Ecologia Riparte domani ScArt Attack: da rifiuti a oggetti d’arte

Materiali di scarto, prodotti usati, cose destinate al cestino dei rifiuti trasformati in manufatti artistici. Torna ScArt Attack in versione estiva, la mostra-mercato dedicata ai designer e agli stilisti che utilizzano oggetti riciclati per le loro creazioni. L’evento organizzato da Suitemagazine.com, web magazine di intrattenimento e cultura sempre attento alle tematiche ambientali, parte domani alle 18 con il primo di una serie di appuntamenti dedicati all’ecosostenibilità. Al circolo sportivo Olympic Club in lungotevere Pietra Papa si potrà curiosare e fare shopping nel mercatino-expo e gustare un aperitivo di Domino FoodFactory a bordo piscina e sotto le stelle. Pizza, cucina locale, piatti tradizionali rivisitati per chi si fermerà a cena. Non mancherà la musica. Alla consolle il team tutto al femminile di Suitecasemagazine.com.
Dopo gli appuntamenti invernali all’Antù, ScArt Attack ha partecipato nel mese di maggio alla manifestazione «La scuola in piazza». Ora gli artisti del ri-uso tornano protagonisti con abbigliamento, bijoux, sculture, accessori, manufatti realizzati esclusivamente con materiali di scarto.
Oltre ai creativi del riciclo, ci sarà anche lo Yard Market con uno stand del baratto libero «senza valutazioni e basato sul principio che una cosa diventata inutile per qualcuno potrebbe essere utilissima per qualcun altro». L’invito dell’associazione Hyarbor, che allestisce lo spazio dedicato allo scambio, è di liberare armadi e soffitte da vestiti, accessori e prodotti di ogni genere non più utilizzati per barattarli con qualcosa di utile. Gli oggetti che non saranno scambiati potranno essere lasciati in appositi contenitori. Diventeranno materia prima da plasmare e trasformare in nuove creazioni.
Nell’Italia del turbo-consumismo, dove la durata delle cose è sempre più breve e i rifiuti diventano un’emergenza, ScArt Attack invita a ridurre l’impatto sull’ambiente promuovendo il riciclo.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti