Bomba pensioni sul governo: possono cambiare gli assegni

La corte Costituzionale potrebbe dichiarare incostituzionale gli importi sulle pensioni di invalidità "costringendo" ad aumentarli

Una pronuncia attesissima quella della Corte Costituzionale prevista per il prossimo 23 giugno, i cui effetti potrebbero rappresentare, per il sistema delle pensioni, una vera e propria bomba sulle casse dell'Inps e dell'erario.

La suprema Corte, martedì prossimo, difatti, dovrà decidere riguardo alla richiesta della Corte di Appello di Torino riguardante le pensioni di invalidità totale, ritenuta da giudici piemontesi troppo bassa e, pertanto, in violazione dei principi dettati dalla Costituzione che prevede nell’art.38 della che "Ogni cittadino inabile al lavoro e sprovvisto dei mezzi necessari per vivere ha diritto al mantenimento e all’assistenza sociale".

L'attuale normativa prevede, difatti, che le persone con un’invalidità al 100% di età compresa tra i 18 e i 65 anni, viene riconosciuto un assegno mensile dell’importo di 286 euro in caso di un reddito inferiore ai 16.982,49 euro. Si tratta di una cifra estremamente bassa, soprattutto se messa a confronto con altre misure di sostegno al reddito come il Reddito di cittadinanza, ma pur essendo a lungo dibattuto un eventuale aumento degli assegni pensionistici, tutto è rimasto fermo sino alla richiesta della Corte di Appello di Torino.

I giudici piemontesi hanno ritenuto la somma prevista dalla legge "insufficiente a garantire il soddisfacimento delle elementari esigenze di vita", in violazione del primo comma dell'articolo 38 della legge fondamentale del nostro Paese. Sulla base di questa posizione dottrinale la Corte di Appello ha ritenuto che non sia corretto che ci sia una tale differenza d’importo tra la pensione di invalidità (286,81 euro) e l’assegno sociale (459,83 euro) chiedendo alla Corte Costituzionale una pronunciazione di merito riguardo all’articolo 12, comma 1, della Legge del 1972 (e successivi aggiornamento) sugli invalidi civili che determina l’importo dell’assegno di pensione per gli invalidi civili totali.

Il punto ora, è quello di capire cosa succederà nel caso in cui la Corte ritenesse fondate le motivazioni addotte dai giudici di Torino. Difatti, questo presupporrebbe una modifica sostanziale degli importi stabiliti per legge con conseguenze per nulla trascurabili sulle casse dell’Inps soprattutto a seguito degli ultimi mesi, dove di soldi per CIG e misure di sostengo varie ne sono usciti davvero tanti.

Inoltre, una posizione favorevole all’aumento degli importi da parte dalla Corte rafforzerebbe le richieste di rivalutazioni degli assegni sulle pensioni, che è una delle battaglie portate avanti dai sindacati e che hanno provocato più volte dei momenti di tensioni tra parti sociali ed esecutivo. A sostengo di questa richiesta di rivalutazione ci sono anche molte sentenze tra cui quelle riguardanti le cosiddette “pensioni d’oro” e di cui Il Giornale.it si è già occupato.

Nel 2019 la Corte dei Conti del Friuli Venezia Giulia aveva accolto un ricorso presentato dal Cida (la Confederazione dei dirigenti), evidenziando che il prelievo sulle pensioni alte fosse una "decurtazione patrimoniale arbitrariamente duratura del trattamento pensionistico, con acquisizione al bilancio statale del relativo gettito".

Inoltre, anche il Tribunale di Milano, come già la Corte dei Conti, aveva ribadito, relativamente al prelievo forzoso su questi assegni pensionistici “alti”, la violazione dell'art.1 del Protocollo 1 della Cedu secondo cui : "Ogni persona fisica o giuridica ha diritto al rispetto dei suoi beni. Nessuno può esser privato della sua proprietà se non per causa di utilità pubblica e nelle condizioni previste per legge e dai principi generali di diritto internazionale".

Tutti questi fattori, messi insieme, potrebbero davvero provocare un salasso nelle casse già vuote dello Stato.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di ANGELO LIBERO 70

ANGELO LIBERO 70

Gio, 18/06/2020 - 15:48

Per la serie "Una bomba al giorno" ecco a voi...

Sempreverde

Gio, 18/06/2020 - 15:54

Si e chi lavora 10 ore al giorno per 1200 euro com moglie figli e mutuo che diritti ha?

MammaCeccoMiTocca

Gio, 18/06/2020 - 16:00

Si, benissimo, e quelle che subirono il taglio delle rivalutazione della legge Fornero? il discorso è ancora aperto, quando si chiude?

gianf54

Gio, 18/06/2020 - 16:03

Benissimo!!!! Prima, però, controlliamo tutte le pensioni FALSE di invalidità, dopo ne riparliamo........

