Domani motori spenti, si gira solo in bicicletta

Centro chiuso per auto e motociclette. Ma pronto ad accogliere i milanesi su due ruote. In attesa degli alberi e di qualche chilometro in più di piste ciclabili, Milano si dà un ripulita celebrando la prima giornata nazionale della bicicletta. Domani il centro e la periferia del capoluogo lombardo accoglieranno tutti i seguaci di Bartali e Coppi desiderosi di trascorrere una giornata all’insegna dello sport, della cultura e dell’ambiente.
All’interno della cerchia dei Navigli sarà vietata la circolazione di auto e moto dalle 10 alle 18. Altolà anche in alcune zone all’esterno della cerchia, in particolare in via Palestro (nel tratto compreso tra via Marina e corso Venezia), nell’area pedonale di via Pio IV, nel tratto terminale di via Bertani, zona piazza Sempione, e in piazza Santo Stefano. Per chi arriva da fuori Milano, sarà possibile trasportare le bici gratis sui treni delle ferrovie Nord e sui convogli indicati da Trenitalia.
Per chi pedala tira aria di festa, un po’ meno per chi sarà costretto a lasciare l’auto in garage. Numerose le attività ricreative del Comune in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente, l’Anci (Associazione nazionale comuni italiani) e l’Ancma (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori). Dai luoghi chiusi al traffico all’esterno dei Navigli partirà una caccia al tesoro su due ruote, con arrivo in piazza Duomo (è possibile iscriversi sul sito www.eco-bike.it). Il Parco delle Cave (a Baggio) offrirà tornei di calcio e tiro con l’arco, oltre a passeggiate guidate per anziani, bimbi e famiglie. In collaborazione con i parchi Lambro, Ticinello e Muggiano, l’iniziativa Cascine Aperte permetterà ai ciclisti di comprare prodotti biologici e visitare le fattorie, mentre nel cuore della città si potrà assistere a esibizioni di Biketrial, acrobazie su due ruote, e percorrere tutta la Milano Liberty in una visita guidata. Per i possessori della tessera Bikemi, che permette il noleggio delle bici nei vari punti di bike sharing, ci sarà l’ingresso gratuito ai musei civici, come il Castello Sforzesco e il Museo Archeologico. E per i veri appassionati non mancherà una mostra di 25 biciclette storiche all’Ottagono, in Galleria Vittorio Emanuele. Gran finale con LiveMi, progetto dedicato alle band emergenti che si esibiranno in piazza Duomo sotto l’egida di Red Ronnie. Milano, infine, parteciperà al concorso Bicity, dedicato ai Comuni che offrono il percorso di strada più lungo riservato ai ciclisti in rapporto alla propria estensione territoriale. «Milano - ha spiegato l’assessore all’Arredo, al Decoro urbano e al Verde Cesare Cadeo, coordinatore dell’iniziativa - dimostra attraverso l’adesione alla prima giornata nazionale della bicicletta come il bike sharing sia il tema centrale della mobilità sostenibile». «La nostra giunta - ha aggiunto Riccardo De Corato, vicesindaco e assessore alla Mobilità e ai Trasporti -sta portando avanti progetti per rendere Milano una città più sostenibile, favorendo e incentivando forme di trasporto alternative all’auto privata». Nonostante la stretta, c’è chi potrà circolare comunque. Si tratta dei veicoli dei residenti nelle strade chiuse al traffico, di coloro che possiedono un box o un posto nelle zone «proibite», dei taxi e degli autobus. Chi trasporta un portatore di handicap, le forze di polizia, i vigili del fuoco, i carabinieri, i medici e i veterinari, i lavoratori ambulanti interessati alla chiusura di alcune strade, i religiosi, i giornalisti, gli edicolanti, gli sportivi e i donatori di sangue saranno ugualmente esentati dai divieti.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti