanza e ho capito che era successo qualcosa di grave», il racconto di una testimone al domenicale News of the World.
Chi ha visto Davenport dopo l’aggressione lo ha descritto esanime, completamente ricoperto di sangue. «Ho visto una scena incredibile, due persone riverse a terra, prive di sensi, c'era sangue dappertutto», ha raccontato un altro testimone. La seconda vittima dei due delinquenti è stata appunto la madre di Davenport, intervenuta in difesa del figlio e anch’essa ferita. Ora il giocatore si trova in terapia intensiva, accudito dalla moglie Zoe incinta del loro secondogenito. La cartella clinica è oltremodo preoccupante perché sono state danneggiate le arterie principali di entrambe le gambe. Arrivato ad Upton Park nel 2007 dal Tottenham per oltre tre milioni di euro, Davenport ha giocato anche nella nazionale inglese Under 21 e in questi giorni si sarebbe dovuto perfezionare il suo passaggio dal West Ham al Nottingham Forrest. In serata è arrivato anche il messaggio di auguri del tecnico del West Ham Gianfranco Zola. Ma ora il futuro di Davenport è un drammatico punto di domanda.

Commenti