Assolegno: "Gestione dei boschi, bene gli accordi di foresta"

Il presidente Angelo Luigi Marchetti: "Con l'art 35 del Dl Semplificazioni introdotti strumenti importanti per ridefinire la proprietà forestale e la gestione attiva del bosco che deve portare ricchezza e benessere a tutti"

Assolegno: "Gestione dei boschi, bene gli accordi di foresta"

“Gli accordi di foresta sono strumenti per ridefinire la proprietà forestale: primo vero tassello per attivare una gestione attiva del bosco. Infatti, senza le dovute superfici, diviene impossibile definire una pianificazione del territorio, rendendo le aree marginali, come quelle montane, ancor più di difficile ammodernamento. Questo strumento può essere anche un volano per un razionale processo di implementazione della viabilità forestale, per facilitare l’ingresso, il taglio e le operazioni di esbosco. E uno strumento per delineare strategie attive di difesa del territorio montano e del suo contesto socioeconomico”.
Giudizio positivo da parte di Angelo Luigi Marchetti, presidente di Assolegno di FederlegnoArredo e Marco Vidoni, consigliere incaricato per il Gruppo Prime Lavorazioni dopo l’approvazione del Dl semplificazioni che definisce nell’art.35 gli accordi di foresta introducendo misure di semplificazione e promozione dell’economia circolare nel settore foresta-legno.

“Un risultato importantissimo per la nostra filiera che ha visto la collaborazione trasversale di tutte le forze politiche, del Mipaaf e di Uncem (Unione nazionale Comuni enti montani). Come Assolegno, - spiega ancora Marchetti -. Abbiamo avviato un dialogo costante con vari soggetti istituzionali per valorizzazione alcune specie autoctone come il faggio, creando un nuovo cluster industriale nazionale legato all’utilizzo della nostra materia prima. È infatti impensabile, e non più sostenibile da tutti i punti di vista, che il 33% della nostra superficie nazionale coperta da boschi sia di fatto utilizzata solo in termini marginali, per lo più per legna da ardere.

"Il bosco – conclude Angelo Luigi Marchetti – con i suoi 11 milioni di ettari deve portare ricchezza e benessere a più livelli, a partire dagli stessi proprietari, ma non si può più prescindere anche da un legittimo interesse economico legato alla sua gestione, fondamentale per riportare l’attenzione del legislatore e della stessa collettività”.

L’art. 35 bis, prevede fra le altre cose “la realizzazione di interventi e di progetti dedicati allo sviluppo di filiere forestali e alla valorizzazione ambientale e socio-culturale; promuove sinergie tra coloro che operano nelle aree interne sia in qualità di proprietari o di titolari di altri diritti reali o personali sulle superfici agro-silvo-pastorali sia in qualità di esercenti attività di gestione forestale e di carattere ambientale, educativo, sportivo, ricreativo, turistico o culturale”.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti