Bari e i tempi della Vigilanza

Banche: la storia si ripete. Ora è la volta della Popolare di Bari, salvata per decreto e commissariata. Pessima gestione finanziaria, management imbarazzante, autorità di controllo poco presente. Vittime? I risparmiatori. Come per Mps, Popolare di Vicenza, Veneto Banca, Carige, le quattro banche territoriali. E mi fermo qui, perché è Natale.

La politica che adesso si scaglia contro Bankitalia, lo fa per speculazioni a fini elettorali. Per non dire dei penosi litigi sulla presidenza dell'inutile Commissione parlamentare d'inchiesta sulle banche. La riforma di Bankitalia è necessaria, urgente. Perché, come si evince dal crac della Popolare di Bari a meno che qualche funzionario sia stato complice siamo alla domanda di sempre: che poteri ha Bankitalia?

Sono convinto che vada sganciata dalle invadenze delle politica. Sburocratizzata. Autonoma per vigilare al meglio. L'Istituto patisce il male atavico delle nostre autorità di controllo: il ritardo nel passare all'azione.

Chissà perché a un certo punto il meccanismo si inceppa e il tutto procede con la flemma del bradipo. Eppure, i professionisti di Bankitalia sono bravi nell'indagare e nel produrre dettagliati report, peccato che poi rimangano lì, magari infilati in un cassetto. In attesa che un domani qualcuno lo apra. Ed è per questo corto circuito che diverse banche hanno potuto e possono continuare allegramente a operare con gestioni opache; con metodi inaccettabili, penso ai vertici sempre vessatori con i malcapitati funzionari (le pressioni sono per lo più vocali, pressoché assenti i riscontri digitali e cartacei) costretti a una stressante quotidianità a danno del cliente. Con la minaccia di sanzioni pesanti ed umilianti, fino al licenziamento.

Un clima avvelenato, «truccato». Una vicenda da BancaRotta, come scrissi in un libro di qualche anno fa proprio sui misfatti del Sistema Banche e i vizi di Bankitalia.

www.pompeolocatelli.it

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

flip

Mar, 24/12/2019 - 09:44

Pompeo Locatelli. troppo buono! Rimane il fatto che i correntisti sono stati truffati! e probabilmente i 'responsabili....scusati! Il correntista non ha difese..... è solo uno che rifocilla il 'sistema'!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 24/12/2019 - 10:36

Mah, quando semnto che il responsabile fa sparire 5,5 milioni dal suo conto un'ora prima che venisse commissariata la banca....certo che lascia perplessi. Cerro che per le banche, doi fatto anche nei tempi addietro, la sinistra al governo non ha tutelato i risparmiatori.

Ritratto di adl

adl

Mar, 24/12/2019 - 12:18

E' tutto così, purtroppo, non è solo un problema di banche e di risparmio, è un problema di PUBBLICA AMMINISTRAZIONE. Laddove c'è bisogno di controlli la P.A. fa acqua sempre e comunque e nella P.A. includerei a pieno titolo anche la Giustizia che ha un ordinamento a parte. La retribuzione pubblica NON DEVE ESSERE UNA VARIABILE INDIPENDENTE, e bisogna iniziare a ragionare in termini DI PERFORMANCE SISTEMICHE, con logiche economiche di tipo privatistico. LA GLOBALIZZAZIONE deve pervadere a livello sia retributivo che di efficienza anche la P.A. allargata. Laddove paga PANTALONE tutto deve essere trasparente e controllato in modo efficace ed efficiente.