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Gio, 18/06/2020 - 16:08

non credo che la faranno passare questa idea, di far aumentare con una sentenza gli assegni sociali agli invalidi. altrimenti il governo collassa e forse i giudici rischiano di non vedere i loro lautissimi stipendi, poi, se collassa il governo, nemmeno i ministri, i sottosegretari, non vogliono che il governo si arrenda su questo perchè altrimenti... ciao ciao agli stipendi! e gli italiani che lavorano non possono permettersi altre tasse per mantenere questo esercito di disabili! la sproporzione sarebbe che per ogni disabile che riceve un assegno decente ci dovrebbero essere 100 che lavorano, quando attualmente è di un disabile e soltanto 5 che lavorano! vuol dire che 5 lavoratori devono dare allo stato 57 euro perchè il disabile possa ricevere 285 euro dallo stato. troppi....

Ritratto di Fabious76

Fabious76

Gio, 18/06/2020 - 16:08

Giusto alzarla, ma sarebbe ora che mettessero in campo anche degli strumenti adeguati per porre fine ai falsi invalidi.

Ritratto di hernando45

hernando45

Gio, 18/06/2020 - 16:14

D'accordo con gianfi 16e03. Qui dove sto vivendo ce n'è uno di 50 anni che da 7 anni percepisce l'invalidita al 100% anche se non vive piu in Italia ed e solamente Diabetico!!! AUGH.

Santorredisantarosa

Gio, 18/06/2020 - 16:25

QUANDO SI PARLA DI INVALIDITA' E' SOTTO INTESA LA LEGALITA' DELL'INVALIDITA'. ILLEGALITA' E' DARE SOLDI A CHI VIENE SPINTO PER DARE IN FUTURO VOTI ALLA SINISTRA

roberto.morici

Gio, 18/06/2020 - 16:33

@gianf54. Mi hai anticipato di una trentina di minuti.

isolalta

Gio, 18/06/2020 - 16:39

E NO NO CARI SIGNORI SE VOI DATE A GLI EXTRA COMUNITARI CIRCA 1200 EURO AL MESE PIU TUTTO IL RESTO GRATIS DATE ANCHE AGLI ITALIANI CHE SONO SOTTO HAI 1200 EURO E PORTATE A LORO LO STESSO IMPORTO. E ORA CHE GLI ITALIANI ABBIANO I STESSI DIRITTI

agosvac

Gio, 18/06/2020 - 16:42

Ma questa Consulta interviene solo quando c'è da stangare gli italiani? Si sa che a fronte di maggiori spese il Governo barzelletta aumenterebbe le tasse. Mai che la Consulta intervenga nelle cose che interessano gli italiani??? per esempio perché non si pronuncia sull'incostituzionalità dei dpcm????? E perché non si pronuncia anche su quel che fa il Presidente della Repubblica?????

ziobeppe1951

Gio, 18/06/2020 - 17:00

E c’è pure chi (lo conosco personalmente) si è fatto passare per matto ...lui dice..”l'ho fatto talmente bene che ci sono cascati”

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Gio, 18/06/2020 - 17:05

magari chiedersi perchè in territorio siculo c'è la piu' alta concentrazione di fruitori della 104...gia',perchè?? e chi ha firmato i pareri favorevoli? domande che rimaranno senza risposte

carpa1

Gio, 18/06/2020 - 17:16

Si potrebbero pure adeguare ma, per una questione di giustizia sociale, solo dopo revisione di tutte quante (al 101%, melius abundare quam deficere, nessuna esclusa) con commissioni ad hoc in cui siano presenti almeno 3 cittadini realmente abitanti entro un raggio di poche decine di metri dal povero invalido e che siano disposti a testimoniarne l'invalidità sotto giuramento e per iscritto con conseguenze penali in caso di falsa testimonianza.

bernardo47

Gio, 18/06/2020 - 17:20

I salassi sono stati gli 80 euro di Renzi a chi si è a chi no e il reddito di nullafacenza a sbafo da 780 al mese e quota cento che pure penalizza.......spero chela Corte indichi che invalidi totali, hanno diritto almeno a importo del reddito di cittadinanza.....sarebbero i soli ad averne davvero diritto......

rudyger

Gio, 18/06/2020 - 17:27

e per fortuna che i disegni di legge passano prima presso la Commissione Affari costituzionali!

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Gio, 18/06/2020 - 17:46

Finché i "tribuni della plebe" hanno la possibilità di turlupinare un popolo pecorone uso a brucare quello che trova cammin facendo una Nazione sedicente civile non potrà riscattare la dignità di un popolo ligio alle Leggi e suddito contribuente mentre tutt'attorno i lupi fanno banchetto con il gregge.

bernardo47

Gio, 18/06/2020 - 17:47

Se veri invalidi totali. Almeno i 780 del reddito cittadinanza, vanno riconosciuti eh? Sono loro i soli ad averne davvero diritti.....