E ora scoppia il caso del «radio calcio»

La dichiarazione di Piersilvio Berlusconi («senza diritti tv non è possibile annunciare un gol in diretta») ha fatto scoppiare il caso delle radiocronache calcistiche. Il responsabile delle radiocronache del Gr Rai, Bruno Gentili, dice che «dubito si possa impedire a una trasmissione come Quelli che il calcio di mandare in onda le voci dei radiocronisti, in particolare all’annuncio del gol. Francamente non ci vedo alcuna condotta illecita». Anche il Comitato di redazione di Rai Sport e quello del Giornale radio hanno chiesto in una nota «alla Lega ma soprattutto alla Rai di tutelare in ogni sede i diritti televisivi in chiaro della coppa Italia e quelli radiofonici di campionato e coppa Italia acquisiti dal servizio pubblico». «Non sappiamo - conclude la nota - se la Lega Calcio, che fin qui ha chiuso non uno ma entrambi gli occhi vorrà mutare atteggiamento».
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.