Ecco come scatta la stangata sul bollo auto scaduto

Cosa fare se si è dimenticati di pagare il bollo e cosa succede

Ecco come scatta la stangata sul bollo auto scaduto

Sino all'ultimo giorno del mese successivo a quello di immatricolazione dell'auto. è questo il periodo utile per il pagamento del bollo auto, una delle "tasse" meno amate dagli italiani ma di cui non si può fare a meno se si ha una vettura. Così ogni anno, in periodi differenti, gli automobilisti italiani attraverso differenti metodi di pagamento (on line, sportelli bancari e delle poste, recandosi presso tabaccai, agenzie di pratica auto o presso le varie delegazioni ACI presenti sul territorio) effettuano il versamento per la propria vettura.

Qualche volta, però, la scadenza sfugge e se non si pone rimedio a questa dimenticanza in un determinato periodo di tempo si rischia di incappare in multe onerose ed addirittura in sanzioni.

Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta

Cosa è il bollo auto

Si tratta di un tributo regionale che incorpora la tassa automobilistica (cioè per la proprietà del veicolo) e quella di circolazione (cioè per poter circolare).

il pagamento deve essere effettuato entro l’ultimo giorno del mese successivo a quello di scadenza; quindi se questa cade al 31 marzo 2022, il bollo deve essere pagato entro il 30 aprile 2022.

Per quanto riguarda il primo bollo, invece i termini sono cadono nei mesi di aprile, agosto e dicembre con l'obbligo di pagamento della tassa nei mesi di maggio, settembre e gennaio.

Pagamento in ritardo del bollo auto

Se non si paga il bollo entro il termine riportato sopra, il proprietario dell'autovettura dovrà versare gli interessi di mora (con una percentuale annua dello 0,3%) le relative sanzioni. In questo modo si procede con quello che viene definito come "ravvedimento operoso"; nello specifico il ritardo comporta:

  • una sanzione pari allo 0,1% del complessivo del costo del bollo per ogni giorno di ritardo se questo è superiore ai 14 giorni
  • dell'1,5% se il ritardo è tra il quindicesimo ed il trentesimo giorno dalla scadenza naturale del bollo
  • dell'1,67% nel caso il pagamento sia effettuato tra i 30 ed i 90 giorni di ritardo
  • dello 3,75% nel caso di ritardo superiori ai 90 giorni ed entro un anno

Superati i 365 giorni non sarà più possibile usufruire del ravvedimento operoso e, in quel caso, la sanzione per il mancato versamento sarà del 30% di maggiorazione dell'importo dovuto oltre ad un interesse dello 0,5% per ogni semestre di ritardo nel pagamento.

Se il bollo auto non viene pagato per 3 anni consecutivi può addirittura scattare la radiazione del veicolo del PRA (Pubblico Registro Automobilistico) rendendo impossibile la circolazione del veicolo fatto salvo il caso in cui si proceda con una nuova immatricolazione oltre che, logicamente, al saldo con mora dei bolli non pagati.

Visita il software dell’Aci conteggia anche eventuali sanzioni e interessi.

Commenti