E l’esito dei test sulle banche sarà reso pubblico

L’Europa stringe i tempi per la pubblicazione degli stress test, gli esami con cui si verifica la solidità patrimoniale delle banche. La prossima settimana si siederanno attorno allo stesso tavolo Commissione Ue, Bce e Comitato europeo di vigilanza (Cebs), per definire le modalità di pubblicazione dei test. Sui tempi di diffusione delle prove “sotto sforzo“ non c’è però certezza: il presidente della Commissione Ue, Josè Manuel Barroso, ha ribadito ieri che la divulgazione avverrà entro luglio, mentre per il direttore generale della Banca d’Italia, Fabrizio Saccomanni, sarebbe «imminente», «non appena completati gli ultimi dettagli».
Resta inoltre da verificare se tutti i Paesi renderanno noti i risultati. La Germania ha per esempio già fatto sapere che senza l’ok degli istituti tedeschi non potrà pubblicare gli stress test. Così impone la legge.
Barroso ha anche confermato che a essere analizzate saranno per prime 25 banche a dimensione transnazionale, «ma alla fine saranno di più, l’obiettivo è di andare avanti. Ieri (giovedì, ndr) è stata presa una decisione di principio molto importante». Barroso ha inoltre anticipato che in una seconda fase i test potrebbero essere allargati a tutto il sistema finanziario. E il commissario Ue per il mercato unico, Michel Barnier, ha aggiunto: «Penso che la trasparenza sia sempre una grande virtù». Anche in Italia sarà reso pubblico l’esito delle prove: «Abbiamo tutto da guadagnarci», ha affermato il governatore di Bankitalia, Mario Draghi. «Bisogna essere trasparenti con i propri clienti, che vogliono sapere dove investono, quali titoli acquistano e dove depositano i propri risparmi», ha aggiunto Draghi.
Gli esami prendono in considerazione la reazione delle banche in un contesto di recessione protratta, secondo uno scenario di «stress macroeconomico» concordato con la Bce. Se il test dà risultati negativi per una banca - secondo quanto si apprende - oltre alla pubblicazione dei risultati dovrebbero essere rese pubbliche anche le misure di sostegno che un governo intende prendere.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti